Pinterest • il catalogo mondiale delle idee
«Anch’io ho tentato tutta la vita di giungere a una trasparenza formale, di scrivere in modo che le parole scompaiano nella cosa detta. La scrittura come mezzo di trasporto dei fatti e pensieri da comunicare, come supporto quasi invisibile della storia che si svolge nella mente e nei sensi di chi scrive e di chi legge…» (Luce D’Eramo)  Luce d’Eramo nasceva il 17 giugno 1925.  (http://www.imieilibri.it/?p=18758)

«Anch’io ho tentato tutta la vita di giungere a una trasparenza formale, di scrivere in modo che le parole scompaiano nella cosa detta. La scrittura come mezzo di trasporto dei fatti e pensieri da comunicare, come supporto quasi invisibile della storia che si svolge nella mente e nei sensi di chi scrive e di chi legge…» (Luce D’Eramo) Luce d’Eramo nasceva il 17 giugno 1925. (http://www.imieilibri.it/?p=18758)

«Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia è ha detto: “Non c’è altro da vedere”, sapeva che non era vero. La fine di un viaggio è solo l’inizio di un altro…» (José Saramago)  (http://www.imieilibri.it/?p=20237)

«Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia è ha detto: “Non c’è altro da vedere”, sapeva che non era vero. La fine di un viaggio è solo l’inizio di un altro…» (José Saramago) (http://www.imieilibri.it/?p=20237)

«Che cosa vuole la donna moderna? Diventare ragione senza perdere il sentimento, diventare diritto senza perdere il dovere, diventare lavoro senza perdere la poesia. Ecco perchè la mentalità a cui aspirano le donne contemporanee è uno dei grandi segni prescursori dei tempi nuovi, una delle più grandi potenze dell’avvenire…»    (http://www.imieilibri.it/?page_id=16501)

«Che cosa vuole la donna moderna? Diventare ragione senza perdere il sentimento, diventare diritto senza perdere il dovere, diventare lavoro senza perdere la poesia. Ecco perchè la mentalità a cui aspirano le donne contemporanee è uno dei grandi segni prescursori dei tempi nuovi, una delle più grandi potenze dell’avvenire…» (http://www.imieilibri.it/?page_id=16501)

“Ripugna allo spirito umano accettare la propria esistenza dalle mani della sorte, esser null’altro che il prodotto caduco di circostanze alle quali nessun dio presieda, soprattutto non egli stesso…” (M. Yourcenar, da “Memorie di Adriano”)  La Sublime Marguerite #Yourcenar avrebbe celebrato oggi -8 giugno- 111 primavere… Lei non c’è più, ma noi tutti la portiamo -sempre- come un fiore nel cuore!  (http://www.imieilibri.it/?p=64)

“Ripugna allo spirito umano accettare la propria esistenza dalle mani della sorte, esser null’altro che il prodotto caduco di circostanze alle quali nessun dio presieda, soprattutto non egli stesso…” (M. Yourcenar, da “Memorie di Adriano”) La Sublime Marguerite #Yourcenar avrebbe celebrato oggi -8 giugno- 111 primavere… Lei non c’è più, ma noi tutti la portiamo -sempre- come un fiore nel cuore! (http://www.imieilibri.it/?p=64)

«La sera del 3 giugno ero nel cortile di casa insieme ai miei familiari quando udii una fitta sparatoria. La tragedia che avrebbe sconvolto il mondo stava iniziando…» (Zhao Ziyang, da “Prisoner of the State: The Secret Journal of Premier Zhao Ziyang”)   Ricordando #Tienanmen, 25 anni dopo…   Una Serena Giornata, tra “lettura” e memoria, a Tutti!!  (http://www.imieilibri.it/?p=8189)

«La sera del 3 giugno ero nel cortile di casa insieme ai miei familiari quando udii una fitta sparatoria. La tragedia che avrebbe sconvolto il mondo stava iniziando…» (Zhao Ziyang, da “Prisoner of the State: The Secret Journal of Premier Zhao Ziyang”) Ricordando #Tienanmen, 25 anni dopo… Una Serena Giornata, tra “lettura” e memoria, a Tutti!! (http://www.imieilibri.it/?p=8189)

“Arrivederci fratello mare Ed ecco ce ne andiamo come siamo venuti arrivederci fratello mare mi porto un po’ della tua ghiaia un po’ del tuo sale azzurro un po’ della tua infinità e un pochino della tua luce e della tua infelicità. Ci hai saputo dir molte cose sul tuo destino mare eccoci con un po’ più di speranza eccoci con un po’ più di saggezza e ce ne andiamo come siamo venuti arrivederci fratello mare.”  Con Nâzim Hikmet #PoesiAmo per sempre!  http://www.imieilibri.it/?p=14814

