EDIZIONE 2018 - Della gioia, della libertà

67 Pins
 2y
a woman in a strapless dress singing into a microphone while holding a guitar next to a man with an instrument
LILIANA PALUMBO, PIERPAOLO PALAZZO “Lei ballava”, “Ricordami” 2018, Sala Civica “Sandro Pertini”
La poesia suona. È tempo. Tempo che scorre. Corre. È ritmo. Nella ricerca inesorabile della sua compagna musicale per essere più viva. Ed ecco che davanti ad un bicchiere di vino rosso due amici parlano, le idee fruiscono e l’incontro avviene. Ecco che in una partitura precisa, la poesia canta e, cantando racconta. Racconta di una ragazza che non può fare a meno di danzare e, su quelle note, trova finalmente la sua libertà.
a man holding his head while standing in front of a microphone with the words massio arrigoni
MASSIMO ARRIGONI Una veglia per Majakovskij - “Una nuvola in calzoni” (1915), 2018
Il 14 aprile 1930 muore Vladimir Majakovskij, grande poeta della rivoluzione russa e del 900. Superando crinali di secoli, teste di poeti e di governi, come vivo, parlando coi vivi, il poeta si rivolge a noi contemporanei proletari del pianeta.
an abstract painting with orange and yellow colors
KRISTINA TOSOVIC “Éclatée” 2018, Villa Arese Lucini
La libertà, dipinta come sensazione spontanea ed istantanea, è rappresentata come un'euforica esplosione interiore che frantuma strutture limitanti rivelando gioia innata, provocando esultanza, vivacità e brio.
an abstract painting with yellow, blue and green colors
ROSANNA TOMASI “Energia” 2018, Villa Arese Lucini
Energia e luce oltre ogni ostacolo, delusione, dolore della vita, emergono in un gioco di equilibrio tra forma e colore. Non ricerca,ma libera espressione del sé.
an art piece with flowers on it in front of a white background and the words alessada spaai joy chooses freedom 2013
ALESSANDRA SPIGAI “Joy Chooses Freedom 2018” 2018, Villa Arese Lucini
L'opera “Joy Chooses Freedom”, è l'inizio di una nuova serie di soggetti che attraversano le possibilità di futuro, non uomini, ma elementi della Natura. In particolare un groviglio appassionato di fiori, foglie, rami, radici e insetti (estinti, o futuri) esce dalla porta spazio temporale con l’energia della vita=gioia, per raggiungere il proprio futuro scelto, la libertà di essere. Percorso filosofico, storico, scientifico.
a painting with an image of a person walking in front of a large piece of wood
PIERLUIGI PULITI “Del segreto tuo muto” 2018, Villa Arese Lucini
L'artista, specialmente quello contemporaneo, opera su un territorio di intimità, in cui quello che conta non è tanto l'immagine definitiva di un luogo, quanto piuttosto il comportamento come destino inarrestabile della fantasia che testimonia l'attitudine dell'arte. Se nell'arte la tecnica spesso suggerisce il contenuto qui ogni più piccola parte di essa è un mondo a se stante e contemporaneamente inscindibile dal sentimento e dalla narrazione dell'autore e dell'opera.
an image of a heart in the middle of a map with words written below it
VERONIQUE POZZI PAINE' “Enjoy your Mindfulness” 2018, Villa Arese Lucini
...in una realtà spesso caotica, indefinita, misteriosa nebulosa e nel disfacimento e dissoluzione della materia, resta l'opera pittorica e là dove un semplice tratto rosso sta a rappresentare gioia e libertà, la consapevolezza, conduce a benessere e vitalità, Il mezzo pittorico fa da portavoce dell'artista, ancora in piena consapevolezza, affinché se ne possa goder appieno, con sentimenti di gratitudine e positività.
a painting of a man running in the street with cars and buildings behind him,
ALFREDO PINI “Fuori Gioco” 2018, Villa Arese Lucini
La gestualità veloce ma mai disattenta della sua pittura evidenzia la poesia fotografica dell'istante, come un tuffo nel passato dove tutto è già avvenuto e un istante dopo può riaccadere. Il dinamismo dei suoi racconti è solo teorico ma è il suo ferma immagine che vuole rendere immortale la bellezza di un soffio di vita, di realtà, di verità.
an image of a woman holding her hands up in the air with words written below
LAURA BEATRICE GERLINI “Tu sei felice perché sei libero” 2018, Villa Arese Lucini
Qui è il volto di Kazuo Ohno, pesantemente truccato in un suo atteggiamento triste e dolce. Una grata di ferro, all'altezza del cuore, a simboleggiare la difficoltà e la paura di esprimere quegli umani sentimenti profondi, che permetterebbero ad ognuno di noi di rivelarsi all'altro in totale disponibilità d'animo.
