Esplora queste idee e molte altre!

Esplora argomenti correlati

Berlino

Berlino

12 settembre 1940: vengono scoperte le pitture rupestri delle grotte di Lascaux  Immaginate di essere un pittore. O una pittrice. Non sappiamo di quale sesso fosse l'essere umano che affrescò queste grotte più di 17.000 anni fa. Immaginate comunque per un momento di essere nei panni di quell'artista che non aveva altri riferimenti se non la natura stessa. Non aveva pennelli tele muri intonacati. Mentre tracciava ogni linea stava inventando l'arte.  Si tratta di disegni che raffigurano grandi…

12 settembre 1940: vengono scoperte le pitture rupestri delle grotte di Lascaux Immaginate di essere un pittore. O una pittrice. Non sappiamo di quale sesso fosse l'essere umano che affrescò queste grotte più di 17.000 anni fa. Immaginate comunque per un momento di essere nei panni di quell'artista che non aveva altri riferimenti se non la natura stessa. Non aveva pennelli tele muri intonacati. Mentre tracciava ogni linea stava inventando l'arte. Si tratta di disegni che raffigurano grandi…

7 settembre 1936: si estingue l'ultima "tigre" della Tasmania Immaginate una tigre che tigre non è. Immaginate una tigre che non c'è più. Si tratta del destino di molte specie animali che l'uomo ha visto estinguersi dalla sua comparsa sulla Terra. La tigre della Tasmania infatti non è mai stata una tigre e nemmeno un felino. Ma neanche un lupo sebbene a livello popolare sia stata chiamata anche "lupo della Tasmania". Diciamo che del suo nome l'unica cosa realistica era la provenienza dalla…

7 settembre 1936: si estingue l'ultima "tigre" della Tasmania Immaginate una tigre che tigre non è. Immaginate una tigre che non c'è più. Si tratta del destino di molte specie animali che l'uomo ha visto estinguersi dalla sua comparsa sulla Terra. La tigre della Tasmania infatti non è mai stata una tigre e nemmeno un felino. Ma neanche un lupo sebbene a livello popolare sia stata chiamata anche "lupo della Tasmania". Diciamo che del suo nome l'unica cosa realistica era la provenienza dalla…

8 settembre 1966: va in onda la prima puntatadella serie televisiva Star Trek  Immaginate lo spazio come l'ultima frontiera. E immaginate voi stessi che viaggiate a bordo di un'astronave alla ricerca di nuovi e strani mondi. Ma tutto questo non è che la metafora della specie umana a bordo del pianeta Terra e le numerose specie che incontrerete non sono che l'infinita varietà di diversità che questo pianeta offre. Quando l'8 settembre del 1966 va in onda sulla rete televisiva statunitense NBC…

8 settembre 1966: va in onda la prima puntatadella serie televisiva Star Trek Immaginate lo spazio come l'ultima frontiera. E immaginate voi stessi che viaggiate a bordo di un'astronave alla ricerca di nuovi e strani mondi. Ma tutto questo non è che la metafora della specie umana a bordo del pianeta Terra e le numerose specie che incontrerete non sono che l'infinita varietà di diversità che questo pianeta offre. Quando l'8 settembre del 1966 va in onda sulla rete televisiva statunitense NBC…

Manuale delle giovani marmotte....non me l'hanno mai voluto regalare!  #disegnibambini

Manuale delle giovani marmotte....non me l'hanno mai voluto regalare! #disegnibambini

2 settembre 1666: il grande incendio di Londra  Immaginate la più grande città del Seicento abitata da mezzo milione di persone. Immaginate la parte centrale quella che oggi si potrebbe dire la city con tutte le attività commerciali circa 700 acri meno di tre chilometri quadrati dove vivono e lavorano circa 80mila persone la città fra le mura storiche e il Tamigi. Immaginate questa parte trasformata in un inferno. Più di tredicimila edifici furono ridotti in cenere. Quel 2 settembre del 1666…

2 settembre 1666: il grande incendio di Londra Immaginate la più grande città del Seicento abitata da mezzo milione di persone. Immaginate la parte centrale quella che oggi si potrebbe dire la city con tutte le attività commerciali circa 700 acri meno di tre chilometri quadrati dove vivono e lavorano circa 80mila persone la città fra le mura storiche e il Tamigi. Immaginate questa parte trasformata in un inferno. Più di tredicimila edifici furono ridotti in cenere. Quel 2 settembre del 1666…

Era per me la prima volta che “approdavo” in Sardegna, beh sembrerà strano ma è stato proprio così. Ad accogliermi una Piccola Grande Donna, Maddalena. Mai avevo ricevuto una simile accoglienza. Gentile, solare, disponibile. Due giorni intensi, una full immersion totale nella splendida Cagliari e la scoperta di tanti prodotti sardi. In primis il pane carasau che già conoscevo, ma si sà, in sardegna tutto ha un sapore più buono.Continua a leggere...

