Il bonet è veramente uno dei classici della cucina piemontese, ed è raro che nei ristoranti e persino nelle trattorie più alla buona non sia previsto nel menù dei dolci al cucchiaio.

Bonèt piemontese: a traditional rich cocoa-amaretti custard from Piedmont - Italy Advisor

Il bonet è veramente uno dei classici della cucina piemontese, ed è raro che nei ristoranti e persino nelle trattorie più alla buona non sia previsto nel menù dei dolci al cucchiaio.

Bonèt piemontese: a traditional rich cocoa-amaretti custard from Piedmont - Italy Advisor

Il bonet è veramente uno dei classici della cucina piemontese, ed è raro che nei ristoranti e persino nelle trattorie più alla buona non sia previsto nel menù dei dolci al cucchiaio.

Bonèt piemontese: a traditional rich cocoa-amaretti custard from Piedmont - Italy Advisor

Gotta have Dan try this

Bagna Cauda (Piedmontese Warm Garlic-Anchovy Dip)

Bagna Cauda (Piedmontese Warm Garlic-Anchovy Dip) l Cooking with Italian Grandmothers

i #krumiri sono buonissimi #dolcetti ottimi per #colazione, con il #caffè o con il #tè la #ricetta su #giorgiapassionecucina

i #krumiri sono buonissimi #dolcetti ottimi per #colazione, con il #caffè o con il #tè la #ricetta su #giorgiapassionecucina

Il semolino dolce è un piatto tipico piemontese che si dava ai bambini prevalentemente nelle giornate invernali per pranzo o a merenda.

Il semolino dolce è un piatto tipico piemontese che si dava ai bambini prevalentemente nelle giornate invernali per pranzo o a merenda.

The Bagna Càuda is a symbolic plate for Piedmont, with origins in Astesana of Langhe, Roero and Montferrat. Bagna Cauda, Piedmont recipe. The name is derived from the local dialect and means "hot sauce"; it is in fact a sauce made of extra virgin olive oil, garlic and desalted anchovies that tradition requires to be served in a clay pot called diàn or fojòt over a small brazier.

Bagna caoda

The Bagna Càuda is a symbolic plate for Piedmont, with origins in Astesana of Langhe, Roero and Montferrat. Bagna Cauda, Piedmont recipe. The name is derived from the local dialect and means "hot sauce"; it is in fact a sauce made of extra virgin olive oil, garlic and desalted anchovies that tradition requires to be served in a clay pot called diàn or fojòt over a small brazier.

Pinterest
Search