imieilibri... (.it)

57 Pin59 Follower
“L’uomo non esiste veramente che nella lotta contro i propri limiti…” (Ignazio Silone)  Buon 1° Maggio a Tutti!!        la redazione de “imieilibri.it” (http://www.imieilibri.it)  Illustrazione di Quint Buchholz

“L’uomo non esiste veramente che nella lotta contro i propri limiti…” (Ignazio Silone) Buon 1° Maggio a Tutti!! la redazione de “imieilibri.it” (http://www.imieilibri.it) Illustrazione di Quint Buchholz

“È difficile dire con parole di figlio ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio.  Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore, ciò che è stato sempre, prima d’ogni altro amore…” (da “Supplica a Mia Madre”, Pier Paolo Pasolini)   Una Felice Festa della Mamma a Tutte le Madri, e a Tutte le Donne che si sentono tali per “natura”!  la redazione de “imieilibri.it” (http://www.imieilibri.it)

“È difficile dire con parole di figlio ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio. Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore, ciò che è stato sempre, prima d’ogni altro amore…” (da “Supplica a Mia Madre”, Pier Paolo Pasolini) Una Felice Festa della Mamma a Tutte le Madri, e a Tutte le Donne che si sentono tali per “natura”! la redazione de “imieilibri.it” (http://www.imieilibri.it)

“Farla non puoi, la vita, come vorresti? almeno questo tenta quanto più puoi: non la svilire troppo nell’assiduo contatto con la gente, nell’assiduo gestire e nelle ciance. Non la svilire a furia di recarla Così sovente in giro, e con l’esporla Alla dissennatezza quotidiana Di commerci e rapporti, sin che divenga una straniera uggiosa.” (Kostantinos Kavafis, “Quanto più puoi”)   Il poeta greco Konstantinos Kavafis nasceva il 29 aprile 1863.  http://www.imieilibri.it

“Farla non puoi, la vita, come vorresti? almeno questo tenta quanto più puoi: non la svilire troppo nell’assiduo contatto con la gente, nell’assiduo gestire e nelle ciance. Non la svilire a furia di recarla Così sovente in giro, e con l’esporla Alla dissennatezza quotidiana Di commerci e rapporti, sin che divenga una straniera uggiosa.” (Kostantinos Kavafis, “Quanto più puoi”) Il poeta greco Konstantinos Kavafis nasceva il 29 aprile 1863. http://www.imieilibri.it

“Arrivederci fratello mare Ed ecco ce ne andiamo come siamo venuti arrivederci fratello mare mi porto un po’ della tua ghiaia un po’ del tuo sale azzurro un po’ della tua infinità e un pochino della tua luce e della tua infelicità. Ci hai saputo dir molte cose sul tuo destino mare eccoci con un po’ più di speranza eccoci con un po’ più di saggezza e ce ne andiamo come siamo venuti arrivederci fratello mare.”  Con Nâzim Hikmet #PoesiAmo per sempre!  http://www.imieilibri.it/?p=14814

“Arrivederci fratello mare Ed ecco ce ne andiamo come siamo venuti arrivederci fratello mare mi porto un po’ della tua ghiaia un po’ del tuo sale azzurro un po’ della tua infinità e un pochino della tua luce e della tua infelicità. Ci hai saputo dir molte cose sul tuo destino mare eccoci con un po’ più di speranza eccoci con un po’ più di saggezza e ce ne andiamo come siamo venuti arrivederci fratello mare.” Con Nâzim Hikmet #PoesiAmo per sempre! http://www.imieilibri.it/?p=14814

“Ogni generazione, anche la nostra, ha le sue strade di perdimento e di salvezza, una sua maniera di cercare…” (Primo Mazzolari)  È un’orazione civile, vivace e schietta, quella che Maurizio Maggiani ha imprigionato sulla carta stampata, con il pamphlet “I figli della Repubblica. Un’invettiva” […]  Un Felice pomeriggio, in “lettura”, e Buona Festa della Repubblica a Tutti!!  (http://www.imieilibri.it/?p=19965)

“Ogni generazione, anche la nostra, ha le sue strade di perdimento e di salvezza, una sua maniera di cercare…” (Primo Mazzolari) È un’orazione civile, vivace e schietta, quella che Maurizio Maggiani ha imprigionato sulla carta stampata, con il pamphlet “I figli della Repubblica. Un’invettiva” […] Un Felice pomeriggio, in “lettura”, e Buona Festa della Repubblica a Tutti!! (http://www.imieilibri.it/?p=19965)

“Vi arriva il poeta e poi torna alla luce con i suoi canti e li disperde  Di questa poesia mi resta quel nulla d’inesauribile segreto” (Giuseppe Ungaretti, “Il porto sepolto”)  Gli splendidi versi del Grande Poeta, Giuseppe Ungaretti, per sempre si disperdevano nel cielo il 1° giugno 1970. Ma, la sua immortale Poesia, sarà con Noi per sempre!  Una Felice e poetica giornata, piena di fiori del nuovo mese, a Tutti… #PoesiaèVita!  (http://www.imieilibri.it - https://twitter.com/PoesiaeVita)

