THROWBACK THURSDAY

Il giovedì dei ricordi. Immagini del passato di Brescia
20 Pin120 Follower

THROWBACK THURSDAY BRESCIA Un anonimo viaggiatore documentò nel 1910 che, seguendo i portici del Teatro verso sinistra e percorrendo la via Granarolo e la via Spaderie, si arrivava in Piazza Vecchia, dove ad ovest sorgeva il palazzo della Loggia. Stava descrivendo vie oramai non più esistenti, che hanno lasciato spazio negli anni Trenta a piazza Vittoria. Ma Piazza Vecchia quale piazza era? L’insegna in cima all’arco di accesso è rimasta, pur priva dell’antico nome… #throwbackthursday

pin 3

THROWBACK THURSDAY BRESCIA Oggi vi presentiamo un’importante opera purtroppo andata perduta, "L'Annunciazione" di Arturo Martini. Nell’Archivio Fotografico dei Civici Musei di Arte e Storia abbiamo trovato questa bella immagine . Purtroppo l’opera di Arturo Martini, un notevole bassorilievo in terracotta posto sul porticato del Torrione, non ebbe il riconoscimento dovuto da parte della critica, né tantomeno del pubblico.

pin 3

THROWBACK THURSDAY BRESCIA Siamo ritornati in piazza della Vittoria per mostrare un caffè-ristorante che pochi ricorderanno, il Caffè Principe. Posto sul lato sud-est della piazza, quindi opposto al Caffè Impero, era stato disegnato dagli architetti Bega e Berardi, in sintonia con lo stile razionalista che aveva plasmato la nuova piazza. Prosegue... Foto dell’Archivio Fotografico dei Civici Musei di Arte e Storia.

pin 2

THROWBACK THURSDAY BRESCIA Dov’è l’erba rigogliosa del piazzale della Mirabella in Castello? L’aiuola fu scavata per la prima volta a fine ‘800, quando furono scoperte e studiate le fondamenta di una chiesa del VI secolo, Santo Stefano in Arce, una delle prime chiese paleocristiane di Brescia. L’area fu ricoperta in occasione dell’Esposizione di Brescia nel 1904, per poi essere riscavata e ricoperta più volte per studi temporanei. Fotografia del 1986-87 per il #throwbackthursday.

pin 2

PORTA TORRELUNGA (poi piazzale Arnaldo) Le prime testimonianze risalgono al secolo XII. La ristrutturazione del 1530 si conservò fino al 1820, quando furono demolite le strutture militari e vennero costruiti i caselli porticati, il Mercato dei grani su disegno di Angelo Vita e Luigi Basiletti (1821-23) e i cancelli. Nella fotografia dell'Archivio Fotografico dei Civici Musei, scattata prima del 1882, si vede il piazzale privo del monumento ad Arnaldo inaugurato in quello stesso anno.

pin 1

THROWBACK THURSDAY BRESCIA Questa immagine della Loggia senza cupola di piombo risale agli inizi del Novecento, sicuramente ad un anno antecedente il 1914, quando fu, infatti, costruita la cupola attuale, sulla copia di quella rinascimentale andata distrutta in un incendio nel 1575.

pin 1

LA DOMUS DI VIA SAN ROCCHINO Nei primi anni '60 venne trovata una grande abitazione di epoca romana a nord del colle Cidneo. Individuati numerosi ambienti, senza dubbio la parte costruita nella seconda metà del II sec. d.C. è la più ricca e con mosaici di alta qualità. Tra questi, il grande mosaico con decorazioni a pelte e rosette, riconoscibile al momento del rinvenimento e ora esposto all'interno del Museo di Santa Giulia. Vi aspettiamo!

pin 1

THROWBACK THURSDAY BRESCIA. Il Mausoleo Martinengo, ospitato nel coro delle monache nel museo di Santa Giulia a Brescia. È un' opera in marmi vari e bronzo (465x360x126 cm) di Bernardino dalle Croci, realizzato tra il 1503 e il 1517, uno dei massimi capolavori del rinascimento bresciano in campo scultoreo, che mette in evidenza l'importanza del defunto cui il monumento è destinato, Bernardino Martinengo di Padernello, morto nel 1501. A giovedì prossimo, su throwbackthursday

pin 1

THROWBACK THURSDAY BRESCIA Anche questa settimana abbiamo scelto di rimanere in piazza della Vittoria, presentandola nella versione definitiva, quindi anche con la statua del Dazzi, oggetto di intense discussioni nei mesi scorsi. La fotografia però ci mostra altri due elementi d'interesse: un esempio curioso di distributore di carburante mobile - bellissimo..

pin 1
heart 1

THROWBACK THURSDAY BRESCIA Tutti gli interni del Caffè Principe furono personalmente disegnati dai due architetti, con utilizzo di nuovi materiali, come il linoleum e i finimenti in "cromalluminio", e adottando soluzioni innovative per l'illuminazione, come nei diffusori appesi al soffitto, "splendide leggerissime bocce di metallo bianco che riflettono una morbida luce sen'zombra". #throwbackthursday

pin 1
Pinterest • il catalogo mondiale delle idee