Débat

Débat

0
Followers
4
Following
Débat
More ideas from Débat
“Une vie sous le terrorisme”, incredibile opera prima di Mohammed Taoufik nasce con l'intento di dare voce alla generazione di uomini e donne che ha vissuto l’Algeria degli anni ’90 e trascina il lettore nell’intenso percorso di vita di Amel, giovane algerina di Oran, vittima della crudele deriva integralista portata avanti dal FIS e dalla sua ala estremista, il GIA (Gruppo Islamico Armato).

“Une vie sous le terrorisme”, incredibile opera prima di Mohammed Taoufik nasce con l'intento di dare voce alla generazione di uomini e donne che ha vissuto l’Algeria degli anni ’90 e trascina il lettore nell’intenso percorso di vita di Amel, giovane algerina di Oran, vittima della crudele deriva integralista portata avanti dal FIS e dalla sua ala estremista, il GIA (Gruppo Islamico Armato).

A pieno titolo una nuova data spartiacque è entrata a far parte della recente storia d’Egitto. La mobilitazione generale, organizzata dalla campagna Tamarod lo scorso 30 giugno e proseguita nei giorni successivi.

A pieno titolo una nuova data spartiacque è entrata a far parte della recente storia d’Egitto. La mobilitazione generale, organizzata dalla campagna Tamarod lo scorso 30 giugno e proseguita nei giorni successivi.

A due anni da quella che comunemente viene chiamata “primavera araba”, la Tunisia, il paese da cui tutto ha avuto origine, è stata brutalmente scossa dall’assassinio di Chokri Belaïd. L’avvocato e leader di “Al Watad”, uno dei dodici partiti della coalizione laica di centro sinistra, denominata “Fronte popolare”, è stato raggiunto da quattro colpi di arma da fuoco subito dopo aver lasciato la propria abitazione per recarsi a lavoro.

A due anni da quella che comunemente viene chiamata “primavera araba”, la Tunisia, il paese da cui tutto ha avuto origine, è stata brutalmente scossa dall’assassinio di Chokri Belaïd. L’avvocato e leader di “Al Watad”, uno dei dodici partiti della coalizione laica di centro sinistra, denominata “Fronte popolare”, è stato raggiunto da quattro colpi di arma da fuoco subito dopo aver lasciato la propria abitazione per recarsi a lavoro.

È con un post sulla pagina ufficiale di facebook che la nota band indie/rock libanese, Mashrou’ Leila[1], ha annunciato il proprio ritorno sul palco, in occasione dell’evento live “Babylon” che si terrà il 26 e 27 marzo ad Istanbul. Non si sono fatti attendere i commenti dei fans che hanno accolto la notizia con entusiasmo ed eccitazione, ad ulteriore conferma dell’ormai consolidato valore artistico-musicale del gruppo.

Lebanese Indie Rock Band Mashrou’ Leila Is Doing a Lot More for Gay Rights Than Your Band

È attiva già dalla fine di aprile, ma solo nelle ultime settimane la campagna egiziana denominata “Tamarod” (ribellione) sta ricevendo ampia copertura mediatica a livello internazionale. Un’attenzione particolare mossa, dapprima, da curiosità per il fenomeno sorto spontaneamente in seno alla società civile, ed ora investita da una febbrile attesa piena di speranze.

Amazing Human Shield Forms Around Women Protestors In Tahrir Square Egyptian men protect female protestors in Cairo.

È stato in occasione della conferenza dello scorso anno, tenutasi presso la Library of Congress, che la notizia relativa ad un’imminente pubblicazione in inglese dei romanzi storici di Jurji Zaydan è stata rivelata al grande pubblico.

È stato in occasione della conferenza dello scorso anno, tenutasi presso la Library of Congress, che la notizia relativa ad un’imminente pubblicazione in inglese dei romanzi storici di Jurji Zaydan è stata rivelata al grande pubblico.

«Ho deciso di partire per la Turchia su due piedi, anche un po’ per noia professionale: ero a Palazzo Chigi, stavo guardando le immagini di quello che stava succedendo e ho pensato che avrei voluto essere lì per raccontare. Era martedì, ho prenotato un volo per venerdì 14 giugno e sono partito»

«Ho deciso di partire per la Turchia su due piedi, anche un po’ per noia professionale: ero a Palazzo Chigi, stavo guardando le immagini di quello che stava succedendo e ho pensato che avrei voluto essere lì per raccontare. Era martedì, ho prenotato un volo per venerdì 14 giugno e sono partito»

Mentre gran parte della società civile turca si scontrava duramente con la polizia in occasione di una protesta ambientalista ben presto diventata una dura critica all’intera politica del governo di Erdoĝan, nel resto del mondo migliaia di persone hanno solidarizzato con le ragioni dei manifestanti.

Protesters carry the Turkish flag and shout anti-government slogans during a demonstration at Gezi Park near Taksim Square in central Istanbul on June (Stoyan Nenov/Reuters)

La rivolta turca contro l’abbattimento del parco Gezi è diventata un evento mediatico di notevole interesse a livello globale, gli hashtags #occupygezi e #gezipark sono ben presto diventati trendtopics su Twitter, le terribili immagini degli scontri hanno cominciato a fluire sui social network a un ritmo incessante

A Turkish riot policeman uses tear gas as people protest against the destruction of trees in a park brought about by a pedestrian project, in Taksim Square in central Istanbul May REUTERS/Osman Orsal

Più di 150.000 persone hanno manifestato oggi ad Ankara per chiedere uguaglianza rispetto ai diritti della minoranza alevita presente in Turchia. La voce della maggioranza dei manifestanti si è levata anche contro la decisione del Parlamento turco di autorizzare operazioni militari in Siria.

Più di 150.000 persone hanno manifestato oggi ad Ankara per chiedere uguaglianza rispetto ai diritti della minoranza alevita presente in Turchia. La voce della maggioranza dei manifestanti si è levata anche contro la decisione del Parlamento turco di autorizzare operazioni militari in Siria.

“Revolution Revelation” è una creazione artistica di Mercan Dede e Carlito Dalceggio. Opera d’arte, performance artistica, spazio di riflessione o meditazione, “Revolution Revelation” è tutto questo e molto di più.

“Revolution Revelation” è una creazione artistica di Mercan Dede e Carlito Dalceggio. Opera d’arte, performance artistica, spazio di riflessione o meditazione, “Revolution Revelation” è tutto questo e molto di più.

“Divisions Unfolded” è un’idea nata dalla mente di Francesco Lupo, studente d’arte italiano che vive a İstanbul.

“Divisions Unfolded” è un’idea nata dalla mente di Francesco Lupo, studente d’arte italiano che vive a İstanbul.

Quali sono i costi -in termini sociali e ambientali- dello sviluppo frenetico e selvaggio dell’urbanizzazione? Come si trasformano le abitudini e le giornate degli abitanti delle metropoli quando le ruspe e le demolizioni cambiano il volto delle città in cui vivono? Sono principalmente queste le domande a cui il documentario “Ekümenopolis – City Without limits” cerca di dare una risposta, prendendo ad esempio il caso di İstanbul, metropoli in continua e forsenata trasformazione.

Ecological limits have been surpassed. Economic limits have been surpassed. Population limits have been surpassed. Social cohesion has been lost.