La domenica del Bahrain regala emozioni fortissime nella lotta senza esclusione di colpi tra le due Mercedes, le due Force India e le due Williams. Oltre a Hamilton e Rosberg sale sul podio l'ottimo Perez, Ricciardo rimonta fino alla quarta piazza e Vettel è a sandwich tra Hulkemberg e Massa. Affannano in modo imbarazzante le Ferrari, mentre Maldonado e Gutierrez sono protagonisti di un incidente tanto assurdo quanto spettacolare, che non resterà impunito…

La domenica del Bahrain regala emozioni fortissime nella lotta senza esclusione di colpi tra le due Mercedes, le due Force India e le due Williams. Oltre a Hamilton e Rosberg sale sul podio l'ottimo Perez, Ricciardo rimonta fino alla quarta piazza e Vettel è a sandwich tra Hulkemberg e Massa. Affannano in modo imbarazzante le Ferrari, mentre Maldonado e Gutierrez sono protagonisti di un incidente tanto assurdo quanto spettacolare, che non resterà impunito…

pin 2
È ancora Hamilton a dominare la domenica della Formula 1 e a portare a casa la vittoria. Dietro di lui un Rosberg un po' affannato ma, soprattutto, un Alonso strepitoso, che dopo una partenza da urlo, lotta per la seconda posizione fino alla fine e tiene dietro le Red Bull di Ricciardo e di un Vettel opaco…

È ancora Hamilton a dominare la domenica della Formula 1 e a portare a casa la vittoria. Dietro di lui un Rosberg un po' affannato ma, soprattutto, un Alonso strepitoso, che dopo una partenza da urlo, lotta per la seconda posizione fino alla fine e tiene dietro le Red Bull di Ricciardo e di un Vettel opaco…

pin 1
A poche ore dalle qualifiche, le due Mercedes dimostrano di essere su un altro pianeta, e staccano tutti di più di un secondo. Räikkönen è sempre immediatamente dietro, seguito dalle Red Bull, sempre più presenti, e dall'ottima Force India di Hülkenberg, che potrebbe impensierire più di un team. Dopo Alonso e le Williams, tutti gli altri, comprese le due Lotus, in timido recupero. In strana difficoltà le due McLaren.

A poche ore dalle qualifiche, le due Mercedes dimostrano di essere su un altro pianeta, e staccano tutti di più di un secondo. Räikkönen è sempre immediatamente dietro, seguito dalle Red Bull, sempre più presenti, e dall'ottima Force India di Hülkenberg, che potrebbe impensierire più di un team. Dopo Alonso e le Williams, tutti gli altri, comprese le due Lotus, in timido recupero. In strana difficoltà le due McLaren.

La Malesia incorona le Merceds, che chiudono con una doppietta mai impensierita dagli avversari. Vettel ritrova sé stesso con una corsa nella quale merita il podio, mentre il suo compagno di squadra subisce la sfortuna della seconda guida chiudendo nelle retrovie. Stessa sorte per la Ferrari: se Alonso chiude ottimo quarto dopo un sorpasso da manuale su Hülkenberg nelle ultime battute, dopo un contatto Räikkönen è ai limiti della zona punti. McLaren opaca, Lotus di nuovo da dimenticare.

La Malesia incorona le Merceds, che chiudono con una doppietta mai impensierita dagli avversari. Vettel ritrova sé stesso con una corsa nella quale merita il podio, mentre il suo compagno di squadra subisce la sfortuna della seconda guida chiudendo nelle retrovie. Stessa sorte per la Ferrari: se Alonso chiude ottimo quarto dopo un sorpasso da manuale su Hülkenberg nelle ultime battute, dopo un contatto Räikkönen è ai limiti della zona punti. McLaren opaca, Lotus di nuovo da dimenticare.

Qualifiche complicatissime, sotto una pioggia torrenziale. A uscire vincitrice da questa lotteria, comunque, è la Mercedes, che aveva già dominato il venerdì e la mattinata. Dietro il poleman Hamilton, un ritrovato Vettel, Rosberg e quindi l'ottimo Alonso, dato per spacciato in Q2 quando un contatto con Kvyat gli aveva fatto rompere un braccetto dello sterzo. Il lavoro straordinario della Ferrari si conferma con il sesto posto di Räikkönen, dopo l'altra Red Bull di Ricciardo…

Qualifiche complicatissime, sotto una pioggia torrenziale. A uscire vincitrice da questa lotteria, comunque, è la Mercedes, che aveva già dominato il venerdì e la mattinata. Dietro il poleman Hamilton, un ritrovato Vettel, Rosberg e quindi l'ottimo Alonso, dato per spacciato in Q2 quando un contatto con Kvyat gli aveva fatto rompere un braccetto dello sterzo. Il lavoro straordinario della Ferrari si conferma con il sesto posto di Räikkönen, dopo l'altra Red Bull di Ricciardo…

Nelle prime libere del Bahrain il risultato al vertice non cambia e la vera notizia è che dopo lo stradominio di Hamilton e Rosberg, il best of the rest è Fernando Alonso, fermo a pochissimo decimi dalle Mercedes. Dal venerdì alla domenica molte cose sono destinate a cambiare, ma così non avviene tra le scorse gare e queste libere, dove la Power Unit Mercedes continua a eccellere e stupire facendo arrancare tutti gli altri.

