viviana mazza

viviana mazza

48 followers
·
24 followers
Journalist, Corriere della Sera. Lived and worked in Catania, Turin, New York, Cairo, Milan. My beat starts in Alaska & finishes in Pakistan. RT NOT endorsement
viviana mazza
More ideas from viviana
Storia di Malala, dal 6 maggio tra i Bestsellers Oscar Mondadori)

Storia di Malala, dal 6 maggio tra i Bestsellers Oscar Mondadori)

Voci dal web: cosa dicono i blogger dei nostri libri - Storia di Malala

Voci dal web: cosa dicono i blogger dei nostri libri - Storia di Malala

Scopriamo la vita e le paure, le amicizie e i sogni di una ragazza lontana eppure vicinissima

Pensieri e riflessioni su "Storia di Malala" di Viviana Mazza

Il Pakistan: è qui che inizia la "Storia di Malala"

Il Pakistan: è qui che inizia la "Storia di Malala"

Malala a scuola con le compagne in una vecchia foto

Malala a scuola con le compagne in una vecchia foto

DAL CAPITOLO 1: "...Chiacchierando, le ragazze avvolte in grandi scialli scuri si stringono l’una all’altra dentro il pulmino della scuola... A volte, quando l’autista Usman accelera, non sanno come tenersi e rischiano di finire l’una addosso all’altra, tra lo spavento e le risate generali."

DAL CAPITOLO 1: "...Chiacchierando, le ragazze avvolte in grandi scialli scuri si stringono l’una all’altra dentro il pulmino della scuola... A volte, quando l’autista Usman accelera, non sanno come tenersi e rischiano di finire l’una addosso all’altra, tra lo spavento e le risate generali."

Dopo l'attentato ci sono state manifestazioni per Malala in tutto il mondo, a partire dal suo Pakistan

A Pakistani boy holds up a picture of schoolgirl Malala Yousufzai in Karachi, Pakistan, Oct. Yousufzai was shot in the head by the Taliban.

Malala portata via dopo l'attentato del 9 ottobre 2012

Peace-prize winning girl shot by Taliban to be sent abroad for treatment, Pakistani president says - World News

DAL CAPITOLO 2: "...Se solo Malala potesse aprire gli occhi, vedrebbe le case, le moschee, gli hotel, che dall’alto sembrano tutti uguali, bianchi e marroncini, farsi sempre più piccoli in mezzo alla natura. La sua città, ancora pallida dopo la guerra tra i talebani e l’esercito, riposa come un malato in convalescenza nel grembo delle colline coperte di pini.  Il grande fiume Swat la lambisce e fa crescere rigogliosi i suoi meli e albicocchi, ai piedi dei picchi più aspri dell’Hindu Kush."

DAL CAPITOLO 2: "...Se solo Malala potesse aprire gli occhi, vedrebbe le case, le moschee, gli hotel, che dall’alto sembrano tutti uguali, bianchi e marroncini, farsi sempre più piccoli in mezzo alla natura. La sua città, ancora pallida dopo la guerra tra i talebani e l’esercito, riposa come un malato in convalescenza nel grembo delle colline coperte di pini. Il grande fiume Swat la lambisce e fa crescere rigogliosi i suoi meli e albicocchi, ai piedi dei picchi più aspri dell’Hindu Kush."

Mingora, la città di Malala nella valle di Swat

Mingora, la città di Malala nella valle di Swat

"Il diario di una studentessa pachistana" scritto da Malala nel 2009, a soli 11 anni, sotto pseudonimo per il sito della Bbc (http://news.bbc.co.uk/2/hi/south_asia/7834402.stm). E' una delle fonti del libro "Storia di Malala"

In her words: Malala Yousafzai’s chronicle of life under the Taliban

DAL CAPITOLO 3:  TRE ANNI PRIMA  "...Un giorno, i soldati hanno lanciato le caramelle da lassù, e hanno continuato a farlo per un po’. Così, ogni volta che i bambini del quartiere li sentivano arrivare, correvano in strada. Ma poi l’esercito deve aver finito le caramelle, perché ha continuato a sparare e basta."

DAL CAPITOLO 3: TRE ANNI PRIMA "...Un giorno, i soldati hanno lanciato le caramelle da lassù, e hanno continuato a farlo per un po’. Così, ogni volta che i bambini del quartiere li sentivano arrivare, correvano in strada. Ma poi l’esercito deve aver finito le caramelle, perché ha continuato a sparare e basta."

Malalai di Maiwand, l'eroina da cui Malala prende il nome. "Malalai era la figlia di un pastore, aveva 17 o forse 18 anni e, quando stava per sposarsi, gli inglesi invasero l’Afghanistan. Il padre di Malalai e il suo promesso sposo si arruolarono.... Mentre si scontravano in un posto chiamato Maiwand, uno dei portabandiera fu ucciso, e le truppe afghane stavano per perdere la speranza. Fu allora che Malalai corse nel campo di battaglia..."

Pashtun Culture and History: Malalai of Maiwand- Pashtun heroine of the Second Anglo-Afghan War

CAPITOLO 4 "...Il gioco preferito dei cugini è mosca cieca. Malala viene bendata con una sciarpa annodata dietro la nuca e deve correre per prendere gli altri. Anche i talebani si coprono il volto quando infliggono le loro punizioni. Una volta Malala ha guardato al computer uno di quei cd distribuiti per strada: il “colpevole” era stato disteso a faccia in giù per terra, davanti alla folla, mentre tre o quattro uomini incappucciati lo tenevano fermo. E un quinto lo colpiva sulla schiena..."

CAPITOLO 4 "...Il gioco preferito dei cugini è mosca cieca. Malala viene bendata con una sciarpa annodata dietro la nuca e deve correre per prendere gli altri. Anche i talebani si coprono il volto quando infliggono le loro punizioni. Una volta Malala ha guardato al computer uno di quei cd distribuiti per strada: il “colpevole” era stato disteso a faccia in giù per terra, davanti alla folla, mentre tre o quattro uomini incappucciati lo tenevano fermo. E un quinto lo colpiva sulla schiena..."

"Anche a Malala, in fondo, piace guardare le foto del passato, in particolare quelle dei picnic di famiglia. È una tradizione della domenica a casa Yousafzai. O perlomeno lo è stata. Per i cugini, soprattutto per i più piccoli che sono nati in tempo di guerra, guardare le foto mentre Malala descrive quei posti è come ascoltare le favole della buonanotte, storie di un mondo di pace che non hanno mai conosciuto."

"Anche a Malala, in fondo, piace guardare le foto del passato, in particolare quelle dei picnic di famiglia. È una tradizione della domenica a casa Yousafzai. O perlomeno lo è stata. Per i cugini, soprattutto per i più piccoli che sono nati in tempo di guerra, guardare le foto mentre Malala descrive quei posti è come ascoltare le favole della buonanotte, storie di un mondo di pace che non hanno mai conosciuto."

Il documentario del "New York Times" su Malala di Adam Ellick e Syed Irfan Ashraf: un'altra fonte del libro "Storia di Malala"

"Weakness, fear and hopelessness died. Strength, power and courage was born." -Malala Yousafzai, Girl Shot by Taliban, Makes Appeal at U.