“Arrivederci fratello mare Ed ecco ce ne andiamo come siamo venuti arrivederci fratello mare mi porto un po’ della tua ghiaia un po’ del tuo sale azzurro un po’ della tua infinità e un pochino della tua luce e della tua infelicità. Ci hai saputo dir molte cose sul tuo destino mare eccoci con un po’ più di speranza eccoci con un po’ più di saggezza e ce ne andiamo come siamo venuti arrivederci fratello mare.” Con Nâzim Hikmet #PoesiAmo per sempre! http://www.imieilibri.it/?p=14814

“Ogni generazione, anche la nostra, ha le sue strade di perdimento e di salvezza, una sua maniera di cercare…” (Primo Mazzolari)  È un’orazione civile, vivace e schietta, quella che Maurizio Maggiani ha imprigionato sulla carta stampata, con il pamphlet “I figli della Repubblica. Un’invettiva” […]  Un Felice pomeriggio, in “lettura”, e Buona Festa della Repubblica a Tutti!!  (http://www.imieilibri.it/?p=19965)

“Ogni generazione, anche la nostra, ha le sue strade di perdimento e di salvezza, una sua maniera di cercare…” (Primo Mazzolari) È un’orazione civile, vivace e schietta, quella che Maurizio Maggiani ha imprigionato sulla carta stampata, con il pamphlet “I figli della Repubblica. Un’invettiva” […] Un Felice pomeriggio, in “lettura”, e Buona Festa della Repubblica a Tutti!! (http://www.imieilibri.it/?p=19965)

“Era l’ora felice dell’assalto e del bacio. L’ora dello stupore che ardeva come un faro…” (#Neruda) #2giugno con #PoesiaèVita  (https://twitter.com/PoesiaeVita)

“Era l’ora felice dell’assalto e del bacio. L’ora dello stupore che ardeva come un faro…” (#Neruda) #2giugno con #PoesiaèVita (https://twitter.com/PoesiaeVita)

“Nessun vascello c’è che come un libro possa portarci in contrade lontane…” (Emily Dickinson)  Per celebrare la Festa internazionale dei bambini per il diritto a una infanzia felice, che si celebra oggi -1 giugno- vi riproponiamo la lettura di un bellissimo speciale, dedicato ad una forma di lettura “ad hoc” per i futuri lettori -felici- di domani!   (http://www.imieilibri.it/?p=16379)

“Nessun vascello c’è che come un libro possa portarci in contrade lontane…” (Emily Dickinson) Per celebrare la Festa internazionale dei bambini per il diritto a una infanzia felice, che si celebra oggi -1 giugno- vi riproponiamo la lettura di un bellissimo speciale, dedicato ad una forma di lettura “ad hoc” per i futuri lettori -felici- di domani! (http://www.imieilibri.it/?p=16379)

“Vi arriva il poeta e poi torna alla luce con i suoi canti e li disperde  Di questa poesia mi resta quel nulla d’inesauribile segreto” (Giuseppe Ungaretti, “Il porto sepolto”)  Gli splendidi versi del Grande Poeta, Giuseppe Ungaretti, per sempre si disperdevano nel cielo il 1° giugno 1970. Ma, la sua immortale Poesia, sarà con Noi per sempre!  Una Felice e poetica giornata, piena di fiori del nuovo mese, a Tutti… #PoesiaèVita!  (http://www.imieilibri.it - https://twitter.com/PoesiaeVita)

“Vi arriva il poeta e poi torna alla luce con i suoi canti e li disperde Di questa poesia mi resta quel nulla d’inesauribile segreto” (Giuseppe Ungaretti, “Il porto sepolto”) Gli splendidi versi del Grande Poeta, Giuseppe Ungaretti, per sempre si disperdevano nel cielo il 1° giugno 1970. Ma, la sua immortale Poesia, sarà con Noi per sempre! Una Felice e poetica giornata, piena di fiori del nuovo mese, a Tutti… #PoesiaèVita! (http://www.imieilibri.it - https://twitter.com/PoesiaeVita)

“Dicono che la memoria non sia materiale registrato come una pellicola e depositato per sempre da qualche parte del cervello. Dicono che sia qualcosa di molto più complicato, molto più sfuggente: molto più simile a dipingere un quadro che a proiettare un film…”  Tornare indietro, riconsiderare il proprio passato e dargli un altro significato.  È questo il “viaggio” narrativo che Gianrico Carofiglio ci propone ne “Il bordo vertiginoso delle cose”. […]  (http://www.imieilibri.it/?p=20025)

“Dicono che la memoria non sia materiale registrato come una pellicola e depositato per sempre da qualche parte del cervello. Dicono che sia qualcosa di molto più complicato, molto più sfuggente: molto più simile a dipingere un quadro che a proiettare un film…” Tornare indietro, riconsiderare il proprio passato e dargli un altro significato. È questo il “viaggio” narrativo che Gianrico Carofiglio ci propone ne “Il bordo vertiginoso delle cose”. […] (http://www.imieilibri.it/?p=20025)

