Pinterest • il catalogo mondiale delle idee

Segni d'Infanzia logos

"Segni d'Infanzia / Segni New Generation Festival" è il festival internazionale d'arte e di teatro per le nuove generazioni. Dal 2006 si svolge ogni anno a Mantova nel mese di novembre. L'animale simbolo del 2016 è il lupo.
25 Pin8 Follower

2013, IL RAGNO, di Alessandro Bergonzoni Le caratteristiche del Ragno in diverse culture sono interpretate come simboli positivi di creatività, creazione, acume e duro lavoro. Il Ragno ci insegna il segreto della pazienza, il piacere dell’attesa e l’arte del tessere… legami. Infatti per Segni d’infanzia la ragnatela diventa soprattutto metafora della rete di relazioni e sinergie che consentono di tenere in vita il progetto festival.

pin 3
heart 2

2012, IL BOMBO, di Francesco Tullio “Altan” Quello che colpisce di questo insetto è il “mistero del suo volo impossibile”. Per anni oggetto di studi: la sua struttura alare, in relazione al suo peso, non è adatta al volo, ma lui non lo sa e vola lo stesso. Il segreto sta nel movimento complesso delle sue ali: non battono solo dall’alto in basso, ma ruotano anche su loro stesse avanti e indietro. Dunque insegna il segreto per continuare a credere possibile ciò che sembrerebbe impossibile.

pin 1

Riccio - simbolo 2011

Mantova

Mantova, sede del festival

Mantova

2016, IL LUPO, di Dario Fò Protagonista di fiabe e leggende, di proverbi e modi di dire, in molte civiltà appare come genitore, fondatore, iniziatore, detentore della conoscenza. Simbolo di forza e lealtà, rappresenta lo spirito socievole e amichevole. Il lupo si occupa con estrema cura dei propri piccoli, del compagno e del gruppo. Costruisce la sua tana in luoghi sicuri e segreti - tanto che scovarne una è davvero raro – e se fiuta del pericolo, sposta la prole in un nuovo rifugio.

2014, LA CICOGNA, di Virgilio Segni La Cicogna è un uccello elegante, con collo, becco e zampe molto lunghe. Divisa tra acqua e cielo, simbolo di nascita, vuole essere l’augurio per progettualità future ed esprimere il desiderio di guardare in prospettiva. E' un migratore che ci consegna l’eco dei paesi lontani, il fascino del viaggio e dell’incontro con l’altro; al tempo stesso il suo nido ci ricorda l’importanza del costruire un luogo dove vivere, da dove partire e dove far ritorno.

2011, IL RICCIO, di Dario Moretti Ha aculei che lo proteggono da aggressori in carne e ossa ma anche da seri danni dovuti a urti o cadute ed è una specie protetta dalle leggi italiane. Nonostante appaia un animale goffo e generalmente si muova lentamente, il riccio sa usufruire appieno di tutti i sensi, è un animale onnivoro ed è considerato utile all’ecosistema poiché uccide animali ritenuti dannosi come le cavallette e i topi.

2010, LA FARFALLA, di Dario Moretti Da sempre simbolo di bellezza e leggerezza, per la breve durata della sua esistenza è metafora del saper gioire dell’istante presente. La farfalla deve affrontare differenti fasi di crescita che la portano ad attraversare stadi diversi da uovo, a crisalide, a farfalla: questo la rende un animale connesso con l’idea di evoluzione, crescita, maturazione, cambiamento ed elevazione spirituale, nonché, al pari della fenice, di rinascita.

2009, LA TARTARUGA, di Dario Moretti Nell’immaginario comune la tartaruga rimanda alla lentezza della sua andatura e suggerisce quindi l’importanza di recuperare ritmi più naturali. Può essere di terra o di mare, esotica e di grandi dimensioni ma anche piccola e comune ed evoca così mondi diversi e variegati. Per il robusto guscio che trascina con sé, che è sia casa sia protezione e corazza, la tartaruga è anche simbolo di forza e caparbietà, nonché di fecondità, prosperità e longevità.

2008, IL SALMONE, di Dario Moretti Il salmone va controcorrente, guizza energico passando dai mari ai fiumi, per andare a deporre le uova e far crescere i propri piccoli. Intrepido e caparbio, il salmone diviene simbolicamente il tutore delle generazioni future e promotore della azioni virtuose per la salvaguardia della qualità della loro vita, proprio come i genitori degli spettatori di Segni d’infanzia che scelgono di nutrire i loro piccoli con eventi di alto livello culturale.