Pinterest

Esplora queste idee e molte altre!

Il biscione reggiano è un prodotto tipico dell’arte culinaria delle antiche pasticcerie della città di Reggio Emilia. È un dolce tipico del periodo natalizio, infatti a Reggio Emilia è denominato anche “Biscione natalizio”.

Il biscione reggiano è un prodotto tipico dell’arte culinaria delle antiche pasticcerie della città di Reggio Emilia. È un dolce tipico del periodo natalizio, infatti a Reggio Emilia è denominato anche “Biscione natalizio”.

Prepara la pasta madre in maniera simpatica

Prepara la pasta madre in maniera simpatica

Torta Arlecchino

Torta Arlecchino

L' Albero di Natale: Pandolce di Natale

L' Albero di Natale: Pandolce di Natale

La sbriciolata con nocciole, mele e crema all'arancia è un dolce semplice, veloce e gustoso che conquisterà tutti! siete pronti a pasticciare?

Sbriciolata con nocciole, mele e crema all'arancia

La sbriciolata con nocciole, mele e crema all'arancia è un dolce semplice, veloce e gustoso che conquisterà tutti! siete pronti a pasticciare?

Torta sette veli

Torta sette veli, una delizia senza paragoni

Torta sette veli

Strudel di mele: Per la pasta matta:  125 gr di farina 00 75 gr di acqua 10 gr di olio di semi 1,5 gr di sale Per il ripieno:  800 gr di renette (4 mele) 70 gr di uvetta 45 gr di pinoli 40 gr di zucchero semolato 25 gr di burro 60 gr di pane grattugiato 1 cucchiaino di cannella 1 pizzico di buccia di limone Finitura:  1 uovo intero Zucchero semolato Cannella

Strudel di mele ricetta

Strudel di mele: Per la pasta matta: 125 gr di farina 00 75 gr di acqua 10 gr di olio di semi 1,5 gr di sale Per il ripieno: 800 gr di renette (4 mele) 70 gr di uvetta 45 gr di pinoli 40 gr di zucchero semolato 25 gr di burro 60 gr di pane grattugiato 1 cucchiaino di cannella 1 pizzico di buccia di limone Finitura: 1 uovo intero Zucchero semolato Cannella

Brioche al miele senza burro - Ingredienti: 480 g di farina 00, 1 bustina di vanillina, 100 g di miele, 2 uova, 120 ml di latte, 100 ml di olio di semi, 10 g di sale, 1 bustina di lievito di birra secco (oppure un panetto di lievito fresco da 25 g)

Brioche al miele senza burro

Brioche al miele senza burro - Ingredienti: 480 g di farina 00, 1 bustina di vanillina, 100 g di miele, 2 uova, 120 ml di latte, 100 ml di olio di semi, 10 g di sale, 1 bustina di lievito di birra secco (oppure un panetto di lievito fresco da 25 g)

Muffin con farina di farro e gocce di cioccolato

MUFFIN CON FARINA DI FARRO E GOCCE DI CIOCCOLATO

Cavatelli in Delizia di Zucca , Porcini e Mascarpone - La Cuoca Dentro

Cavatelli in Delizia di Zucca , Porcini e Mascarpone - La Cuoca Dentro

Frittelle dolci di cavolfiore: questa ricetta è di origini antiche, la mia bisnonna le preparava sempre, sembra inconsueto come abbinamento, ma vi assicuro che se le proverete resterete sorpresi dal loro gusto particolare.

Frittelle dolci di cavolfiore

Frittelle dolci di cavolfiore: questa ricetta è di origini antiche, la mia bisnonna le preparava sempre, sembra inconsueto come abbinamento, ma vi assicuro che se le proverete resterete sorpresi dal loro gusto particolare.

Le polpette di pane e zucchine sono una variante ricca e gustosa alle solite polpette di pane.Una ricetta economica,ideale per far gustare ai bimbi le verdure

Polpette di pane e zucchine

Le polpette di pane e zucchine sono una variante ricca e gustosa alle solite polpette di pane.Una ricetta economica,ideale per far gustare ai bimbi le verdure

LASANDRAMACCA: AMARETTI DI MODENA

LASANDRAMACCA: AMARETTI DI MODENA

Vivi in cucina: Cucchiaini al formaggio con mousse di prosciutto cotto - Bimby

Vivi in cucina: Cucchiaini al formaggio con mousse di prosciutto cotto - Bimby

La scarcella molfettese ha origini molto antiche, deve il suo nome da un antico rito risalente al 1451, che si svolgeva nella Basilica della Madonna dei Martiri, dove i pellegrini si recavano per ricevere il dono dell’indulgenza. La scarcella quindi, prende il nome dal verbo “scarcerare”, ovvero essere liberati dai peccati grazie al dono dell’indulgenza. Elianto quest'anno offre ai suoi clienti la possibilità di gustare questo prelibato dolce, potete prenotarlo al numero verde 800973191

La scarcella molfettese ha origini molto antiche, deve il suo nome da un antico rito risalente al 1451, che si svolgeva nella Basilica della Madonna dei Martiri, dove i pellegrini si recavano per ricevere il dono dell’indulgenza. La scarcella quindi, prende il nome dal verbo “scarcerare”, ovvero essere liberati dai peccati grazie al dono dell’indulgenza. Elianto quest'anno offre ai suoi clienti la possibilità di gustare questo prelibato dolce, potete prenotarlo al numero verde 800973191

Migliaccio di carnevale. Ricetta di famiglia

Migliaccio di carnevale. Ricetta di famiglia