"Che fine ha fatto MrY", per me un romanzo rivelazione, in cui vite reali e sogni si fondono. Come nel film Matrix, quello che sembra reale è solo un'illusione creata dalla nostra mente, un mondo in cui scienza, religione, materia, e coscienza si uniscono. Scarlett Thomas ha scritto un thriller di fantascienza basandosi su congetture filosofiche, fisiche, matematiche e letterarie, creando un mix perfetto. Unica nota stonata il finale, per il resto merita di essere letto.

"Che fine ha fatto MrY", per me un romanzo rivelazione, in cui vite reali e sogni si fondono. Come nel film Matrix, quello che sembra reale è solo un'illusione creata dalla nostra mente, un mondo in cui scienza, religione, materia, e coscienza si uniscono. Scarlett Thomas ha scritto un thriller di fantascienza basandosi su congetture filosofiche, fisiche, matematiche e letterarie, creando un mix perfetto. Unica nota stonata il finale, per il resto merita di essere letto.

Spy Story ambientata tra il 1519 e il 1555, il destino che lega il protagonista (dai molteplici nomi) scampato alla carneficina di Frankenhausen e "Q" il traditore, è il filo conduttore di tutto il romanzo. Una lotta per l'uguaglianza, la libertà e per i diritti fondamentali degli uomini. Il romanzo è scritto a più mani, Luther Blissett è uno pseudonimo che poi cambierà in WuMing ("anonimo" in cinese mandarino), di cui consiglio di leggere "Altai", proprio il seguito di "Q".

Spy Story ambientata tra il 1519 e il 1555, il destino che lega il protagonista (dai molteplici nomi) scampato alla carneficina di Frankenhausen e "Q" il traditore, è il filo conduttore di tutto il romanzo. Una lotta per l'uguaglianza, la libertà e per i diritti fondamentali degli uomini. Il romanzo è scritto a più mani, Luther Blissett è uno pseudonimo che poi cambierà in WuMing ("anonimo" in cinese mandarino), di cui consiglio di leggere "Altai", proprio il seguito di "Q".

Dalla penna di Philip K. Dick, il romanzo che ha ispirato "Blade Runner", ma in gran parte diverso dal film. Un viaggio nella coscienza  umana ed androide, in una cornice post-atomica in cui la differenza tra uomo e macchina è sottile.

Dalla penna di Philip K. Dick, il romanzo che ha ispirato "Blade Runner", ma in gran parte diverso dal film. Un viaggio nella coscienza umana ed androide, in una cornice post-atomica in cui la differenza tra uomo e macchina è sottile.

Ascanio Celestini - La pecora nera Il racconto dei 35 anni che Nicola, il protagonista del libro, passa nel "manicomio elettrico", tra visioni e realtà, testimonianze di eventi accaduti nei favolosi anni Sessanta. Veniamo accompagnati in un viaggio all'interno di un manicomio, attraverso gli occhi di chi quel luogo lo ha vissuto. Ascanio Celestini riesce, in un modo poetico, a tirar fuori la comicità da eventi tragici.

Ascanio Celestini - La pecora nera Il racconto dei 35 anni che Nicola, il protagonista del libro, passa nel "manicomio elettrico", tra visioni e realtà, testimonianze di eventi accaduti nei favolosi anni Sessanta. Veniamo accompagnati in un viaggio all'interno di un manicomio, attraverso gli occhi di chi quel luogo lo ha vissuto. Ascanio Celestini riesce, in un modo poetico, a tirar fuori la comicità da eventi tragici.

Gino Strada - Pappagalli verdi: Le cronache di un chirurgo di guerra, una raccolta di esperienze, eventi, ricordi e rimorsi. Gino Strada è uno dei fondatori di Emergency, impegnato in prima linea nel dare il primo soccorso alle vittime delle guerre. Il titolo del libro deriva da una tipologia di mina antiuomo a forma di farfalla color verde, che gli afgani chiamano appunto pappagalli verdi, ed è una delle principali cause di morte per molti bambini, che la scambiano per un giocattolo.

Gino Strada - Pappagalli verdi: Le cronache di un chirurgo di guerra, una raccolta di esperienze, eventi, ricordi e rimorsi. Gino Strada è uno dei fondatori di Emergency, impegnato in prima linea nel dare il primo soccorso alle vittime delle guerre. Il titolo del libro deriva da una tipologia di mina antiuomo a forma di farfalla color verde, che gli afgani chiamano appunto pappagalli verdi, ed è una delle principali cause di morte per molti bambini, che la scambiano per un giocattolo.