“Vi arriva il poeta e poi torna alla luce con i suoi canti e li disperde Di questa poesia mi resta quel nulla d’inesauribile segreto” (Giuseppe Ungaretti, “Il porto sepolto”) Gli splendidi versi del Grande Poeta, Giuseppe Ungaretti, per sempre si disperdevano nel cielo il 1° giugno 1970. Ma, la sua immortale Poesia, sarà con Noi per sempre! Una Felice e poetica giornata, piena di fiori del nuovo mese, a Tutti… #PoesiaèVita! (http://www.imieilibri.it - https://twitter.com/PoesiaeVita)

“Dicono che la memoria non sia materiale registrato come una pellicola e depositato per sempre da qualche parte del cervello. Dicono che sia qualcosa di molto più complicato, molto più sfuggente: molto più simile a dipingere un quadro che a proiettare un film…”  Tornare indietro, riconsiderare il proprio passato e dargli un altro significato.  È questo il “viaggio” narrativo che Gianrico Carofiglio ci propone ne “Il bordo vertiginoso delle cose”. […]  (http://www.imieilibri.it/?p=20025)

“Dicono che la memoria non sia materiale registrato come una pellicola e depositato per sempre da qualche parte del cervello. Dicono che sia qualcosa di molto più complicato, molto più sfuggente: molto più simile a dipingere un quadro che a proiettare un film…” Tornare indietro, riconsiderare il proprio passato e dargli un altro significato. È questo il “viaggio” narrativo che Gianrico Carofiglio ci propone ne “Il bordo vertiginoso delle cose”. […] (http://www.imieilibri.it/?p=20025)

“Amor, ch’a nullo amato amar perdona, mi prese del costui piacer sì forte, che, come vedi, ancor non m’abbandona…” (Dante Alighieri)  I versi del “sommo” Poeta Dante Alighieri, possono ben descrivere l’ardente passione che brucia nei cuori dei tantissimi booklovers italiani, che anche in questo weekend di fine maggio avranno tantissime occasioni di incontrarsi lungo lo stivale.  (http://www.imieilibri.it/?page_id=15917)

“Amor, ch’a nullo amato amar perdona, mi prese del costui piacer sì forte, che, come vedi, ancor non m’abbandona…” (Dante Alighieri) I versi del “sommo” Poeta Dante Alighieri, possono ben descrivere l’ardente passione che brucia nei cuori dei tantissimi booklovers italiani, che anche in questo weekend di fine maggio avranno tantissime occasioni di incontrarsi lungo lo stivale. (http://www.imieilibri.it/?page_id=15917)

«Beati noi, beati noi, beati noi. Sì, fortunati noi. Fortunati noi, che siamo nati allora, agli albori…»  Con questo monocorde, litanico incipit, Maurizio Maggiani introduce il lettore in un testo con la potenza sintattica di un poema eroico, dai contenuti attualissimi: perché non si sono mantenute le promesse di una generazione invidiata, quella del dopoguerra, così protesa verso un futuro sinonimo di speranza, e non di angoscia? […]  (http://www.imieilibri.it/?p=19965)

«Beati noi, beati noi, beati noi. Sì, fortunati noi. Fortunati noi, che siamo nati allora, agli albori…» Con questo monocorde, litanico incipit, Maurizio Maggiani introduce il lettore in un testo con la potenza sintattica di un poema eroico, dai contenuti attualissimi: perché non si sono mantenute le promesse di una generazione invidiata, quella del dopoguerra, così protesa verso un futuro sinonimo di speranza, e non di angoscia? […] (http://www.imieilibri.it/?p=19965)

“Estranei siamo tutti, perfino noi che ci troviamo qui, A chi ti riferisci, A te e a me, al tuo senso comune e a te stesso, ci incontriamo di rado per chiacchierare, qualche pomeriggio ogni tanto, e, se vogliamo essere sinceri, ben poche volte ne è valsa la pena, Per colpa mia, Anche per colpa mia…”  “L’uomo duplicato”, di José Saramago, e “Decalcomania”, di Magritte.  Un felice pomeriggio, in “lettura”, a Tutti!!  (http://www.imieilibri.it/?p=1610)

“Estranei siamo tutti, perfino noi che ci troviamo qui, A chi ti riferisci, A te e a me, al tuo senso comune e a te stesso, ci incontriamo di rado per chiacchierare, qualche pomeriggio ogni tanto, e, se vogliamo essere sinceri, ben poche volte ne è valsa la pena, Per colpa mia, Anche per colpa mia…” “L’uomo duplicato”, di José Saramago, e “Decalcomania”, di Magritte. Un felice pomeriggio, in “lettura”, a Tutti!! (http://www.imieilibri.it/?p=1610)

Pinterest
Cerca