Renewable Energies and Local Development

Per il sistema alpino, lo sviluppo delle energie rinnovabili può essere un “mezzo per” qualificare il sistema agricolo e della piccola impresa manifatturiera, il sistema energetico territoriale e le produzioni tipiche, per diffondere una cultura del “green” centrata sui temi dei beni pubblici, dei beni collettivi, della partecipazione, del protagonismo sociale.
Trasporto pubblico, mobilità dolce, veicoli a basse emissioni, biocarburanti di seconda generazione, nuove tecnologie di gestione della mobilità, telelavoro, logistica a basse emissioni. Questa è lil territorio a cui dobbiamo pensare…

Trasporto pubblico, mobilità dolce, veicoli a basse emissioni, biocarburanti di seconda generazione, nuove tecnologie di gestione della mobilità, telelavoro, logistica a basse emissioni. Questa è lil territorio a cui dobbiamo pensare…

Educare al paesaggio significa educare alla responsabilità dei luoghi che si abitano, alla gestione delle risorse di cui si dispone, ma soprattutto a comportamenti e stili di vita appropriati e sostenibili.

Educare al paesaggio significa educare alla responsabilità dei luoghi che si abitano, alla gestione delle risorse di cui si dispone, ma soprattutto a comportamenti e stili di vita appropriati e sostenibili.

il diffondersi del modello dell’azienda agri-energetica, cioè di un’azienda agricola che può ricoprire un ruolo molto importante: nel mercato locale delle piccole applicazioni per la produzione di energia da fonti rinnovabili, nella produzione, soprattutto, di reddito incrementale per le aziende stesse e il sistema agricolo nel suo complesso.

il diffondersi del modello dell’azienda agri-energetica, cioè di un’azienda agricola che può ricoprire un ruolo molto importante: nel mercato locale delle piccole applicazioni per la produzione di energia da fonti rinnovabili, nella produzione, soprattutto, di reddito incrementale per le aziende stesse e il sistema agricolo nel suo complesso.

All’interno di una prospettiva di sviluppo locale, una diffusione sul territorio dei mini impianti idroelettrici e a biomasse (che utilizzano gli scarti delle produzioni agricole e forestali locali) può collegarsi strettamente con lo sviluppo del sistema agro-alimentare, del sistema delle piccole e medie imprese artigianali ed industriali, col turismo, con la produzione artistica e culturale, e con la creazione di nuove opportunità di lavoro e d’impresa.

All’interno di una prospettiva di sviluppo locale, una diffusione sul territorio dei mini impianti idroelettrici e a biomasse (che utilizzano gli scarti delle produzioni agricole e forestali locali) può collegarsi strettamente con lo sviluppo del sistema agro-alimentare, del sistema delle piccole e medie imprese artigianali ed industriali, col turismo, con la produzione artistica e culturale, e con la creazione di nuove opportunità di lavoro e d’impresa.

Un sistema elettrico più affidabile, flessibile, sicuro ed efficiente, in grado di: - far dialogare produttori e consumatori, e farli partecipare attivamente al processo di produzione dell’energia; - accogliere l’energia non programmabile (fonti rinnovabili); - conciliare sistemi tradizionali di generazione centralizzati con quelli distribuiti, tipici delle fonti rinnovabili; - anticipare le esigenze degli utenti finali; - garantire ai fruitori un riscontro dei consumi energetici.

Un sistema elettrico più affidabile, flessibile, sicuro ed efficiente, in grado di: - far dialogare produttori e consumatori, e farli partecipare attivamente al processo di produzione dell’energia; - accogliere l’energia non programmabile (fonti rinnovabili); - conciliare sistemi tradizionali di generazione centralizzati con quelli distribuiti, tipici delle fonti rinnovabili; - anticipare le esigenze degli utenti finali; - garantire ai fruitori un riscontro dei consumi energetici.

La Piattaforma Alpina potrebbe così sviluppare un modello energetico territoriale innovativo, che in parte utilizza/consuma direttamente sul posto l’energia prodotta e in parte la interscambia in rete, riducendo la necessità di grandi reti di distribuzione elettrica e accelerando invece la creazione di una vera e propria smart grid, rete/apparato intelligente.

La Piattaforma Alpina potrebbe così sviluppare un modello energetico territoriale innovativo, che in parte utilizza/consuma direttamente sul posto l’energia prodotta e in parte la interscambia in rete, riducendo la necessità di grandi reti di distribuzione elettrica e accelerando invece la creazione di una vera e propria smart grid, rete/apparato intelligente.

E’ mancata finora un’analisi del mix energetico (energymodeling o diagnosi energetica) del territorio capace di valutare e di individuare delle piste di valorizzazione del Patrimonio energetico.  Un percorso che può consentire una evoluzione verso un modello di generazione distribuita dell’energia elettrica in grado di soddisfare il fabbisogno della domanda del territorio.

Promuovere le energie rinnovabili in Valtellina (1)

E’ mancata finora un’analisi del mix energetico (energymodeling o diagnosi energetica) del territorio capace di valutare e di individuare delle piste di valorizzazione del Patrimonio energetico. Un percorso che può consentire una evoluzione verso un modello di generazione distribuita dell’energia elettrica in grado di soddisfare il fabbisogno della domanda del territorio.

Pinterest
Cerca