Manganelli - Una profonda invidia per la musica

11 Pin193 Follower
Su TuttoLibri-La Stampa» di sabato 17 maggio (consultabile qui: http://www.lormaeditore.it/download.php?id=VTJGc2RHVmtYMS8xdzk0eWo1ak1pOHMwakV3L2M1bXE3N3RrNDg1V3Vlbz0%3D) Alberto Sinigaglia racconta il Manganelli «acuto e pirotecnico delle conversazioni con Paolo Terni su Radio3». E per ascoltare tutti i brani di cui trattano le conversazioni: www.lormaeditore.it/unaprofondainvidia

Su TuttoLibri-La Stampa» di sabato 17 maggio (consultabile qui: http://www.lormaeditore.it/download.php?id=VTJGc2RHVmtYMS8xdzk0eWo1ak1pOHMwakV3L2M1bXE3N3RrNDg1V3Vlbz0%3D) Alberto Sinigaglia racconta il Manganelli «acuto e pirotecnico delle conversazioni con Paolo Terni su Radio3». E per ascoltare tutti i brani di cui trattano le conversazioni: www.lormaeditore.it/unaprofondainvidia

Giorgio Manganelli (1922-1990), scrittore, traduttore, giornalista, anglista, è stato uno dei più importanti autori e prosatori italiani del secondo dopoguerra. A partire dal tardivo esordio di "Hilarotragoedia" nel 1964, ha pubblicato centinaia di articoli e ventidue altri libri; dopo la sua morte, nel 1990, a sua firma sono usciti libri in numero ancora maggiore. La mole non solo materiale dei suoi scritti si può dire abbia mutato l’immaginario del secondo Novecento.

Giorgio Manganelli (1922-1990), scrittore, traduttore, giornalista, anglista, è stato uno dei più importanti autori e prosatori italiani del secondo dopoguerra. A partire dal tardivo esordio di "Hilarotragoedia" nel 1964, ha pubblicato centinaia di articoli e ventidue altri libri; dopo la sua morte, nel 1990, a sua firma sono usciti libri in numero ancora maggiore. La mole non solo materiale dei suoi scritti si può dire abbia mutato l’immaginario del secondo Novecento.

Sul «venerdì di Repubblica» del 1 Maggio, Massimiliano Panarari presenta in anteprima il nuovo volume della nostra collana «fuoriformato»: Giorgio Manganelli, "Una profonda invidia per la musica. Invenzioni a due voci con Paolo Terni", a cura di Andrea Cortellessa, in cui sono raccolti tutti gli scritti musicali di Manganelli. Per saperne di più e scoprire di quali brani Manganelli fu "ascoltatore maniacale":

Sul «venerdì di Repubblica» del 1 Maggio, Massimiliano Panarari presenta in anteprima il nuovo volume della nostra collana «fuoriformato»: Giorgio Manganelli, "Una profonda invidia per la musica. Invenzioni a due voci con Paolo Terni", a cura di Andrea Cortellessa, in cui sono raccolti tutti gli scritti musicali di Manganelli. Per saperne di più e scoprire di quali brani Manganelli fu "ascoltatore maniacale":

Sul «venerdì di Repubblica» del 1 Maggio, Massimiliano Panarari presenta in anteprima il nuovo volume della nostra collana «fuoriformato»: Giorgio Manganelli, "Una profonda invidia per la musica. Invenzioni a due voci con Paolo Terni", a cura di Andrea Cortellessa, in cui sono raccolti tutti gli scritti musicali di Manganelli. Per saperne di più e scoprire di quali brani Manganelli fu "ascoltatore maniacale":

Sul «venerdì di Repubblica» del 1 Maggio, Massimiliano Panarari presenta in anteprima il nuovo volume della nostra collana «fuoriformato»: Giorgio Manganelli, "Una profonda invidia per la musica. Invenzioni a due voci con Paolo Terni", a cura di Andrea Cortellessa, in cui sono raccolti tutti gli scritti musicali di Manganelli. Per saperne di più e scoprire di quali brani Manganelli fu "ascoltatore maniacale":

«Un libro icastico e amicale, danzante e necessario», Giorgio Biferali sul nostro "Una profonda invidia per la musica" per «L'Indice dei Libri del Mese», 15 Ottobre.

