Esplora queste idee e molte altre!

"Requiem del Dodo" alla libreria Tra Le Righe.

"Requiem del Dodo" alla libreria Tra Le Righe.

"Requiem del dodo di Arianna Gasbarro (…) è un libro che racconta cose tristi con surreale allegria, paradossi e grandi chiacchierate davanti a delle birre. Ci sono molti vermi, anche. Di solito ai vermi non è bello pensare, ma qua hanno un peso decisamente rilevante per l’ordine del mondo. I vermi servono a Mattia – il regista – e a Mia – la tomba-sitter/dodo-comparsa. E anche a voi saranno utili" (Intervista ad Arianna Gasbarro a cura di Tegamini).

"Requiem del dodo di Arianna Gasbarro (…) è un libro che racconta cose tristi con surreale allegria, paradossi e grandi chiacchierate davanti a delle birre. Ci sono molti vermi, anche. Di solito ai vermi non è bello pensare, ma qua hanno un peso decisamente rilevante per l’ordine del mondo. I vermi servono a Mattia – il regista – e a Mia – la tomba-sitter/dodo-comparsa. E anche a voi saranno utili" (Intervista ad Arianna Gasbarro a cura di Tegamini).

"Tra i 'deliri da Pub' dei protagonisti si intravede davvero una scintilla di senso, il barlume di un significato tanto semplice e inattaccabile da apparire veritiero. (...) Di certo questo libro lascia qualcosa, una leggerezza non superficiale, qualcosa per cui sorridere e qualcosa su cui riflettere, come questa frase pronunciata da Mia: “Non innamorarti mai della tristezza, della solitudine, del dolore. Quelli non sono altro che parassiti dell'anima che si nutrono di vita” (Matteo…

"Tra i 'deliri da Pub' dei protagonisti si intravede davvero una scintilla di senso, il barlume di un significato tanto semplice e inattaccabile da apparire veritiero. (...) Di certo questo libro lascia qualcosa, una leggerezza non superficiale, qualcosa per cui sorridere e qualcosa su cui riflettere, come questa frase pronunciata da Mia: “Non innamorarti mai della tristezza, della solitudine, del dolore. Quelli non sono altro che parassiti dell'anima che si nutrono di vita” (Matteo…

"Un romanzo come questo, sereno ma nuvoloso, quindi triste ma in maniera paradossale può tranquillamente essere una storia vera. (...) E come lo spieghi il vuoto di senso in un romanzo? Drammi interiori, sproloqui, nervosismi e qualche buon colpo di scena. Come in Requiem del Dodo. Brava Arianna!" (recensione di "Requiem del Dodo" di Arianna Gasbarro a cura di Andrea Sesta).

"Un romanzo come questo, sereno ma nuvoloso, quindi triste ma in maniera paradossale può tranquillamente essere una storia vera. (...) E come lo spieghi il vuoto di senso in un romanzo? Drammi interiori, sproloqui, nervosismi e qualche buon colpo di scena. Come in Requiem del Dodo. Brava Arianna!" (recensione di "Requiem del Dodo" di Arianna Gasbarro a cura di Andrea Sesta).

Promozione "Invito alla lettura" al #pbf2012

Promozione "Invito alla lettura" al #pbf2012

"Ti amo ma posso spiegarti" di Guido Catalano: la maglietta.

"Ti amo ma posso spiegarti" di Guido Catalano: la maglietta.

"Ti amo ma posso spiegarti" di Guido Catalano è tra i consigli di lettura della libreria romana Altroquando riportati su L'Espresso (nr. 26 luglio 2012).

"Ti amo ma posso spiegarti" di Guido Catalano è tra i consigli di lettura della libreria romana Altroquando riportati su L'Espresso (nr. 26 luglio 2012).

"Capitolo dopo capitolo, la sensazione è quella di chi arriva a Londra per la prima volta: migliaia di stimoli e sensazioni tutti insieme, difficoltà oggettiva di organizzarli. (...) Anche per chi non ha in programma un viaggio oltremanica o non è mai stato a Londra, le curiosità culturali e la prosa briosa di Paoloni risulteranno quantomeno godibili. Impossibile non notare, poi, la cura con cui la Miraggi Edizioni realizza i suoi libri" (recensione di "Not Just Another Guide to London").

"Capitolo dopo capitolo, la sensazione è quella di chi arriva a Londra per la prima volta: migliaia di stimoli e sensazioni tutti insieme, difficoltà oggettiva di organizzarli. (...) Anche per chi non ha in programma un viaggio oltremanica o non è mai stato a Londra, le curiosità culturali e la prosa briosa di Paoloni risulteranno quantomeno godibili. Impossibile non notare, poi, la cura con cui la Miraggi Edizioni realizza i suoi libri" (recensione di "Not Just Another Guide to London").

Tre autrici di "Lavoricidi italiani" al Pisa Book Festival per firmare copie: Sandra Mazzinghi, Silvia Conforti e Guendalina Tambellini.

Tre autrici di "Lavoricidi italiani" al Pisa Book Festival per firmare copie: Sandra Mazzinghi, Silvia Conforti e Guendalina Tambellini.

L'indomito libraio di Tra Le Righe

L'indomito libraio di Tra Le Righe

Pinterest
Cerca