Luoghi da visitare - Casola Valsenio

32 Pin30 Follower
Il Professor Augusto Rinaldi Ceroni Casola Valsenio  (1913-1999) è stato educatore, pioniere  dell'erboristeria italiana, ideatore ed animatore di molte iniziative turistiche e culturali che hanno dato lustro a Casola Valsenio. La sua opera si è sviluppata soprattutto nel campo dell'erboristeria  a partire dalla fine degli '30 con l'impianto di un primo orto di piante officinali, poi sviluppato in simbiosi con le scuole che ha diretto, fino alla realizzazione negli '70 del Giardino delle…

Il Professor Augusto Rinaldi Ceroni Casola Valsenio (1913-1999) è stato educatore, pioniere dell'erboristeria italiana, ideatore ed animatore di molte iniziative turistiche e culturali che hanno dato lustro a Casola Valsenio. La sua opera si è sviluppata soprattutto nel campo dell'erboristeria a partire dalla fine degli '30 con l'impianto di un primo orto di piante officinali, poi sviluppato in simbiosi con le scuole che ha diretto, fino alla realizzazione negli '70 del Giardino delle…

Il complesso costituisce un centro di conoscenza e valorizzazione riguardo alla coltivazione ed all'uso delle piante officinali, grazie ad attività e finalità che spaziano dalla ricerca alla divulgazione e dalla sperimentazione alla didattica, coninvolgendo sia esperti che visitatori di ogni età.

Il complesso costituisce un centro di conoscenza e valorizzazione riguardo alla coltivazione ed all'uso delle piante officinali, grazie ad attività e finalità che spaziano dalla ricerca alla divulgazione e dalla sperimentazione alla didattica, coninvolgendo sia esperti che visitatori di ogni età.

Il Giardino delle erbe, inaugurato nel 1975 ed oggi intitolato al suo fondatore Augusto Rinaldi Ceroni, è nato con l'obiettivo  di conservare  e coltivare  piante di interesse officinale  ed aromatico.

Il Giardino delle erbe, inaugurato nel 1975 ed oggi intitolato al suo fondatore Augusto Rinaldi Ceroni, è nato con l'obiettivo di conservare e coltivare piante di interesse officinale ed aromatico.

Più di 450 le specie di piante officinali e aromatiche presenti al Giardino

Più di 450 le specie di piante officinali e aromatiche presenti al Giardino

L'ultimo sabato di giugno la lavanda diventa la regina del Giardino

L'ultimo sabato di giugno la lavanda diventa la regina del Giardino

La raccolta della lavanda, la 'regina' del Giardino e di Casola Valsenio

La raccolta della lavanda, la 'regina' del Giardino e di Casola Valsenio

Nasce a Faenza il 22 agosto 1852 da Luigi e da Clementina Bertoni. Gli Oriani erano originari di Oriano, castello dell’alta valle del Senio, e si sparsero in tutta la zona nel corso dei secc. XVI-XVII. Verso la fine del ‘600 acquistarono le terre e la casa denominate “Le Banzole” presso Tossignano.   Continua a leggere la sua biografia  http://www.fondazionecasadioriani.it/modules.php?name=Oriani

Nasce a Faenza il 22 agosto 1852 da Luigi e da Clementina Bertoni. Gli Oriani erano originari di Oriano, castello dell’alta valle del Senio, e si sparsero in tutta la zona nel corso dei secc. XVI-XVII. Verso la fine del ‘600 acquistarono le terre e la casa denominate “Le Banzole” presso Tossignano. Continua a leggere la sua biografia http://www.fondazionecasadioriani.it/modules.php?name=Oriani

"La bicicletta è una scarpa, un pattino, siete voi stessi, è il vostro piede diventato ruota, è la vostra pelle cangiata in gomma…  La bicicletta siamo noi, che vinciamo lo spazio e il tempo: soli, senza nemmeno il contatto con la terra che le nostre ruote sfiorano appena"

"La bicicletta è una scarpa, un pattino, siete voi stessi, è il vostro piede diventato ruota, è la vostra pelle cangiata in gomma… La bicicletta siamo noi, che vinciamo lo spazio e il tempo: soli, senza nemmeno il contatto con la terra che le nostre ruote sfiorano appena"

Oriani con la sua inseparabile bicicletta

Oriani con la sua inseparabile bicicletta

Lo studiolo di Alfredo Oriani  In questa monastica stanzetta sono conservati, sulla scrivania e nei quattro singolari scaffali pensili, i 630 volumi che costituivano la sua personale biblioteca.  La galleria virtuale  http://www.fondazionecasadioriani.it/modules.php?name=IlCardello=3

Lo studiolo di Alfredo Oriani In questa monastica stanzetta sono conservati, sulla scrivania e nei quattro singolari scaffali pensili, i 630 volumi che costituivano la sua personale biblioteca. La galleria virtuale http://www.fondazionecasadioriani.it/modules.php?name=IlCardello=3

Pinterest
Cerca