“Amor, ch’a nullo amato amar perdona, mi prese del costui piacer sì forte, che, come vedi, ancor non m’abbandona…” (Dante Alighieri)  I versi del “sommo” Poeta Dante Alighieri, possono ben descrivere l’ardente passione che brucia nei cuori dei tantissimi booklovers italiani, che anche in questo weekend di fine maggio avranno tantissime occasioni di incontrarsi lungo lo stivale.  (http://www.imieilibri.it/?page_id=15917)

“Amor, ch’a nullo amato amar perdona, mi prese del costui piacer sì forte, che, come vedi, ancor non m’abbandona…” (Dante Alighieri) I versi del “sommo” Poeta Dante Alighieri, possono ben descrivere l’ardente passione che brucia nei cuori dei tantissimi booklovers italiani, che anche in questo weekend di fine maggio avranno tantissime occasioni di incontrarsi lungo lo stivale. (http://www.imieilibri.it/?page_id=15917)

“Non siamo lontani dal nostro amore… Noi, Carla, ci siamo amati perché ci amavamo prima di esistere, in un’altra vita…”  Quello che Giorgio Montefoschi -già Premio Strega nel ’94- narra ne “La fragile bellezza del giorno” è, appunto, un amore fragile come la bellezza di quel giorno di un’estate prematura in cui i due amanti si sono dichiarati completa appartenenza. Un amore fortissimo, esclusivo, in grado di sopravvivere alla morte […]  (http://www.imieilibri.it/?p=19051)

“Non siamo lontani dal nostro amore… Noi, Carla, ci siamo amati perché ci amavamo prima di esistere, in un’altra vita…” Quello che Giorgio Montefoschi -già Premio Strega nel ’94- narra ne “La fragile bellezza del giorno” è, appunto, un amore fragile come la bellezza di quel giorno di un’estate prematura in cui i due amanti si sono dichiarati completa appartenenza. Un amore fortissimo, esclusivo, in grado di sopravvivere alla morte […] (http://www.imieilibri.it/?p=19051)

«Beati noi, beati noi, beati noi. Sì, fortunati noi. Fortunati noi, che siamo nati allora, agli albori…»  Con questo monocorde, litanico incipit, Maurizio Maggiani introduce il lettore in un testo con la potenza sintattica di un poema eroico, dai contenuti attualissimi: perché non si sono mantenute le promesse di una generazione invidiata, quella del dopoguerra, così protesa verso un futuro sinonimo di speranza, e non di angoscia? […]  (http://www.imieilibri.it/?p=19965)

«Beati noi, beati noi, beati noi. Sì, fortunati noi. Fortunati noi, che siamo nati allora, agli albori…» Con questo monocorde, litanico incipit, Maurizio Maggiani introduce il lettore in un testo con la potenza sintattica di un poema eroico, dai contenuti attualissimi: perché non si sono mantenute le promesse di una generazione invidiata, quella del dopoguerra, così protesa verso un futuro sinonimo di speranza, e non di angoscia? […] (http://www.imieilibri.it/?p=19965)

“La crisi, che ormai è diventata quasi un nome proprio di persona, sta iniziando ad assumere immagine e somiglianza dell’uomo, quasi come se ti stesse guardando mentre ti bevi l’aperitivo con gli amici per farti sentire in colpa.” (Alessia Bottone)  Un Felice “aperitivo” -del sabato- in lettura a Tutti!!  (http://www.imieilibri.it/?p=19546)  Fonte immag.: diversamenteoccupati.it

“La crisi, che ormai è diventata quasi un nome proprio di persona, sta iniziando ad assumere immagine e somiglianza dell’uomo, quasi come se ti stesse guardando mentre ti bevi l’aperitivo con gli amici per farti sentire in colpa.” (Alessia Bottone) Un Felice “aperitivo” -del sabato- in lettura a Tutti!! (http://www.imieilibri.it/?p=19546) Fonte immag.: diversamenteoccupati.it

“Il sogno è una luce verde dall’altra parte della strada, o dal lato opposto del tempo. Un ingannevole bagliore che viene dal passato…” (“Il Grande Gatsby” Francis Scott Fitzgerald)  Un Fitzgerald straordinario visionario: immergendosi nelle pagine del libro si viene trasportati in atmosfere rarefatte, quasi oniriche, ma pesantissime in cui le parole rimangono sospese in un eterno gioco tra detto e non detto, tra immaginazione e realtà, tra finzione e verità…

“Il sogno è una luce verde dall’altra parte della strada, o dal lato opposto del tempo. Un ingannevole bagliore che viene dal passato…” (“Il Grande Gatsby” Francis Scott Fitzgerald) Un Fitzgerald straordinario visionario: immergendosi nelle pagine del libro si viene trasportati in atmosfere rarefatte, quasi oniriche, ma pesantissime in cui le parole rimangono sospese in un eterno gioco tra detto e non detto, tra immaginazione e realtà, tra finzione e verità…