Esplora queste idee e molte altre!

Esplora argomenti correlati

«E noi, dolcezza, non lo desteremo / il soave   malato che non ha / più la speranza della guarigione // come l’anima nostra senza remo, / e senza vela, che non tornerà /   mai più nel porto di salvazione». Sergio Corazzini

«E noi, dolcezza, non lo desteremo / il soave malato che non ha / più la speranza della guarigione // come l’anima nostra senza remo, / e senza vela, che non tornerà / mai più nel porto di salvazione». Sergio Corazzini

Amleto, William Shakespeare Illustrazione di Leah Piken Kolidas (http://www.bluetreeartgallery.com/about-leah-piken.php)

Amleto, William Shakespeare Illustrazione di Leah Piken Kolidas (http://www.bluetreeartgallery.com/about-leah-piken.php)

Risultato della ricerca immagini di Google per http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/2b/Salto_de_Agua.jpg

Risultato della ricerca immagini di Google per http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/2b/Salto_de_Agua.jpg

Non navighiamo sullo stesso mare,  eppure così sembra.  Grossi tronchi e ferro in coperta,  sabbia e cemento nella stiva,  io resto nel profondo, io avanzo con lentezza,  a fatica nella tempesta,  urlo nella nebbia.  Tu veleggi in una barca di carta,  e il sogno sospinge l’azzurra vela,  così dolce è il vento, così delicata l’onda. Olav H. Hauge

Non navighiamo sullo stesso mare, eppure così sembra. Grossi tronchi e ferro in coperta, sabbia e cemento nella stiva, io resto nel profondo, io avanzo con lentezza, a fatica nella tempesta, urlo nella nebbia. Tu veleggi in una barca di carta, e il sogno sospinge l’azzurra vela, così dolce è il vento, così delicata l’onda. Olav H. Hauge

Acqua di mare amaro  Che esali nella notte:  Verso le eterne rotte  Il mio destino prepara  Mare che batti come un cuore stanco  Violentato dalla voglia atroce  Di un Essere insaziato che si strugge.  Campana

Acqua di mare amaro Che esali nella notte: Verso le eterne rotte Il mio destino prepara Mare che batti come un cuore stanco Violentato dalla voglia atroce Di un Essere insaziato che si strugge. Campana

Sibilla Aleramo, pseudonimo di Rina Faccio (Alessandria, 14 agosto 1876 ma vissuta fino al 1899 a Civitanova Marche – Roma, 13 gennaio 1960)

Sibilla Aleramo, pseudonimo di Rina Faccio (Alessandria, 14 agosto 1876 ma vissuta fino al 1899 a Civitanova Marche – Roma, 13 gennaio 1960)

la luna nel cuore la notte nel sangue

la luna nel cuore la notte nel sangue

Sandro Penna, uno dei poeti che amavo di più quando avevo vent'anni...

Sandro Penna, uno dei poeti che amavo di più quando avevo vent'anni...

Forse, per superare il dolore si ha bisogno di emozioni forti. Certamente Frida non se le è fatte scappare.   "La mia notte è come un grande cuore che pulsa. Sono le tre e trenta del mattino. La mia notte è senza luna. La mia notte ha grandi occhi che guardano fissi una luce grigia che filtra dalle finestre. La mia notte piange e il cuscino diventa umido e freddo. La mia notte è lunga e sembra tesa verso una fine incerta. La mia [...]"  #fridakahlo, #diegorivera, #amore, #lamianotte,

Forse, per superare il dolore si ha bisogno di emozioni forti. Certamente Frida non se le è fatte scappare. "La mia notte è come un grande cuore che pulsa. Sono le tre e trenta del mattino. La mia notte è senza luna. La mia notte ha grandi occhi che guardano fissi una luce grigia che filtra dalle finestre. La mia notte piange e il cuscino diventa umido e freddo. La mia notte è lunga e sembra tesa verso una fine incerta. La mia [...]" #fridakahlo, #diegorivera, #amore, #lamianotte,

"Il mare è il luogo in cui avvengono gli eventi decisivi, i momenti di eterna scelta, la tentazione, la caduta e la redenzione". Auden

"Il mare è il luogo in cui avvengono gli eventi decisivi, i momenti di eterna scelta, la tentazione, la caduta e la redenzione". Auden

Pinterest
Cerca