IL PROBLEMA DELL'ERRORE NELLA METAFISICA E NELLA GNOSEOLOGIA DI PLATONE, di Adolfo Levi. A Platone, in modo particolare, Levi dedicò una continua lettura che durò per oltre trent’anni: il suo primo saggio platonico è del 1918 e il suo ultimo fu dettato quasi morente nel 1948.  (dall’Introduzione di Giovanni Reale). http://www.victrixedizioni.it/prodotto/il-problema-dellerrore-nella-metafisica-e-nella-gnoseologia-di-platone/

IL PROBLEMA DELL'ERRORE NELLA METAFISICA E NELLA GNOSEOLOGIA DI PLATONE, di Adolfo Levi. A Platone, in modo particolare, Levi dedicò una continua lettura che durò per oltre trent’anni: il suo primo saggio platonico è del 1918 e il suo ultimo fu dettato quasi morente nel 1948. (dall’Introduzione di Giovanni Reale). http://www.victrixedizioni.it/prodotto/il-problema-dellerrore-nella-metafisica-e-nella-gnoseologia-di-platone/

SAGGIO DEL VOLGARIZZAMENTO DELLA BIBBIA - IL RANDELLO.  - Lebano • Opere • vol. V •  L’opera di Lebano presenta un tratto distintivo, che si rileva in tutti gli scritti, in essa si compie una doppia operazione, condotta soprattutto attraverso i significati più arcani della lingua, suffragati da una profonda conoscenza degli antichi autori e da una capacità non comune di penetrare gli arcani dei loro scritti.

SAGGIO DEL VOLGARIZZAMENTO DELLA BIBBIA - IL RANDELLO. - Lebano • Opere • vol. V • L’opera di Lebano presenta un tratto distintivo, che si rileva in tutti gli scritti, in essa si compie una doppia operazione, condotta soprattutto attraverso i significati più arcani della lingua, suffragati da una profonda conoscenza degli antichi autori e da una capacità non comune di penetrare gli arcani dei loro scritti.

DIO PRESSO I ROMANI. Un’opera in cui Domenico Fasciano raccoglie e cura una serie di articoli sulla concezione della divinità nella cultura greca e in particolare nella religione romana. L’autore rende partecipe il lettore delle sue riflessioni sulle nozioni di mito, di Dio e di Nume come sono da intendersi nella visione teologica romana, con una prosa coinvolgente da cui traspare il profondo amore e l’altrettanto ampia conoscenza della materia trattata.

DIO PRESSO I ROMANI. Un’opera in cui Domenico Fasciano raccoglie e cura una serie di articoli sulla concezione della divinità nella cultura greca e in particolare nella religione romana. L’autore rende partecipe il lettore delle sue riflessioni sulle nozioni di mito, di Dio e di Nume come sono da intendersi nella visione teologica romana, con una prosa coinvolgente da cui traspare il profondo amore e l’altrettanto ampia conoscenza della materia trattata.

Domenico Fasciano e Pierre Seguin presentano uno studio su uno dei sacerdozi più importanti della religione romana la cui conoscenza è indispensabile per cogliere l’anima del popolo romano, che poggia sui suoi diritti e doveri religiosi la forza del suo successo.

Domenico Fasciano e Pierre Seguin presentano uno studio su uno dei sacerdozi più importanti della religione romana la cui conoscenza è indispensabile per cogliere l’anima del popolo romano, che poggia sui suoi diritti e doveri religiosi la forza del suo successo.

Heidegger è oggi un filosofo glorificato quale pietra miliare dell’intero pensiero umano, per il fatto di aver ricostruito la “storia dell’essere” riportando così l’intero Occidente alle sue vere origini. È stato così che colui che era stato esecrato come l’ideologo del nazismo, divenne poi il guru ed idolo del più oltranzista e disinibito pensiero accademico anti-religioso, ultra-progressista, iconoclastico, riduzionista ed immanentista.

Heidegger è oggi un filosofo glorificato quale pietra miliare dell’intero pensiero umano, per il fatto di aver ricostruito la “storia dell’essere” riportando così l’intero Occidente alle sue vere origini. È stato così che colui che era stato esecrato come l’ideologo del nazismo, divenne poi il guru ed idolo del più oltranzista e disinibito pensiero accademico anti-religioso, ultra-progressista, iconoclastico, riduzionista ed immanentista.

