«Devi stare zitta», scandì con voce pericolosamente bassa. Assentii con un gemito soffocato, il panico che navigava a vele spiegate in me e mi ghiacciava dall’interno. #Andyia #PerAddestrarti

«Devi stare zitta», scandì con voce pericolosamente bassa. Assentii con un gemito soffocato, il panico che navigava a vele spiegate in me e mi ghiacciava dall’interno. #Andyia #PerAddestrarti

«E per la cronaca, io ti sono mancato». Tu mi sei mancata. «E tu hai urlato il mio nome». Io ho sussurrato il tuo, mentre ti guardavo dormire.  #HenriLamaze #AleksandraNikolayev #HenriandAleksandra #Soffocami

«E per la cronaca, io ti sono mancato». Tu mi sei mancata. «E tu hai urlato il mio nome». Io ho sussurrato il tuo, mentre ti guardavo dormire. #HenriLamaze #AleksandraNikolayev #HenriandAleksandra #Soffocami

All'improvviso, mi ronzarono le orecchie ed ebbi un forte capogiro che mi costrinse a chiudere gli occhi. Era come se fossi su una giostra che ruotava vorticosamente, facendomi perdere il senso dell'orientamento e del tempo. Udii fragori di spade, grida di dolore, nitriti inferociti, parole che non comprendevo, nomi che non conoscevo. Finché una voce eterea non si sovrappose alle altre. «Aër.»  #Calen #IquattroProtetti #LaguerradegliDei

All'improvviso, mi ronzarono le orecchie ed ebbi un forte capogiro che mi costrinse a chiudere gli occhi. Era come se fossi su una giostra che ruotava vorticosamente, facendomi perdere il senso dell'orientamento e del tempo. Udii fragori di spade, grida di dolore, nitriti inferociti, parole che non comprendevo, nomi che non conoscevo. Finché una voce eterea non si sovrappose alle altre. «Aër.» #Calen #IquattroProtetti #LaguerradegliDei

Respiravo Aleksandra. Percepivo Aleksandra. Più la baciavo in quel modo carnale, più mi ossessionava. Pretendevo di ossessionarla a mia volta. Più la toccavo, più volevo scoparla. Esigevo di entrarle nelle ossa. Più i suoi versi si perdevano nella mia bocca, più amavo renderla così smaniosa di me. Reclamavo di fare a brandelli il suo spirito.  #HenriLamaze #AleksandraNikolayev #HenriandAleksandra #Soffocami

Respiravo Aleksandra. Percepivo Aleksandra. Più la baciavo in quel modo carnale, più mi ossessionava. Pretendevo di ossessionarla a mia volta. Più la toccavo, più volevo scoparla. Esigevo di entrarle nelle ossa. Più i suoi versi si perdevano nella mia bocca, più amavo renderla così smaniosa di me. Reclamavo di fare a brandelli il suo spirito. #HenriLamaze #AleksandraNikolayev #HenriandAleksandra #Soffocami

Mi riempii i polmoni di ossigeno e tornai a guardarla dall’alto in basso, impassibile. «Voglio parlare con la campionessa.» Sorpresa e astio balenarono sul suo viso, il suo sguardo vagò in tutte le direzioni. «Non qui», replicò, la voce improvvisamente rauca. Indietreggiò, il respiro sempre più trafelato. «Sì», feci spietato. «Qui.» #AndréLamaze #EkaterinaKuznetsov #PerCombatterti

Mi riempii i polmoni di ossigeno e tornai a guardarla dall’alto in basso, impassibile. «Voglio parlare con la campionessa.» Sorpresa e astio balenarono sul suo viso, il suo sguardo vagò in tutte le direzioni. «Non qui», replicò, la voce improvvisamente rauca. Indietreggiò, il respiro sempre più trafelato. «Sì», feci spietato. «Qui.» #AndréLamaze #EkaterinaKuznetsov #PerCombatterti

Perché non avevo il dominio delle mie emozioni, quando ero con lei? Perché le appartengono. Tu le appartieni. Non puoi nasconderti. Non puoi fingere. #AndréLamaze #PerCombatterti

Perché non avevo il dominio delle mie emozioni, quando ero con lei? Perché le appartengono. Tu le appartieni. Non puoi nasconderti. Non puoi fingere. #AndréLamaze #PerCombatterti

Ci baciammo. Piano. Forte. Per un solo, perfetto, terribile momento. #Alenri #HenriLamaze #AleksandraNikolayev #HenriandAleksandra #Uccidimi

Ci baciammo. Piano. Forte. Per un solo, perfetto, terribile momento. #Alenri #HenriLamaze #AleksandraNikolayev #HenriandAleksandra #Uccidimi

«Posso anche amarti con tutta l’anima» dico rauca «ma lui è la mia vita.» Mi sollevo sui gomiti, poi sulle braccia, gli occhi incatenati a quelli roventi di Matt. «Sceglierò sempre lui.»  ‪#‎CristinaCabrisi #MSATrilogy #CollidingStorms‬

Andarilho's Dungeon — angelinasjoli: Being healthy is something I.

