Esplora queste idee e molte altre!

Esplora argomenti correlati

Folkrockaboom (La Tempesta). Entra di soppiatto questo terzo disco del duo siciliano e non ti lascia più. Sa di America e Sicilia in parti uguali, ha un'energia e una scrittura trasversalmente viscerali e profondamente meridionali, che voci e chitarre fanno esplodere come mai prima d'ora. Parole e arrangiamenti semplici ed essenziali che scavano dentro e un'energia rock'n'roll che lambisce quasi il metal (la strumentale "Aradia"). Una bomba è dire poco. Già da ora uno dei dischi dell'anno! 9

Folkrockaboom (La Tempesta). Entra di soppiatto questo terzo disco del duo siciliano e non ti lascia più. Sa di America e Sicilia in parti uguali, ha un'energia e una scrittura trasversalmente viscerali e profondamente meridionali, che voci e chitarre fanno esplodere come mai prima d'ora. Parole e arrangiamenti semplici ed essenziali che scavano dentro e un'energia rock'n'roll che lambisce quasi il metal (la strumentale "Aradia"). Una bomba è dire poco. Già da ora uno dei dischi dell'anno! 9

The Kid Stays In The Picture: An Interview With Asthma's Benedict Samuel On Acting, Hope, And Redemption Autre Magazine

The Kid Stays In The Picture: An Interview With Asthma's Benedict Samuel On Acting, Hope, And Redemption

The Kid Stays In The Picture: An Interview With Asthma's Benedict Samuel On Acting, Hope, And Redemption Autre Magazine

Researching the Blues (Merge). I fratelli Jeff e Steve Mcdonald sono la storia del punk e dell'indie rock americano. La loro biografia, la loro coerenza e le loro frequentazioni musicali negli anni meriterebbero un film. 34 anni in pista, 7 album con questo che colma 15 anni di silenzio discografico. E la musica è ancora incredibilmente fresca e coinvolgente come in passato: rock'n'roll dalle chitarre fiammanti e dalle armonie beatlesiane sublimi, canzoni senza tempo e una verve rara…

Researching the Blues (Merge). I fratelli Jeff e Steve Mcdonald sono la storia del punk e dell'indie rock americano. La loro biografia, la loro coerenza e le loro frequentazioni musicali negli anni meriterebbero un film. 34 anni in pista, 7 album con questo che colma 15 anni di silenzio discografico. E la musica è ancora incredibilmente fresca e coinvolgente come in passato: rock'n'roll dalle chitarre fiammanti e dalle armonie beatlesiane sublimi, canzoni senza tempo e una verve rara…

È uscito "Endkadenz Vol. 1", il nuovo album dei Verdena. Ecco la recensione #verdena #endkadenz #musica #rock #pop

È uscito "Endkadenz Vol. 1", il nuovo album dei Verdena. Ecco la recensione #verdena #endkadenz #musica #rock #pop

Pus Mortem (Diarreha Records). Black Pus è il progetto solista di Brian Chippendale, batterista, ma non solo, del duo Lightning Bolt. "Black Mortem" non ne sancisce la fine. Al settimo album la massa scura si fa tribale ed ipnotica, più ordinatamente caotica rimandando alla violenza degli Arab On Radar, al tribalismo degli Ovo ma non solo. Dub, noise, ambient, voci catacombali e atmosfere sarcasticamente lovecraftiane e urbane da Providence. Da ascoltare al massimo del volume possibile! 8.

Pus Mortem (Diarreha Records). Black Pus è il progetto solista di Brian Chippendale, batterista, ma non solo, del duo Lightning Bolt. "Black Mortem" non ne sancisce la fine. Al settimo album la massa scura si fa tribale ed ipnotica, più ordinatamente caotica rimandando alla violenza degli Arab On Radar, al tribalismo degli Ovo ma non solo. Dub, noise, ambient, voci catacombali e atmosfere sarcasticamente lovecraftiane e urbane da Providence. Da ascoltare al massimo del volume possibile! 8.

Open Your Heart (Sacred Bones Records). La musica dei The Men è una sintesi calibratissima di influenze, tutte tendenti verso il rock più sporco, saturo, psichedelico, sboccato e umorale, ma coi piedi ben saldi nella tradizione rock USA. Con questo terzo album pompano elettricità punk alla Black Lips ma senza ammiccamenti, rimanendo fedeli a se stessi e allo spirito iconoclasta e di ricerca della Sacred Bones. Country, rock, psichedelica, folk, pop, garage, noise mischiati con visceralità…