«Un libro icastico e amicale, danzante e necessario», Giorgio Biferali sul nostro "Una profonda invidia per la musica" per «L'Indice dei Libri del Mese», 15 Ottobre.

«La chiave del rapporto fra Manganelli e la musica è in una lunga, complicata seduzione dove furia e geometria giocano di nascosto e si scambiano le parti, così come suggerisce il titolo del libro alludendo all'invidia abissale che la musica genera in un artefice della parola, condannato in quanto tale alla ricerca del "senso".» Recensione di Fabio Pedone a "Una profonda invidia per la musica", sabato 11 ottobre su «Alias» supplemento de «il manifesto».

«La chiave del rapporto fra Manganelli e la musica è in una lunga, complicata seduzione dove furia e geometria giocano di nascosto e si scambiano le parti, così come suggerisce il titolo del libro alludendo all'invidia abissale che la musica genera in un artefice della parola, condannato in quanto tale alla ricerca del "senso".» Recensione di Fabio Pedone a "Una profonda invidia per la musica", sabato 11 ottobre su «Alias» supplemento de «il manifesto».

Su «Flanerí», Michele Lupo ci racconta le sorprese e le meraviglie in cui ci si può imbattere leggendo questo «Manganelli inesauribile». www.flaneri.com/index.php/flaneri/leggi/una_profonda_invidia_per_la_musica_di_giorgio_manganelli/

Su «Flanerí», Michele Lupo ci racconta le sorprese e le meraviglie in cui ci si può imbattere leggendo questo «Manganelli inesauribile». www.flaneri.com/index.php/flaneri/leggi/una_profonda_invidia_per_la_musica_di_giorgio_manganelli/

19 Maggio: su «Doppiozero» una presentazione di Andrea Cortellessa a "Una profonda invidia per la musica" e un estratto dalle vertiginosi conversazioni tra Giorgio Manganelli e Paolo Terni: http://www.doppiozero.com/materiali/anteprime/lonta-del-significato L'ingresso è libero fino a esaurimento posti.

19 Maggio: su «Doppiozero» una presentazione di Andrea Cortellessa a "Una profonda invidia per la musica" e un estratto dalle vertiginosi conversazioni tra Giorgio Manganelli e Paolo Terni: http://www.doppiozero.com/materiali/anteprime/lonta-del-significato L'ingresso è libero fino a esaurimento posti.

Il cd allegato al libro che contiene le conversazioni radiofoniche tra Giorgio Manganelli e Paolo Terni: cinque pirotecniche puntate (più una bonus track da "Rumori o voci") per navigare nel mare sonoro dell'autore più musicale della nostra recente letteratura.   «Questa capacità del discorso musicale di non dovere affrontare l'onta del significato: questo è un privilegio che il letterato non può non invidiare continuamente.» G.M.

Il cd allegato al libro che contiene le conversazioni radiofoniche tra Giorgio Manganelli e Paolo Terni: cinque pirotecniche puntate (più una bonus track da "Rumori o voci") per navigare nel mare sonoro dell'autore più musicale della nostra recente letteratura. «Questa capacità del discorso musicale di non dovere affrontare l'onta del significato: questo è un privilegio che il letterato non può non invidiare continuamente.» G.M.

8 Maggio: un assaggio del libro di Manganelli e Terni oggi su «Satisfiction»: www.satisfiction.me/giorgio-manganelli-inedito-una-profonda-invidia-per-la-musica/

8 Maggio: un assaggio del libro di Manganelli e Terni oggi su «Satisfiction»: www.satisfiction.me/giorgio-manganelli-inedito-una-profonda-invidia-per-la-musica/

Pinterest
Cerca