Esplora queste idee e molte altre!

Esplora argomenti correlati

La bizzarra amicizia tra il discendente di un ufficiale della Brigata Estense e uno scontroso scrittore in cerca di storie.  Gli anni del passaggio dal ducato di Modena e Reggio Emilia al regno d’Italia, la fuga del duca Francesco V d’Austria-Este da Modena, lo scioglimento della Brigata estense a tre anni dalla fine del ducato, gli improvvisi cambi di rotta e di regime, sono lo scenario dentro al quale personaggi in carne e ossa si lanciano all’inseguimento del proprio destino.

La bizzarra amicizia tra il discendente di un ufficiale della Brigata Estense e uno scontroso scrittore in cerca di storie. Gli anni del passaggio dal ducato di Modena e Reggio Emilia al regno d’Italia, la fuga del duca Francesco V d’Austria-Este da Modena, lo scioglimento della Brigata estense a tre anni dalla fine del ducato, gli improvvisi cambi di rotta e di regime, sono lo scenario dentro al quale personaggi in carne e ossa si lanciano all’inseguimento del proprio destino.

La Società operaia di Modena, 150 anni fa, progettò, diresse ed attuò il primo grande sistema locale degli istituti di previdenza, fondato non tanto sulla carità pubblica, privata o ecclesiastica, quanto piuttosto sulla solidarietà, sul lavoro e sul mutuo soccorso all’interno di libere associazioni tra i cittadini: operando dal basso senza nulla o quasi aspettare dall’alto.

La Società operaia di Modena, 150 anni fa, progettò, diresse ed attuò il primo grande sistema locale degli istituti di previdenza, fondato non tanto sulla carità pubblica, privata o ecclesiastica, quanto piuttosto sulla solidarietà, sul lavoro e sul mutuo soccorso all’interno di libere associazioni tra i cittadini: operando dal basso senza nulla o quasi aspettare dall’alto.

La vita del pittore Alberto Artioli (Modena, 1881-1917), spirito inquieto e bohémien nella sonnolenta provincia modenese di inizio Novecento, è un sogno che si fa strada tenacemente, pagina dopo pagina. La breve esistenza del ragazzo che ha lasciato la bottega del papà Alfonso per diventare un artista è anche lo sfondo su cui si riflettono, via via, i volti e i caratteri di una società sull’orlo del cambiamento...

La vita del pittore Alberto Artioli (Modena, 1881-1917), spirito inquieto e bohémien nella sonnolenta provincia modenese di inizio Novecento, è un sogno che si fa strada tenacemente, pagina dopo pagina. La breve esistenza del ragazzo che ha lasciato la bottega del papà Alfonso per diventare un artista è anche lo sfondo su cui si riflettono, via via, i volti e i caratteri di una società sull’orlo del cambiamento...

Tre secoli d'oro di dinastia Estense, dalla fine del '300 sino al 1598, incrociando influssi nordici e stile gotico con le nuove teorie sulla prospettiva, coniugando tradizione e innovazione. Ferrara diventa un crocevia di grandi artisti e letterati.

Tre secoli d'oro di dinastia Estense, dalla fine del '300 sino al 1598, incrociando influssi nordici e stile gotico con le nuove teorie sulla prospettiva, coniugando tradizione e innovazione. Ferrara diventa un crocevia di grandi artisti e letterati.

Dopo la morte di don Mauro in diverse persone si faceva strada la convinzione sempre più chiara che fosse necessario scrivere qualcosa  su di lui, fissare alcuni passaggi, consegnare in maniera più precisa una eredità che meritava di essere conosciuta non solo da coloro che lo avevano incontrato, ma anche da altri che forse, don Mauro, non lo avevano neanche mai visto o sentito nominare.

Dopo la morte di don Mauro in diverse persone si faceva strada la convinzione sempre più chiara che fosse necessario scrivere qualcosa su di lui, fissare alcuni passaggi, consegnare in maniera più precisa una eredità che meritava di essere conosciuta non solo da coloro che lo avevano incontrato, ma anche da altri che forse, don Mauro, non lo avevano neanche mai visto o sentito nominare.

