Come se ci fosse in lei qualcosa che sovrabbondava, che riempiva talmente il suo essere da esprimersi al di fuori della sua volontà, ora nello scintillio degli occhi, ora nel suo sorriso. Volutamente lei spense la luce negli occhi, ma essa continuava a risplendere contro il suo volere nel sorriso appena impercettibile. A. Karenina

Come se ci fosse in lei qualcosa che sovrabbondava, che riempiva talmente il suo essere da esprimersi al di fuori della sua volontà, ora nello scintillio degli occhi, ora nel suo sorriso. Volutamente lei spense la luce negli occhi, ma essa continuava a risplendere contro il suo volere nel sorriso appena impercettibile. A. Karenina

Ho bisogno di poesia, questa magia che brucia la pesantezza delle parole, che risveglia le emozioni e dà colori nuovi. Alda Merini

Ho bisogno di poesia, questa magia che brucia la pesantezza delle parole, che risveglia le emozioni e dà colori nuovi. Alda Merini

L'accarezzò con la mano, le disse parole lievi.   Giorgio de Chirico Ettore e Andromaca

L'accarezzò con la mano, le disse parole lievi. Giorgio de Chirico Ettore e Andromaca

Verbale scritto, Bruno Munari by mafe, via Flickr

Verbale scritto, Bruno Munari by mafe, via Flickr

Buongiorno Principessa! Stanotte t'ho sognata tutta la notte! S'andava al cinema, te c'avevi quel talleurino rosa che mi piace tanto! Non penso che a te, Principessa, penso sempre a te... La vita è bella - Roberto Benigni

Buongiorno Principessa! Stanotte t'ho sognata tutta la notte! S'andava al cinema, te c'avevi quel talleurino rosa che mi piace tanto! Non penso che a te, Principessa, penso sempre a te... La vita è bella - Roberto Benigni

Geografia commossa

Geografia commossa

Poesie sulle foglie dei parchi di New York

Poesie sulle foglie dei parchi di New York

"Orfeo non la sente, ma intanto così le parla. Siamo molto di più che un corpo, Euridice. Non ho più bisogno che tu esista. Ti posso perdere, perché ti posso avere meglio, se mi manchi. E adesso lascia che ti guardi ancora una volta. Siamo fragili. Non abbiamo tutto questo potere di trattenerci. Ci basta un niente per dimenticare". Orfeo ed Euridice. L'amore prima di noi.

"Orfeo non la sente, ma intanto così le parla. Siamo molto di più che un corpo, Euridice. Non ho più bisogno che tu esista. Ti posso perdere, perché ti posso avere meglio, se mi manchi. E adesso lascia che ti guardi ancora una volta. Siamo fragili. Non abbiamo tutto questo potere di trattenerci. Ci basta un niente per dimenticare". Orfeo ed Euridice. L'amore prima di noi.

A tutti gli uomini e le donne che difendono le cose fragili, perché sanno che sono le più preziose. Fu un cacciatore di bellezza, intesa come pienezza che si mostra nelle cose di tutti i giorni a chi sa coglierne gli indizi, e cercò di darle spazio con le sue parole, per rendere feconda e felice una vita costellata di imperfezioni...  L'arte di essere fragili

A tutti gli uomini e le donne che difendono le cose fragili, perché sanno che sono le più preziose. Fu un cacciatore di bellezza, intesa come pienezza che si mostra nelle cose di tutti i giorni a chi sa coglierne gli indizi, e cercò di darle spazio con le sue parole, per rendere feconda e felice una vita costellata di imperfezioni... L'arte di essere fragili

Salirono su un carro. Era notte. Arrivarono al mare, e lì nel buio videro brillare un'isola, piccolissima, un pezzo di terra, perso come eran spersi loro. Ci voleva un'isola per il loro amore, la perfezione solitaria e inarrivabile di un mondo circolare. Paride non rapì Elena, la portò su un'isola. Fu molto più che un rapimento, Fu una notte fuori dal mondo, uno strappo nell'universo. L'amore è ombra.

Salirono su un carro. Era notte. Arrivarono al mare, e lì nel buio videro brillare un'isola, piccolissima, un pezzo di terra, perso come eran spersi loro. Ci voleva un'isola per il loro amore, la perfezione solitaria e inarrivabile di un mondo circolare. Paride non rapì Elena, la portò su un'isola. Fu molto più che un rapimento, Fu una notte fuori dal mondo, uno strappo nell'universo. L'amore è ombra.

Pinterest
Cerca