Nel dipinto una maglietta usata. Porta la forma del corpo della donna sconosciuta che l'ha indossata. La forma sembra stampata a caldo; sono le rughe, sono gli anni, sono i dolori di questa donna che la vita ha umiliato e resa fragile. In una borsa a tracolla i danari e i fantasmi del passato. Tops, Fashion, Donna, Women
ANNABELLA DUGO “Il Mio Corpo Umiliato” 2018, Villa Arese Lucini
Nel dipinto una maglietta usata. Porta la forma del corpo della donna sconosciuta che l'ha indossata. La forma sembra stampata a caldo; sono le rughe, sono gli anni, sono i dolori di questa donna che la vita ha umiliato e resa fragile. In una borsa a tracolla i danari e i fantasmi del passato.
La gioia di cullarsi amorevolmente sui ricordi di una quotidianità perduta, su una manualità essenziale fondamentale e sognando un suo ripristino attraverso una azione di “custodia cautelare” delle nostre radici culturali imitando nei modi la “conservazione” di tutto ciò che sembra apparentemente inutilizzabile ma che trova “accoglienza” in una nuova realtà compositiva. Realtà che si arricchisce di elementi simbolici, donandogli una immagine mistica per una nuova sacralità metafisica. Pill, Convenience, Convenience Store, Convenience Store Products
VINCENZO DI MARTINO “Tavolaccio” 2018, Villa Arese Lucini
La gioia di cullarsi amorevolmente sui ricordi di una quotidianità perduta, su una manualità essenziale fondamentale e sognando un suo ripristino attraverso una azione di “custodia cautelare” delle nostre radici culturali imitando nei modi la “conservazione” di tutto ciò che sembra apparentemente inutilizzabile ma che trova “accoglienza” in una nuova realtà compositiva. Realtà che si arricchisce di elementi simbolici, donandogli una immagine mistica per una nuova sacralità metafisica.
an image of a drawing on paper with words written in spanish and the bottom half of it
ALESSANDRA CAMERONI “Rappresentare la speranza - trittico” 2018, Villa Arese Lucini
L'opera in oggetto nasce in collaborazione con alcuni bambini dello spazio compiti del Comune di Brivio. Il progetto proposto da me come artista prevedeva le seguenti fasi: lettura di libri selezionati dalla bibliotecaria sulle emozioni, e in particolare su emozioni positive quali la gioia e la speranza, un ‘’esercizio’’ teatrale a cura di un volontario – attore, e poi disegno/pittura da parte di tutti.
a purple sign with the words free from it
MASSIMO MION “Freedom” 2018, Rotatoria Via per le Orane
Il pannello in un primo tempo non mostra alcun elemento distintivo ma quando un osservatore si avvicina appare la scritta freedom. L'immagine che rappresenta la scritta freedom diventa tanto più luminosa quanto più l'osservatore si avvicina al quadro. La scritta è formata usando le lettere iniziali dei più famosi brand internazionali (Facebook, Rolls Royce, ESPN, Disney, Opel, McDonalds), un modo per far riflette sul condizionamento che ogni giorno siamo costretti a subire con le pubblicità.
a woman standing in front of a tree with her hands out to another person who is reaching for something
BRUNO FREDDI “Eurogioia” 2018, P.zza Vittorio Emanuele
Un grande contenitore a rappresentare la parte felice dell' Europa, la sua luminosa presenza, il continente che più di ogni altro CONTIENE arte, bellezza, le vere monete che ci distinguono e ci affratellano. Un contenitore luminoso da vivere e condividere, spazio aperto dove spendere la nostra gioia creativa, grande valore umano, assoluto, universale.
an abstract painting with red and black colors
FEDERICA ZIANNI “Otre” 2018, Villa Arese Lucini
“Otre” si rifà alla capacità di un contenitore di tenere qualcosa al suo interno, proprio come fa un utero con il feto. Nella mia opera questo “utero” viene steso e tirato e diviene una finestra di osservazione. La domanda che mi pongo è: cosa c’è dentro la viscera? Dietro la superficie delle cose c’è molto altro e solo guardando intenzionalmente e cercando, si può intravedere qualcosa. La conoscenza è un piacere secondo Aristotele e secondo me, l’atto di libertà più grande che possiamo compiere