Thurrock Thameside Nature Park

Una ex discarica che si trovava lungo la foce del fiume Tamigi, nel Regno Unito, è stata trasformata in una riserva naturale di quasi 50 ettari composta da prati, boschi e paludi.
12 Pin1,58k Follower
Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate


Altre idee
Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Thurrock Thameside Nature Park. Segui LifeGate anche su Facebook: www.facebook.com/lifegate

Lo scorso anno ha spirato un buon vento secondo l'Associazione europea per l’energia eolica. 293 turbine in alto mare sono state collegate alla rete elettrica per una capacità 1.165 MW. Ora il totale è di 4.995 MW distribuiti su 55 parchi.     Il Regno Unito guida la classifica dei paesi che producono più energia grazie al vento con il 60 per cento della produzione europea. Seguono Danimarca, Belgio e Germania. Continua a leggere qui: http://lifeg.at/YwvX0R

Lo scorso anno ha spirato un buon vento secondo l'Associazione europea per l’energia eolica. 293 turbine in alto mare sono state collegate alla rete elettrica per una capacità 1.165 MW. Ora il totale è di 4.995 MW distribuiti su 55 parchi. Il Regno Unito guida la classifica dei paesi che producono più energia grazie al vento con il 60 per cento della produzione europea. Seguono Danimarca, Belgio e Germania. Continua a leggere qui: http://lifeg.at/YwvX0R

Il Perù ha vietato la pesca industriale in acque territoriali per consentire la riproduzione di molte specie di pesci ormai a rischio per il sovrasfruttamento, in particolare delle acciughe. Le grandi imbarcazioni non possono più pescare fino a una distanza di dieci miglia al largo delle coste settentrionali, sette per quelle meridionali. http://lifeg.at/ZJ7l7k

Il Perù ha vietato la pesca industriale in acque territoriali per consentire la riproduzione di molte specie di pesci ormai a rischio per il sovrasfruttamento, in particolare delle acciughe. Le grandi imbarcazioni non possono più pescare fino a una distanza di dieci miglia al largo delle coste settentrionali, sette per quelle meridionali. http://lifeg.at/ZJ7l7k

Gli attivisti della Environmental Investigation Agency hanno accusato Google di incoraggiare (indirettamente) il bracconaggio di elefanti attraverso la pubblicazione di inserzioni pubblicitarie di prodotti in avorio. Sarebbero più di 10mila le pubblicità incriminate che apparirebbero a rotazione sugli shop di Google Giappone. L’accusa è stata avanzata a Bangkok dove è in corso il summit della CITES. Che ne pensate? #ivoryforelephants #elephants #stoppoaching

Gli attivisti della Environmental Investigation Agency hanno accusato Google di incoraggiare (indirettamente) il bracconaggio di elefanti attraverso la pubblicazione di inserzioni pubblicitarie di prodotti in avorio. Sarebbero più di 10mila le pubblicità incriminate che apparirebbero a rotazione sugli shop di Google Giappone. L’accusa è stata avanzata a Bangkok dove è in corso il summit della CITES. Che ne pensate? #ivoryforelephants #elephants #stoppoaching

Un rettile su cinque rischia l'estinzione. Anche le specie considerate più resistenti ai cambiamenti e più forti perché presenti sulla Terra da centinaia di milioni di anni rischiano di sparire. Per questo è giunto il momento di “lavorare insieme, andare là fuori e metterci tutta la passione”. Scopri di più qui: http://lifeg.at/VYtlqf

Un rettile su cinque rischia l'estinzione. Anche le specie considerate più resistenti ai cambiamenti e più forti perché presenti sulla Terra da centinaia di milioni di anni rischiano di sparire. Per questo è giunto il momento di “lavorare insieme, andare là fuori e metterci tutta la passione”. Scopri di più qui: http://lifeg.at/VYtlqf

L'Agenzia europea per la sicurezza alimentare ha dichiarato in un rapporto che i pesticidi neonicotinoidi sono una minaccia per il futuro delle api. Il 31 gennaio la Commissione europea potrebbe decidere di vietarli, ma i produttori di queste sostanze stanno minacciando il raggiungimento di un accordo. Firma la petizione per chiedere la messa al bando dei neonicotinoidi e salvare le api: http://chn.ge/X3akCm

L'Agenzia europea per la sicurezza alimentare ha dichiarato in un rapporto che i pesticidi neonicotinoidi sono una minaccia per il futuro delle api. Il 31 gennaio la Commissione europea potrebbe decidere di vietarli, ma i produttori di queste sostanze stanno minacciando il raggiungimento di un accordo. Firma la petizione per chiedere la messa al bando dei neonicotinoidi e salvare le api: http://chn.ge/X3akCm

La CO2 nel 2012 è aumentata in modo considerevole, il secondo balzo più consistente degli ultimi 54 anni dopo il 1998. Peccato, dopo le notizie arrivate da Stati Uniti e Unione europea, ci saremmo aspettati dati migliori. Scopri perché la CO2 è aumentata: http://lifeg.at/XTstWR Nella foto la stazione di rilevazione della NOAA alle isole Hawaii, Stati Uniti (anche se sembra la Luna).

La CO2 nel 2012 è aumentata in modo considerevole, il secondo balzo più consistente degli ultimi 54 anni dopo il 1998. Peccato, dopo le notizie arrivate da Stati Uniti e Unione europea, ci saremmo aspettati dati migliori. Scopri perché la CO2 è aumentata: http://lifeg.at/XTstWR Nella foto la stazione di rilevazione della NOAA alle isole Hawaii, Stati Uniti (anche se sembra la Luna).

Se lo squalo diventa una preda. In Indonesia è stato istituito un santuario, una riserva naturale per proteggere squali e mante dagli assalti dell'uomo. Perché questi giganti degli oceani sono molto più “buoni” da vivi. Leggi il resto della storia qui: http://lifeg.at/YxsuN5

Se lo squalo diventa una preda. In Indonesia è stato istituito un santuario, una riserva naturale per proteggere squali e mante dagli assalti dell'uomo. Perché questi giganti degli oceani sono molto più “buoni” da vivi. Leggi il resto della storia qui: http://lifeg.at/YxsuN5

Una tempesta di sabbia ha colpito il 30 marzo Bengasi, in Libia, impedendo ai suoi abitanti di uscire di casa. La tempesta ha continuato il suo percorso raggiungendo ieri alcune città mediorientali che si affacciano sul Mediterraneo, come Gaza. Questa foto è stata scattata da Essam Al-Fetori | Photography della Reuters.

Una tempesta di sabbia ha colpito il 30 marzo Bengasi, in Libia, impedendo ai suoi abitanti di uscire di casa. La tempesta ha continuato il suo percorso raggiungendo ieri alcune città mediorientali che si affacciano sul Mediterraneo, come Gaza. Questa foto è stata scattata da Essam Al-Fetori | Photography della Reuters.

Pinterest
Cerca