Memoria

11 Pin20 Follower
... Ma uno ogni tanto. A produrli in serie, si finisce sulle carte dei cioccolatini, l’aforisma è una creatura delicata, vive solo in condizioni di eccezionalità. Stanislaw Jerzy Lec è un prodigio della natura perché distilla un pensiero al giorno. I giorni passano, i pensieri riempiono le pagine e vengono tradotti in tutte le lingue, capolavori di originalità, arguzia, cattiveria, spietata e profondissima intelligenza.

... Ma uno ogni tanto. A produrli in serie, si finisce sulle carte dei cioccolatini, l’aforisma è una creatura delicata, vive solo in condizioni di eccezionalità. Stanislaw Jerzy Lec è un prodigio della natura perché distilla un pensiero al giorno. I giorni passano, i pensieri riempiono le pagine e vengono tradotti in tutte le lingue, capolavori di originalità, arguzia, cattiveria, spietata e profondissima intelligenza.

Ayn Rand: una frase profetica del 1920- Fatto da Voi

Ayn Rand: una frase profetica del 1920- Fatto da Voi

Il matematico italiano che corresse Einstein«Quando ho visto che Lei rivolge la sua obiezione contro la dimostrazione più importante della teoria, che mi è costata fiumi di sudore, mi sono spaventato non poco poiché so che Lei padroneggia queste cose matematiche molto meglio di me». È un allarmato Einstein quello che il 5 marzo 1915 così risponde a Tullio Levi-Civita, il matematico padovano che gli ha comunicato un errore nella dimostrazione di un teorema...»

Il matematico italiano che corresse Einstein«Quando ho visto che Lei rivolge la sua obiezione contro la dimostrazione più importante della teoria, che mi è costata fiumi di sudore, mi sono spaventato non poco poiché so che Lei padroneggia queste cose matematiche molto meglio di me». È un allarmato Einstein quello che il 5 marzo 1915 così risponde a Tullio Levi-Civita, il matematico padovano che gli ha comunicato un errore nella dimostrazione di un teorema...»

Attilio Folliero: Quando Israele volò fino a Londra per sparare ad un vignettista…Naji al-Ali con la sua matita, ogni giorno, anche dal più lontano esilio londinese, colpiva il nemico israeliano occupante con strisce sottili e pungenti, laceranti e dolci, era un combattente instancabile, finchè Israele non decise di andarlo acercare. Handala, di Naji al-Ali Trovò la morte con un colpo in pieno volto, a molte miglia di distanza dalla sua terra profumata di Timo, colpevole, con la sua…

Attilio Folliero: Quando Israele volò fino a Londra per sparare ad un vignettista…Naji al-Ali con la sua matita, ogni giorno, anche dal più lontano esilio londinese, colpiva il nemico israeliano occupante con strisce sottili e pungenti, laceranti e dolci, era un combattente instancabile, finchè Israele non decise di andarlo acercare. Handala, di Naji al-Ali Trovò la morte con un colpo in pieno volto, a molte miglia di distanza dalla sua terra profumata di Timo, colpevole, con la sua…

Lo scandaglio dell'anima Curatore: Anacleto Verrecchia Bur - Biblioteca Universale Rizzoli, 2002 Libro di Georg Lichtenberg consigliato  - Aforismi di un pensatore indipendente

Lo scandaglio dell'anima Curatore: Anacleto Verrecchia Bur - Biblioteca Universale Rizzoli, 2002 Libro di Georg Lichtenberg consigliato - Aforismi di un pensatore indipendente

Archeologia dell’alcol - Ricostruzione grafica del più antico distillatore, Tepe Gawra, Iraq, periodo Uruk, 3500 a.C., altezza del coperchio 48 cm. 1500 a.C. (da Rysanek & Václavû, 1989, fig. 3, p. 199)

Archeologia dell’alcol - Ricostruzione grafica del più antico distillatore, Tepe Gawra, Iraq, periodo Uruk, 3500 a.C., altezza del coperchio 48 cm. 1500 a.C. (da Rysanek & Václavû, 1989, fig. 3, p. 199)

eccidio di Buggerru-4 settembre 1904 l’esercito italiano uccide i minatori sardi perchè “pretendevano” condizioni più umane

eccidio di Buggerru-4 settembre 1904 l’esercito italiano uccide i minatori sardi perchè “pretendevano” condizioni più umane

eccidio di Buggerru-4 settembre 1904 l’esercito italiano uccide i minatori sardi perchè “pretendevano” condizioni più umane

eccidio di Buggerru-4 settembre 1904 l’esercito italiano uccide i minatori sardi perchè “pretendevano” condizioni più umane

Frontespizio del volume di scritti storici e politici weiliani raccolti da Albert Camus. Il critico Alfonso Berardinelli scriverà di lei: «Accusata di tradimento dalla sinistra, fraintesa dalla destra, dimenticata dai manuali di filosofia. Eppure è uno dei maggiori pensatori del secolo».  A. Berardinelli, Simone Weil. La rivoluzione solitaria, L'intelletto santo della Weil Berardinelli la definisce «il maggiore filosofo del Novecento».

Frontespizio del volume di scritti storici e politici weiliani raccolti da Albert Camus. Il critico Alfonso Berardinelli scriverà di lei: «Accusata di tradimento dalla sinistra, fraintesa dalla destra, dimenticata dai manuali di filosofia. Eppure è uno dei maggiori pensatori del secolo». A. Berardinelli, Simone Weil. La rivoluzione solitaria, L'intelletto santo della Weil Berardinelli la definisce «il maggiore filosofo del Novecento».

La prima estate di guerra-"Il nazionalista ha un odio enorme e un minuscolo amore" (A. Gide)-Luigi Fabbri, Massimo Ortalli (a cura di), La prima estate di guerra. Diario di un anarchico (1 maggio-20 settembre 1915)-Luigi Fabbri, insegnante anarchico di Fabriano

La prima estate di guerra-"Il nazionalista ha un odio enorme e un minuscolo amore" (A. Gide)-Luigi Fabbri, Massimo Ortalli (a cura di), La prima estate di guerra. Diario di un anarchico (1 maggio-20 settembre 1915)-Luigi Fabbri, insegnante anarchico di Fabriano


Altre idee
Pinterest
Cerca