"Il Giardino delle Bestie. Berlino 1934" è la cronaca reale e diretta dell'ascesa al potere, nella Germania degli anni '30, del nazionalsocialismo e di come la follia di pochi ha dominato sulla vita di molti.  Erik Larson ci fa vivere questo periodo attraverso gli occhi dell'ambasciatore americano W.Dodd, salito in carica proprio nel 1933, e di sua figlia Martha. Entrambi capiranno ben presto che dietro i bei modi e le belle parole dei nazisti, si cela una brutalità disumana.

"Il Giardino delle Bestie. Berlino 1934" è la cronaca reale e diretta dell'ascesa al potere, nella Germania degli anni '30, del nazionalsocialismo e di come la follia di pochi ha dominato sulla vita di molti. Erik Larson ci fa vivere questo periodo attraverso gli occhi dell'ambasciatore americano W.Dodd, salito in carica proprio nel 1933, e di sua figlia Martha. Entrambi capiranno ben presto che dietro i bei modi e le belle parole dei nazisti, si cela una brutalità disumana.

José Saramago in Cecità, ci racconta l'indifferenza e la lotta per non essere sopraffatti, ci fa cascare in un buio profondo, non quello dovuto alla mancanza della vista ma quello della coscienza umana, comprenderemo che basta poco per diventare delle bestie. Si apprezza il fatto che si entra da subito nel racconto, ti senti coinvolto dalle primissime pagine e proprio la mancanza della vista ci farà vedere meglio come siamo fatti.

José Saramago in Cecità, ci racconta l'indifferenza e la lotta per non essere sopraffatti, ci fa cascare in un buio profondo, non quello dovuto alla mancanza della vista ma quello della coscienza umana, comprenderemo che basta poco per diventare delle bestie. Si apprezza il fatto che si entra da subito nel racconto, ti senti coinvolto dalle primissime pagine e proprio la mancanza della vista ci farà vedere meglio come siamo fatti.

5 famiglie, divise da km di distanza, vedranno i loro destini incrociarsi, tra amori, passioni e spionaggio internazionale. Ken Follett ci racconta il drammatico periodo delle due Guerre Mondiali, attraverso gli occhi dei protagonisti, facendoci vivere alcuni dei momenti più importanti dell'inizio del XX secolo. Alla fine della lettura de "La caduta dei giganti" e "L'inverno del Mondo" ne saprete di più sulla storia del '900. Attendiamo il terzo e ultimo capitolo di questa trilogia storica.

5 famiglie, divise da km di distanza, vedranno i loro destini incrociarsi, tra amori, passioni e spionaggio internazionale. Ken Follett ci racconta il drammatico periodo delle due Guerre Mondiali, attraverso gli occhi dei protagonisti, facendoci vivere alcuni dei momenti più importanti dell'inizio del XX secolo. Alla fine della lettura de "La caduta dei giganti" e "L'inverno del Mondo" ne saprete di più sulla storia del '900. Attendiamo il terzo e ultimo capitolo di questa trilogia storica.

"Ritratto di una Famiglia con Superpoteri", il titolo del libro svela molto, la storia dei componenti di una famiglia che, nei momenti più difficili della loro vita, si ritroveranno a convivere con un superpotere, permettendogli di aiutare se stessi e chi gli sta vicino. Steven Amsterdam regala un capitolo del libro ad ogni personaggio, portandoci a scoprire che il vero superpotere è l'unione ed i sentimenti che li legano tra loro.

"Ritratto di una Famiglia con Superpoteri", il titolo del libro svela molto, la storia dei componenti di una famiglia che, nei momenti più difficili della loro vita, si ritroveranno a convivere con un superpotere, permettendogli di aiutare se stessi e chi gli sta vicino. Steven Amsterdam regala un capitolo del libro ad ogni personaggio, portandoci a scoprire che il vero superpotere è l'unione ed i sentimenti che li legano tra loro.

Chi vi persuade ad acquistare cose di cui in realtà non avete bisogno? E' il pubblicitario, tramite spot molto spesso subdoli, il suo lavoro è studiare quello che desidererete in futuro. "Lire 26.900" è il libro che racconta la storia di un pubblicitario di fama mondiale, che guadagna proprio la somma del titolo dato al libro. L'autore, Frédéric Beigbeder, lavorava per un'agenzia pubblicitaria, che lo licenziò, sembra proprio per la pubblicazione di questo libro.

Chi vi persuade ad acquistare cose di cui in realtà non avete bisogno? E' il pubblicitario, tramite spot molto spesso subdoli, il suo lavoro è studiare quello che desidererete in futuro. "Lire 26.900" è il libro che racconta la storia di un pubblicitario di fama mondiale, che guadagna proprio la somma del titolo dato al libro. L'autore, Frédéric Beigbeder, lavorava per un'agenzia pubblicitaria, che lo licenziò, sembra proprio per la pubblicazione di questo libro.

Pinterest
Cerca