Esplora queste idee e molte altre!

Esplora argomenti correlati

Saremmo peggiori di quello che siamo senza i buoni libri che abbiamo letto, più conformisti, meno inquieti e ribelli. M.ario Vargas Llosa (Elogio della lettura e della finzione, 2010)

Saremmo peggiori di quello che siamo senza i buoni libri che abbiamo letto, più conformisti, meno inquieti e ribelli. M.ario Vargas Llosa (Elogio della lettura e della finzione, 2010)

Mi disse: - Lei crede a quelle fandonie? La mafia non esiste, è una leggenda. La mafia non c'è: se ci fosse sarebbe una bella cosa, sarei mafioso anch'io. Carlo Levi (Le parole sono pietre, 1955)

Mi disse: - Lei crede a quelle fandonie? La mafia non esiste, è una leggenda. La mafia non c'è: se ci fosse sarebbe una bella cosa, sarei mafioso anch'io. Carlo Levi (Le parole sono pietre, 1955)

Non considerava la gente come individui, ma solo come contravveleni alla solitudine. John Steinbeck (I pascoli del cielo, 1932)

Non considerava la gente come individui, ma solo come contravveleni alla solitudine. John Steinbeck (I pascoli del cielo, 1932)

Egli temeva il "pressappoco", voleva la verità intera. Louis-Ferdinand Céline (Il dottor Semmelweis, 1924)

Egli temeva il "pressappoco", voleva la verità intera. Louis-Ferdinand Céline (Il dottor Semmelweis, 1924)

- Ti desidero così tanto. - Ma se mi hai appena avuta.  Harold Pinter (La donna del tenente francese, 1981)

- Ti desidero così tanto. - Ma se mi hai appena avuta. Harold Pinter (La donna del tenente francese, 1981)

Ridicolo soprannome a parte, non-bellezza d'insieme a parte, era senza alcun dubbio una ragazza sconvolgente e definitiva. J. D. Salinger (Nove racconti, 1953)

Ridicolo soprannome a parte, non-bellezza d'insieme a parte, era senza alcun dubbio una ragazza sconvolgente e definitiva. J. D. Salinger (Nove racconti, 1953)

Bisogna approfittare di quello che c'è. Lev Tolstoj (La sonata a Kreutzer, 1889)

Bisogna approfittare di quello che c'è. Lev Tolstoj (La sonata a Kreutzer, 1889)

@AlittleLibrary: Gli sembrò di essersi miracolosamente sottratto a un'epoca oscura della sua vita. Arthur Schnitzler (Il dottor Gräsler medico termale, 1917)

@AlittleLibrary: Gli sembrò di essersi miracolosamente sottratto a un'epoca oscura della sua vita. Arthur Schnitzler (Il dottor Gräsler medico termale, 1917)

Il gelo, quello stesso che trasformava in ghiaccio uno sputo in volo, era penetrato fino nelle anime. Se potevano congelarsi le ossa, poteva congelarsi anche il cervello, poteva congelarsi anche l'anima. Al freddo non si può pensare a nulla. E l'anima si era congelata, rattrappita, e forse sarebbe rimasta ghiacciata per sempre.

Il gelo, quello stesso che trasformava in ghiaccio uno sputo in volo, era penetrato fino nelle anime. Se potevano congelarsi le ossa, poteva congelarsi anche il cervello, poteva congelarsi anche l'anima. Al freddo non si può pensare a nulla. E l'anima si era congelata, rattrappita, e forse sarebbe rimasta ghiacciata per sempre.

La moglie di don Giovanni

La moglie di don Giovanni

Pinterest
Cerca