Nelle prime libere del Bahrain il risultato al vertice non cambia e la vera notizia è che dopo lo stradominio di Hamilton e Rosberg, il best of the rest è Fernando Alonso, fermo a pochissimo decimi dalle Mercedes. Dal venerdì alla domenica molte cose sono destinate a cambiare, ma così non avviene tra le scorse gare e queste libere, dove la Power Unit Mercedes continua a eccellere e stupire facendo arrancare tutti gli altri.

L'irragiungibile Mercedes sfreccia con Hamilton e Rosberg nella notte di Sakhir lasciandosi alle spalle un affannatissimo Alonso e la ritrovata Red Bull di Ricciardo. Vettel e Räikkönen non possono dire di essere messi "bene" come i compagni di squadra e nelle retrovie non si respira un'aria molto diversa dopo aver notato il comportamento diversissimo degli pneumatici a seguito dell'abbassamento delle temperature.

L'irragiungibile Mercedes sfreccia con Hamilton e Rosberg nella notte di Sakhir lasciandosi alle spalle un affannatissimo Alonso e la ritrovata Red Bull di Ricciardo. Vettel e Räikkönen non possono dire di essere messi "bene" come i compagni di squadra e nelle retrovie non si respira un'aria molto diversa dopo aver notato il comportamento diversissimo degli pneumatici a seguito dell'abbassamento delle temperature.

Di nuovo Mercedes in vetta nelle ultime libere del Bahrain, ma la vera notizia è che la Ferrari, che non sembrava così indietro fino a ieri, nel passo gara sembra soffrire molto più di quanto non si potesse immaginare e che Vettel, a seguito di un errore, si insabbia a venti minuti dalla fine della sessione, comprendendo i suoi limiti e quanto dovrà affannare per ottenere un risultato appena sufficiente.

Di nuovo Mercedes in vetta nelle ultime libere del Bahrain, ma la vera notizia è che la Ferrari, che non sembrava così indietro fino a ieri, nel passo gara sembra soffrire molto più di quanto non si potesse immaginare e che Vettel, a seguito di un errore, si insabbia a venti minuti dalla fine della sessione, comprendendo i suoi limiti e quanto dovrà affannare per ottenere un risultato appena sufficiente.

Le qualifiche confermano il quadro delle prove libere, lasciando solo Hamilton a battagliare con il poleman Rosberg. Ricciardo, che segue, partirà con 10 posizioni di penalità. Seguono i sorprendenti Bottas e Perez. Male le Ferrari (Räikkönen 5°, Alonso 10°), ancora peggio Vettel, eliminato in Q2…

Le qualifiche confermano il quadro delle prove libere, lasciando solo Hamilton a battagliare con il poleman Rosberg. Ricciardo, che segue, partirà con 10 posizioni di penalità. Seguono i sorprendenti Bottas e Perez. Male le Ferrari (Räikkönen 5°, Alonso 10°), ancora peggio Vettel, eliminato in Q2…

Dopo la figuraccia di domenica, la Ferrari sembra trovare finalmente in bandolo della matassa già nella prima giornata di test in-season in Bahrain. Certo, la Mercedes di Rosberg è sempre davanti a tutti, ma Alonso riduce il distacco da 2"4 a 929 millesimi, facendosi passare davanti solo da Hulkemberg. McLaren e Williams affannano leggermente e la Marussia si piazza addirittura davanti alla Red Bull, che pare aver fatto un passo indietro… Sempre in crisi nera la Lotus.

Dopo la figuraccia di domenica, la Ferrari sembra trovare finalmente in bandolo della matassa già nella prima giornata di test in-season in Bahrain. Certo, la Mercedes di Rosberg è sempre davanti a tutti, ma Alonso riduce il distacco da 2"4 a 929 millesimi, facendosi passare davanti solo da Hulkemberg. McLaren e Williams affannano leggermente e la Marussia si piazza addirittura davanti alla Red Bull, che pare aver fatto un passo indietro… Sempre in crisi nera la Lotus.

Pinterest • il catalogo mondiale delle idee
Search