Il carcere è un mondo duro, chi è fuori è fuori, chi è dentro è dentro. Non appena Lambertini lo capisce, comincia il romanzo.

Il carcere è un mondo duro, chi è fuori è fuori, chi è dentro è dentro. Non appena Lambertini lo capisce, comincia il romanzo.

L’autrice ricostruisce con passione e rigore storico la vicenda resistenziale di una piccola frazione del modenese, Limidi di Soliera, uno dei centri più importanti della lotta partigiana nella pianura modenese. Momento cruciale è lo scambio di prigionieri tra partigiani e tedeschi, avvenuto nel 1944, importante conferma della capacità di controllo territoriale e di organizzazione militare delle formazioni partigiane.

L’autrice ricostruisce con passione e rigore storico la vicenda resistenziale di una piccola frazione del modenese, Limidi di Soliera, uno dei centri più importanti della lotta partigiana nella pianura modenese. Momento cruciale è lo scambio di prigionieri tra partigiani e tedeschi, avvenuto nel 1944, importante conferma della capacità di controllo territoriale e di organizzazione militare delle formazioni partigiane.

Raccontare un luogo, ricercarne l’identità più vera e profonda rappresenta una sfida con la quale si misurano le opere degli artisti di ogni tempo: dai mosaici agli affreschi, dai disegni alla fotografia. Nei loro lavori si coglie l’ansia di scoprire quell’anima che i romani veneravano come Genius Loci. #ReggioEmilia rappresenta, in tal senso, una sfida nella sfida. Reggio Emilia è discreta, non parla di sé e, dunque, chiede d’essere scoperta.

Raccontare un luogo, ricercarne l’identità più vera e profonda rappresenta una sfida con la quale si misurano le opere degli artisti di ogni tempo: dai mosaici agli affreschi, dai disegni alla fotografia. Nei loro lavori si coglie l’ansia di scoprire quell’anima che i romani veneravano come Genius Loci. #ReggioEmilia rappresenta, in tal senso, una sfida nella sfida. Reggio Emilia è discreta, non parla di sé e, dunque, chiede d’essere scoperta.

La guerra dentro - Bastiglia dal Fascismo alla Liberazione  Sullo sfondo del passaggio più cupo e drammatico del Novecento italiano, tra dittatura fascista, Seconda guerra mondiale e occupazione tedesca, la storia di Bastiglia riproduce e riflette, nel periodo che va dalla presa del potere delle camicie nere nel 1922 fino alla Liberazione dell'aprile 1945, molte delle dinamiche e delle tensioni proprie della provincia modenese.

La guerra dentro - Bastiglia dal Fascismo alla Liberazione Sullo sfondo del passaggio più cupo e drammatico del Novecento italiano, tra dittatura fascista, Seconda guerra mondiale e occupazione tedesca, la storia di Bastiglia riproduce e riflette, nel periodo che va dalla presa del potere delle camicie nere nel 1922 fino alla Liberazione dell'aprile 1945, molte delle dinamiche e delle tensioni proprie della provincia modenese.

SALUTI DALL'ANTICO FRIGNANO Sono le cartoline antiche a prendersi l’impegno, in questo ricco volume, di contribuire alla definizione di un’identità, quella del Frignano: realtà né puramente geografica né strettamente amministrativa, questa generosa macchia di Appennino porta impresso il sigillo di forme sociali arcaiche, di legami comunitari, indissolubili, tra l’uomo e la sua terra.

SALUTI DALL'ANTICO FRIGNANO Sono le cartoline antiche a prendersi l’impegno, in questo ricco volume, di contribuire alla definizione di un’identità, quella del Frignano: realtà né puramente geografica né strettamente amministrativa, questa generosa macchia di Appennino porta impresso il sigillo di forme sociali arcaiche, di legami comunitari, indissolubili, tra l’uomo e la sua terra.

Pinterest
Cerca