Katja Zaccheo
Altre idee da Katja
Associazione Cerva Regia di Manduria. #Messapi #anciennegreek #atletigreci

Associazione Cerva Regia di Manduria. #Messapi #anciennegreek #atletigreci

Les puzzles et casse-tête des passionnés du bois. Ils sont gratuits à fabriquer ou construire soi-même en bois avec la méthode les plans la solution et quelques objets curieux ou activités inattendues.

Les puzzles et casse-tête des passionnés du bois. Ils sont gratuits à fabriquer ou construire soi-même en bois avec la méthode les plans la solution et quelques objets curieux ou activités inattendues.

"DALLA GRECIA A TARANTO". I Luoghi della Colonizzazione

"DALLA GRECIA A TARANTO". I Luoghi della Colonizzazione

10985375_752781841508849_7982563468934217116_n

10985375_752781841508849_7982563468934217116_n

Uno stabile settecentesco di sette vani, rialzato su tre gradoni, Pare che in questa abitazione sia andata a vivere anche la pittrice Olimpia Camerario, nata a Napoli nel 1864 e morta a Manduria nel 1947. Artista autodidatta, oltre a dipingere si dedicò anche all’arte della carta pesta. Viene ricordata principalmente per aver realizzato il ritratto di San Pietro per sostituire l’icona bizantina trafugata nel 1914.

Uno stabile settecentesco di sette vani, rialzato su tre gradoni, Pare che in questa abitazione sia andata a vivere anche la pittrice Olimpia Camerario, nata a Napoli nel 1864 e morta a Manduria nel 1947. Artista autodidatta, oltre a dipingere si dedicò anche all’arte della carta pesta. Viene ricordata principalmente per aver realizzato il ritratto di San Pietro per sostituire l’icona bizantina trafugata nel 1914.

La statua fu realizzata dallo scultore e pittore di Oria, Giuseppe De Simone, morto tragicamente in un incidente domestico, il quale impiegò una tecnica particolare per dare l’aspetto bronzeo al manufatto realizzato interamente con il cemento.

La statua fu realizzata dallo scultore e pittore di Oria, Giuseppe De Simone, morto tragicamente in un incidente domestico, il quale impiegò una tecnica particolare per dare l’aspetto bronzeo al manufatto realizzato interamente con il cemento.

Facciata cinquecentesca dell’abitazione del cardinale Tommmaso Maria Ferrara , definito dal Tarentini il più importante degli uomini di genio esistiti a Manduria . Il cardinale Ferrara nacque a Manduria nel 1647 da Francesco e Vittoria Bruni.

Facciata cinquecentesca dell’abitazione del cardinale Tommmaso Maria Ferrara , definito dal Tarentini il più importante degli uomini di genio esistiti a Manduria . Il cardinale Ferrara nacque a Manduria nel 1647 da Francesco e Vittoria Bruni.

Manduria (Ta) Via Ferdinando Donno al civico numero 10. Si tratta dello stemma di San Bernardino, adottato in seguito come emblema dei Gesuiti. Questo palazzo del Seicento, era la residenza di un ospizio per padri gesuiti. Questo trigramma “ IHS” veniva utilizzato sulla facciata di molte abitazioni per indicare che offrivano ospitalità ai gesuiti che si trovavano di passaggio in città.

Manduria (Ta) Via Ferdinando Donno al civico numero 10. Si tratta dello stemma di San Bernardino, adottato in seguito come emblema dei Gesuiti. Questo palazzo del Seicento, era la residenza di un ospizio per padri gesuiti. Questo trigramma “ IHS” veniva utilizzato sulla facciata di molte abitazioni per indicare che offrivano ospitalità ai gesuiti che si trovavano di passaggio in città.

Manduria (Ta). Portale del palazzo di proprietà dell’abate Serafino Gatti. Gatti, nacque nel 1771 e morì nel 1834, condusse i suoi studi presso gli Scolopi, divenne sacerdote e dedicò la sua vita ad educare i giovani. Di lui abbiamo numerosi manoscritti. In fondo alla strada, via Serafino Gatti, pare che un tempo esistesse la Porta Brindisi. Durante l’amministrazione del sindaco Giambattista Maggi , nell’ottobre del 1867 fu firmata la delibera per il suo abbattimento.

Manduria (Ta). Portale del palazzo di proprietà dell’abate Serafino Gatti. Gatti, nacque nel 1771 e morì nel 1834, condusse i suoi studi presso gli Scolopi, divenne sacerdote e dedicò la sua vita ad educare i giovani. Di lui abbiamo numerosi manoscritti. In fondo alla strada, via Serafino Gatti, pare che un tempo esistesse la Porta Brindisi. Durante l’amministrazione del sindaco Giambattista Maggi , nell’ottobre del 1867 fu firmata la delibera per il suo abbattimento.