Era per me la prima volta che “approdavo” in Sardegna, beh sembrerà strano ma è stato proprio così. Ad accogliermi una Piccola Grande Donna, Maddalena. Mai avevo ricevuto una simile accoglienza. Gentile, solare, disponibile. Due giorni intensi, una full immersion totale nella splendida Cagliari e la scoperta di tanti prodotti sardi. In primis il pane carasau che già conoscevo, ma si sà, in sardegna tutto ha un sapore più buono.Continua a leggere...

Favole al telefono Gianni Rodari   C'era una volta...  ... il ragionier Bianchi di Varese. Era un rappresentante di commercio e sei giorni su sette girava l'Italia intera a Est a Ovest a Sud a Nord e in mezzo vendendo medicinali. La domenica tornava a casa sua e il lunedì mattina ripartiva. Ma prima che partisse la sua bambina gli diceva: - Mi raccomando papà: tutte le sere una storia.  Perché quella bambina non poteva dormire senza una storia e la mamma quelle che sapeva gliele aveva già…

Favole al telefono Gianni Rodari C'era una volta... ... il ragionier Bianchi di Varese. Era un rappresentante di commercio e sei giorni su sette girava l'Italia intera a Est a Ovest a Sud a Nord e in mezzo vendendo medicinali. La domenica tornava a casa sua e il lunedì mattina ripartiva. Ma prima che partisse la sua bambina gli diceva: - Mi raccomando papà: tutte le sere una storia. Perché quella bambina non poteva dormire senza una storia e la mamma quelle che sapeva gliele aveva già…

#ElisaDOspina Elisa D'Ospina: Correvano gli anni 90 e qui non avevo nemmeno dieci anni. Amavo il programma del momento: "Non è la Rai". Ambra era una delle ragazze che più mi piaceva; cantavo,ballavo davanti allo specchio imitandole e cercavo di vestirmi come loro. Già a quei tempi il "bulletto" del quartiere mi diceva che ero troppo abbondante per esser uguale alle bellissime di Non è la Rai. Già allora usciva il mio carattere: alla seconda volta che ironizzava sul mio

#ElisaDOspina Elisa D'Ospina: Correvano gli anni 90 e qui non avevo nemmeno dieci anni. Amavo il programma del momento: "Non è la Rai". Ambra era una delle ragazze che più mi piaceva; cantavo,ballavo davanti allo specchio imitandole e cercavo di vestirmi come loro. Già a quei tempi il "bulletto" del quartiere mi diceva che ero troppo abbondante per esser uguale alle bellissime di Non è la Rai. Già allora usciva il mio carattere: alla seconda volta che ironizzava sul mio

Benedetto sfora il miracolo a Casalpusterlengo senza Grappasonni e Vitale - Che peccato. A Casalpusterlengo matura per la Bawer Matera la seconda sconfitta consecutiva, la quarta di questa stagione. E dire che il Matera era stato in gara per larghi tratti. Ha condotto anche la gara, senza mai trovare l’allungo decisivo. Ma questa volta non gli si può chiedere di più a coach Benedetto perché è partito per questa trasferta senza capitan Grappasonni e ha perso d [...]

Benedetto sfora il miracolo a Casalpusterlengo senza Grappasonni e Vitale - Che peccato. A Casalpusterlengo matura per la Bawer Matera la seconda sconfitta consecutiva, la quarta di questa stagione. E dire che il Matera era stato in gara per larghi tratti. Ha condotto anche la gara, senza mai trovare l’allungo decisivo. Ma questa volta non gli si può chiedere di più a coach Benedetto perché è partito per questa trasferta senza capitan Grappasonni e ha perso d [...]

Pinterest
Cerca