Esplora queste idee e molte altre!

Guido tra la sorella Erina e uno dei due fratelli morti in tenera età.

Guido tra la sorella Erina e uno dei due fratelli morti in tenera età.

Guido Gozzano

Guido Gozzano

Guido Gozzano (1883-1916)

Guido Gozzano (1883-1916)

Il Gozzano ventenne è un assiduo frequentatore di teatri, sale da concerto, e soprattutto caffè. Capeggiando un ristretto gruppo di giovani intellettuali scapestrati, Guido si lancia in scorribande notturne, commerci con le “cameriste”, visite alle attrici. Si presentava al Fiorio “elegantissimo e impeccabile tra noi goliardi, fantasticanti e dissipati”, ricorda Calcaterra: “passava lunghe ore nei caffè, parlando di arte e di letteratura, di storia e filosofia, esaltando i parnassiani……

Il Gozzano ventenne è un assiduo frequentatore di teatri, sale da concerto, e soprattutto caffè. Capeggiando un ristretto gruppo di giovani intellettuali scapestrati, Guido si lancia in scorribande notturne, commerci con le “cameriste”, visite alle attrici. Si presentava al Fiorio “elegantissimo e impeccabile tra noi goliardi, fantasticanti e dissipati”, ricorda Calcaterra: “passava lunghe ore nei caffè, parlando di arte e di letteratura, di storia e filosofia, esaltando i parnassiani……

Guido Gozzano, un po’ dandy, un po’ provocatore, un po’ giovane che ha amato le rose non colte, ma soprattutto poeta. Un poeta colmo di una dolcezza che spesso è stata sopraffatta dall’inquietudine e dalla fatica di vivere, anche quando ha saputo mistificare la sofferenza con la speranza. Questo libro è soprattutto un omaggio al grande poeta torinese...

Guido Gozzano, un po’ dandy, un po’ provocatore, un po’ giovane che ha amato le rose non colte, ma soprattutto poeta. Un poeta colmo di una dolcezza che spesso è stata sopraffatta dall’inquietudine e dalla fatica di vivere, anche quando ha saputo mistificare la sofferenza con la speranza. Questo libro è soprattutto un omaggio al grande poeta torinese...

Guido Gozzano --- Nell’Abazia di San Giuliano - Buon Dio nel quale non credo, buon Dio che non esisti, (non sono gli oggetti mai visti più cari di quelli che vedo?) --- https://ilsassonellostagno.wordpress.com/2016/08/04/guido-gozzano-nellabazia-di-san-giuliano/

Guido Gozzano, Nell’Abazia di San Giuliano

Guido Gozzano --- Nell’Abazia di San Giuliano - Buon Dio nel quale non credo, buon Dio che non esisti, (non sono gli oggetti mai visti più cari di quelli che vedo?) --- https://ilsassonellostagno.wordpress.com/2016/08/04/guido-gozzano-nellabazia-di-san-giuliano/

Foto di amici: Bassi, Dogliotti, Vallini e altri.     Alle lezioni di Graf, Guido incontrò il gruppo dei poeti “fioriti all’ombra di Medusa” (Giovanni Cena, Francesco Pastonchi, Massimo Bontempelli) e, fra i coetanei (Giulio Gianelli, Carlo Chiaves, Mario Vugliano, Mario Bassi, Eugenio Colmo poi noto come Golia), Carlo Vallini, pure lui iscritto a legge, pure lui poeta. Egli diventò presto un suo amico fedele e salutò in lui il maestro di una vera e propria “scuola dell’ironia".

Foto di amici: Bassi, Dogliotti, Vallini e altri. Alle lezioni di Graf, Guido incontrò il gruppo dei poeti “fioriti all’ombra di Medusa” (Giovanni Cena, Francesco Pastonchi, Massimo Bontempelli) e, fra i coetanei (Giulio Gianelli, Carlo Chiaves, Mario Vugliano, Mario Bassi, Eugenio Colmo poi noto come Golia), Carlo Vallini, pure lui iscritto a legge, pure lui poeta. Egli diventò presto un suo amico fedele e salutò in lui il maestro di una vera e propria “scuola dell’ironia".

Il piccolo Guido con la madre

Il piccolo Guido con la madre

Gozzano: crepuscolare, scanzonato e moderno  | Cultura | www.avvenire.it

Gozzano: crepuscolare, scanzonato e moderno | Cultura | www.avvenire.it

La madre di Guido nel 1920, circondata da un gruppo di amiche

La madre di Guido nel 1920, circondata da un gruppo di amiche

Pinterest
Cerca