Daggar V

Lego Mech Mecha
20 Pin0 Follower
Non si può prescindere da Kim Kaphwan se ci si ispira al taekwondo per la creazione di un robot. Perciò è d'obbligo la posizione tipica del colpo Hishou Kyaku: la mossa più scenografica del mio personaggio preferito della saga di Fatal Fury. Ah ta ta ta ta!

Non si può prescindere da Kim Kaphwan se ci si ispira al taekwondo per la creazione di un robot. Perciò è d'obbligo la posizione tipica del colpo Hishou Kyaku: la mossa più scenografica del mio personaggio preferito della saga di Fatal Fury. Ah ta ta ta ta!

Daggar V mentre si muove sulle lame.

Daggar V mentre si muove sulle lame.

Configurazione in astronave, vista dal lato motori.

Configurazione in astronave, vista dal lato motori.

Calcio con spaccata.

Calcio con spaccata.

Daggar V utilizza le fruste meccaniche delle dita per afferrare.

Daggar V utilizza le fruste meccaniche delle dita per afferrare.

Allungamento delle dita in fruste meccaniche.

Allungamento delle dita in fruste meccaniche.

Daggar V in posizione di difesa.

Daggar V in posizione di difesa.

Immagine in configurazione Robot con le lame estratte dalle gambe.

Immagine in configurazione Robot con le lame estratte dalle gambe.

Questa evidente posa in stile Pulp Fiction aiuta a indirizzare lo sguardo sulle mani del Daggar-V. Le articolazioni delle dita rendono possiile molti movimenti, aggiungendo espressività nelle posizioni del robot.

Questa evidente posa in stile Pulp Fiction aiuta a indirizzare lo sguardo sulle mani del Daggar-V. Le articolazioni delle dita rendono possiile molti movimenti, aggiungendo espressività nelle posizioni del robot.

Ua posa per dimostrare le flessibilità del modello.

Ua posa per dimostrare le flessibilità del modello.


Altre idee
Altra posizione in stile taekwondo

Altra posizione in stile taekwondo

Daggar V in una delle posizioni dell'arte marziale del taekwondo con la lama della gamba sinistra in configurazione di attacco.

Daggar V in una delle posizioni dell'arte marziale del taekwondo con la lama della gamba sinistra in configurazione di attacco.

Essendo Daggar V di dimensioni medio grandi sono riuscito a costruire mani con articolazioni delle dita snodabili, adatte ad impugnare spade per poi riporle sugli agganci delle cosce. Gli sparalaser delle spalle sono orientabili indipendentemente dalle braccia. Il nome Daggar suona simile a dagger (pugnale), scelto per i pugnali retrattili/ali delle gambe.

Essendo Daggar V di dimensioni medio grandi sono riuscito a costruire mani con articolazioni delle dita snodabili, adatte ad impugnare spade per poi riporle sugli agganci delle cosce. Gli sparalaser delle spalle sono orientabili indipendentemente dalle braccia. Il nome Daggar suona simile a dagger (pugnale), scelto per i pugnali retrattili/ali delle gambe.

Daggar V mentre plana ed apre i lancia missili delle cosce.

Daggar V mentre plana ed apre i lancia missili delle cosce.

I laser delle spalle sono orintabili, indipendentemente dal movimento del braccio.

I laser delle spalle sono orintabili, indipendentemente dal movimento del braccio.

La cabina di pilotaggio si trova nella parte del petto, che aprendosi,  solleva tutta la plancia.

La cabina di pilotaggio si trova nella parte del petto, che aprendosi, solleva tutta la plancia.

Le gambe sono un arma grazie all'ala retrattile ed alla loro capacità di movimento molto articolata.

Le gambe sono un arma grazie all'ala retrattile ed alla loro capacità di movimento molto articolata.

Non si può prescindere da Kim Kaphwan se ci si ispira al taekwondo per la creazione di un robot. Perciò è d'obbligo la posizione tipica del colpo Hishou Kyaku: la mossa più scenografica del mio personaggio preferito della saga di Fatal Fury. Ah ta ta ta ta!

Non si può prescindere da Kim Kaphwan se ci si ispira al taekwondo per la creazione di un robot. Perciò è d'obbligo la posizione tipica del colpo Hishou Kyaku: la mossa più scenografica del mio personaggio preferito della saga di Fatal Fury. Ah ta ta ta ta!

Daggar V è un mech da 1218 mattoncini, perciò il più grande che abbia mai composto. Si trasforma da robot in astronave ed ha armi che fanno parte del suo corpo o sono comunque trasportabili senza intralciare i movimenti. Le articolazioni sono particolarmente libere in modo da poter essere un ottimo lottatore in stile taekwondo, soprattutto per il gioco di gambe.

Daggar V è un mech da 1218 mattoncini, perciò il più grande che abbia mai composto. Si trasforma da robot in astronave ed ha armi che fanno parte del suo corpo o sono comunque trasportabili senza intralciare i movimenti. Le articolazioni sono particolarmente libere in modo da poter essere un ottimo lottatore in stile taekwondo, soprattutto per il gioco di gambe.

Calcio con spaccata.

Calcio con spaccata.

Pinterest
Cerca