«Oh, ti prego! Sei così geloso e incazzato che non crederei alla frase 'Sono preoccupato' neanche se ci aggiungessi 'Perché sono innamorato di te'.» «Vaffanculo, Cal.»  #CalenandFalas #Calen #Falas #IquattroProtetti #LaguerradegliDei

«Oh, ti prego! Sei così geloso e incazzato che non crederei alla frase 'Sono preoccupato' neanche se ci aggiungessi 'Perché sono innamorato di te'.» «Vaffanculo, Cal.» #CalenandFalas #Calen #Falas #IquattroProtetti #LaguerradegliDei

Lui annuì, e quasi ci fermammo, ballando sul posto. «Immagina.» Il tono di voce che aveva usato, quasi un sussurro, mi fece tremare le ginocchia. «Cosa?» domandai, vulnerabile e ingenua e stupidamente cotta di quel ragazzino. «Io e te» rispose Aidan.  #CalenandAidan #Calen #Aidan #IquattroProtetti #LaguerradegliDei

Lui annuì, e quasi ci fermammo, ballando sul posto. «Immagina.» Il tono di voce che aveva usato, quasi un sussurro, mi fece tremare le ginocchia. «Cosa?» domandai, vulnerabile e ingenua e stupidamente cotta di quel ragazzino. «Io e te» rispose Aidan. #CalenandAidan #Calen #Aidan #IquattroProtetti #LaguerradegliDei

La sua mano scivolò sul mio addome, mentre con l'altra mi spostava i capelli per posarmi le labbra dietro l'orecchio. Tremai al contatto del suo fiato caldo sulla mia pelle, fremevo mentre le sue dita si insidiavano tra i bottoncini della mia camicetta semitrasparente e mi sfioravano. «Scusami, Cal.»  #Calen #Falas #CalenandFalas #IquattroProtetti #LaguerradegliDei

La sua mano scivolò sul mio addome, mentre con l'altra mi spostava i capelli per posarmi le labbra dietro l'orecchio. Tremai al contatto del suo fiato caldo sulla mia pelle, fremevo mentre le sue dita si insidiavano tra i bottoncini della mia camicetta semitrasparente e mi sfioravano. «Scusami, Cal.» #Calen #Falas #CalenandFalas #IquattroProtetti #LaguerradegliDei

Il mio sorriso si spense all'improvviso. C'era qualcosa che non andava. C'era qualcosa che mancava. «Dov'è Falas?»  #Calen #LaguerradegliDei #UltimaAlba

Il mio sorriso si spense all'improvviso. C'era qualcosa che non andava. C'era qualcosa che mancava. «Dov'è Falas?» #Calen #LaguerradegliDei #UltimaAlba

«Quello non è il fuoco» mi spiegò, criptico. Gemetti, dolorante. «E qual è?» «Quello che comanda» ribatté subitaneo. «E chi è che comanda?» [...] «Chi può uccidere con lo sguardo» sussurrò in un sibilo. #Calen #Nerses #CalenandNerses #LaguerradegliDei #UltimaAlba

«Quello non è il fuoco» mi spiegò, criptico. Gemetti, dolorante. «E qual è?» «Quello che comanda» ribatté subitaneo. «E chi è che comanda?» [...] «Chi può uccidere con lo sguardo» sussurrò in un sibilo. #Calen #Nerses #CalenandNerses #LaguerradegliDei #UltimaAlba

«Se ti vedrò cadere, se ti sentirai cadere, sappi che mi getterò anche tra le fiamme per salvarti. E ti salverò, ancora. Ti riporterò a casa, da me.» #CristinaCabrisi #StefanoDiamanti #MSATrilogy #CollidingStorms #CrisandStefano

«Se ti vedrò cadere, se ti sentirai cadere, sappi che mi getterò anche tra le fiamme per salvarti. E ti salverò, ancora. Ti riporterò a casa, da me.» #CristinaCabrisi #StefanoDiamanti #MSATrilogy #CollidingStorms #CrisandStefano

« [...] Voglio che tu abbia bisogno di me non perché senza di me non puoi vivere, ma perché sei troppo felice quando siamo insieme. E tu sei felice con me.» #CristinaCabrisi #StefanoDiamanti #MSATrilogy #RadioactiveStorm #CrisandStefano

« [...] Voglio che tu abbia bisogno di me non perché senza di me non puoi vivere, ma perché sei troppo felice quando siamo insieme. E tu sei felice con me.» #CristinaCabrisi #StefanoDiamanti #MSATrilogy #RadioactiveStorm #CrisandStefano

Pinterest
Search