Questa opera va considerata come un tributo amoroso all’Augusto Eterno e alla Divina Madre Roma, omnia terrarvm alvmna. In essa viene trattata l’arcana natura di Roma, il suo Mistero e la sua Missione, definendo così anche la funzione dell’Italia, del Popolo Romano-Italiano e dell’uomo chiamato a costituire la perfezione della Salute Pubblica nell’Orbe.

Questa opera va considerata come un tributo amoroso all’Augusto Eterno e alla Divina Madre Roma, omnia terrarvm alvmna. In essa viene trattata l’arcana natura di Roma, il suo Mistero e la sua Missione, definendo così anche la funzione dell’Italia, del Popolo Romano-Italiano e dell’uomo chiamato a costituire la perfezione della Salute Pubblica nell’Orbe.

"L’ Italia si vanta che in una sua città è nato Dante Alighieri, il quale nella Divina Commedia ha lasciato il maraviglioso monumento della maggiore altezza a cui abbia saputo elevarsi la moderna poesia. http://www.victrixedizioni.it/…/della-sapienza-riposta-dell…-•-carlo-vecchione/?hc_location=ufi

"L’ Italia si vanta che in una sua città è nato Dante Alighieri, il quale nella Divina Commedia ha lasciato il maraviglioso monumento della maggiore altezza a cui abbia saputo elevarsi la moderna poesia. http://www.victrixedizioni.it/…/della-sapienza-riposta-dell…-•-carlo-vecchione/?hc_location=ufi

Della sapienza riposta della letteratura antica seguita da Dante di Carlo Vecchione è un testo del 1850 che si colloca nella linea “esoterica” degli studi su Dante. Suscitò grande empatia nel Rossetti, che ne fece materia per i suoi studi. http://www.victrixedizioni.it/prodotto/della-sapienza-riposta-della-letteratura-antica-seguita-da-dante-•-carlo-vecchione/?hc_location=ufi

Della sapienza riposta della letteratura antica seguita da Dante di Carlo Vecchione è un testo del 1850 che si colloca nella linea “esoterica” degli studi su Dante. Suscitò grande empatia nel Rossetti, che ne fece materia per i suoi studi. http://www.victrixedizioni.it/prodotto/della-sapienza-riposta-della-letteratura-antica-seguita-da-dante-•-carlo-vecchione/?hc_location=ufi

Cicerone sospinse l’eloquenza all’apice (....) Ecco come la maestà della lingua latina fu corrotta da coloro che la vollero più ingrandire; poiché essi invece d’imitare.  Cicerone, ed unire la forza del sentimento alle grazie dello stile; la facondia alla precisione; la coltura, e l’eleganza alla chiarezza e semplicità; invece sublimarono il manierato, traendo l’eloquenza non dal florido seno della natura conosciuta, ma bensì da quello tenebroso dell’arida metafisica della simbolica natura.

Cicerone sospinse l’eloquenza all’apice (....) Ecco come la maestà della lingua latina fu corrotta da coloro che la vollero più ingrandire; poiché essi invece d’imitare. Cicerone, ed unire la forza del sentimento alle grazie dello stile; la facondia alla precisione; la coltura, e l’eleganza alla chiarezza e semplicità; invece sublimarono il manierato, traendo l’eloquenza non dal florido seno della natura conosciuta, ma bensì da quello tenebroso dell’arida metafisica della simbolica natura.

"E allora, se consideriamo che la nostra vita è turbata dall'incertezza e dall'ignoranza e che la sapienza è la sola che ci Sto arrivando! proteggere dall'assalto dei desideri sfrenati e dall'oppressione delle paure e c'insegna a sopportare con calma anche le offese della sorte e ci addita tutte le vie che portano alla quiete e alla tranquillità, perché dovremmo esitare a dire che si deve ricercare la sapienza per i piaceri che arreca e fuggire la stolidità per i fastidi che comporta"…

"E allora, se consideriamo che la nostra vita è turbata dall'incertezza e dall'ignoranza e che la sapienza è la sola che ci Sto arrivando! proteggere dall'assalto dei desideri sfrenati e dall'oppressione delle paure e c'insegna a sopportare con calma anche le offese della sorte e ci addita tutte le vie che portano alla quiete e alla tranquillità, perché dovremmo esitare a dire che si deve ricercare la sapienza per i piaceri che arreca e fuggire la stolidità per i fastidi che comporta"…


Altre idee
Pinterest
Cerca