Open Your Heart

Open Your Heart (Sacred Bones Records). La musica dei The Men è una sintesi calibratissima di influenze, tutte tendenti verso il rock più sporco, saturo, psichedelico, sboccato e umorale, ma coi piedi ben saldi nella tradizione rock USA. Con questo terzo album pompano elettricità punk alla Black Lips ma senza ammiccamenti, rimanendo fedeli a se stessi e allo spirito iconoclasta e di ricerca della Sacred Bones. Country, rock, psichedelica, folk, pop, garage, noise mischiati con visceralità…

A Tutta Birra (Dischi Bervisti). Ecco la seconda uscita della label di Nicola Manzan. Una manata in faccia a base di hardcore punk. Un "movimento sociale ispirato alla strada e alle vicissitudini di normali cittadini alle prese con la quotidianità di un sistema che molto spesso fa incazzare". A tutta velocità, preciso e sguaiato, sarcastico e tagliente è il secondo parto del collettivo dopo "Allacciate le cinture" del 201. Disponibile anche in edizione limitata con birra e cavatappi…

A Tutta Birra (Dischi Bervisti). Ecco la seconda uscita della label di Nicola Manzan. Una manata in faccia a base di hardcore punk. Un "movimento sociale ispirato alla strada e alle vicissitudini di normali cittadini alle prese con la quotidianità di un sistema che molto spesso fa incazzare". A tutta velocità, preciso e sguaiato, sarcastico e tagliente è il secondo parto del collettivo dopo "Allacciate le cinture" del 201. Disponibile anche in edizione limitata con birra e cavatappi…

Decade (Silk 100%). Dal post punk targato Dischord coi Black Eyes all'ibrido afro punk wave del primi dischi come Mi Ami, fino a questa ulteriore affascinante evoluzione/involuzione disco psichedelica. Daniel Martin McCormick e Damon Palermo dopo il bellissimo "Dolphins" fanno uscire queste altre 4 tracce di dilatato e acquatico funk disco deep house, avvolgenti e iridescenti. Sfuocate e multicolori bolle di sapone elettroniche dai bassi profondi e dal tribalismo nel dna, piene di echi dub…

Decade (Silk 100%). Dal post punk targato Dischord coi Black Eyes all'ibrido afro punk wave del primi dischi come Mi Ami, fino a questa ulteriore affascinante evoluzione/involuzione disco psichedelica. Daniel Martin McCormick e Damon Palermo dopo il bellissimo "Dolphins" fanno uscire queste altre 4 tracce di dilatato e acquatico funk disco deep house, avvolgenti e iridescenti. Sfuocate e multicolori bolle di sapone elettroniche dai bassi profondi e dal tribalismo nel dna, piene di echi dub…

Samaris (One Little Indian). Sono in tre e sono islandesi. La voce è quella di Áslaug Rún Magnúsdóttir, ovvero metà delle Pascal Pinon. Gli altri due sono Þórður Kári Steinþórsson, alla produzione, e la clarinettista Áslaug Rún Magnúsdóttir. Insieme debuttano sotto il nome Samaris, intessendo strutture ritmiche liquide e soffuse tra Bjork, Sigur Ros, Fever Ray e certe leggiadrie di casa Morr con fascinosa maestria nordica. Una perla musicale da non lasciarsi scappare. 8

Samaris (One Little Indian). Sono in tre e sono islandesi. La voce è quella di Áslaug Rún Magnúsdóttir, ovvero metà delle Pascal Pinon. Gli altri due sono Þórður Kári Steinþórsson, alla produzione, e la clarinettista Áslaug Rún Magnúsdóttir. Insieme debuttano sotto il nome Samaris, intessendo strutture ritmiche liquide e soffuse tra Bjork, Sigur Ros, Fever Ray e certe leggiadrie di casa Morr con fascinosa maestria nordica. Una perla musicale da non lasciarsi scappare. 8

New Leaves (Inner City Grit Records). Delicatezza sognante da Bristol. Canzoni dagli arpeggi melliflui e vaporosi, riverberi ambientali e un'infarinatura di elettronica a velo ad accompagnare una voce che culla  e di cui ci si innamora facilmente e subdolamente. Sarah ha debuttato nel 2011 con questa manciata di canzoni che non lasciano indifferenti una volta che le si scopre ad una ad una. Per il 2013 è previsto un seguito e pure un tour. Speriamo di sentirne parlare e di incrociarla…

New Leaves (Inner City Grit Records). Delicatezza sognante da Bristol. Canzoni dagli arpeggi melliflui e vaporosi, riverberi ambientali e un'infarinatura di elettronica a velo ad accompagnare una voce che culla e di cui ci si innamora facilmente e subdolamente. Sarah ha debuttato nel 2011 con questa manciata di canzoni che non lasciano indifferenti una volta che le si scopre ad una ad una. Per il 2013 è previsto un seguito e pure un tour. Speriamo di sentirne parlare e di incrociarla…

Pinterest
Cerca