Pierpaolo Mittica | Fukushima_No-Go Zone

71 Pin383 Follower
- 1  Fukushima No-Go Zone personale di Pierpaolo Mittica 26 marzo-30 aprile 2013 https://www.facebook.com/GlendaCinquegranaTheStudio

- 1 Fukushima No-Go Zone personale di Pierpaolo Mittica 26 marzo-30 aprile 2013 https://www.facebook.com/GlendaCinquegranaTheStudio

Questa sera inaugura la mostra Fukushima No-Go Zone. La galleria Glenda Cinquegrana The Studio presenta una selezione di immagini del progetto realizzato dal fotografo Pierpaolo Mittica. Opening h. 19.00   Pierpaolo Mittica (2011) Stazione dei treni abbandonata, Tatsuta, Naraha dalla serie Fukushima ‘No-Go zone’ Stampa digitale su carta Hahnemühle Cm 33 x 48

Questa sera inaugura la mostra Fukushima No-Go Zone. La galleria Glenda Cinquegrana The Studio presenta una selezione di immagini del progetto realizzato dal fotografo Pierpaolo Mittica. Opening h. 19.00 Pierpaolo Mittica (2011) Stazione dei treni abbandonata, Tatsuta, Naraha dalla serie Fukushima ‘No-Go zone’ Stampa digitale su carta Hahnemühle Cm 33 x 48

>>Qual è la volta che ti sei perso? >>"Credo la volta che è scomparso il mio grande maestro e amico Walter Rosenblum...L'ultima volta che lo avevo visto eravamo seduti su una panchina a parlare di fotografia. In quei frangenti, mi disse: “ormai ti ho insegnato tutto quello che so, adesso tocca a te continuare, andare avanti e trasmettere agli altri quello che io ho ricevuto da Paul Strand e Lewis Hine e che io ho dato a te"”  [dall'intervista di Sonia Bianco a Pierpaolo Mittica | 26-01-10]

>>Qual è la volta che ti sei perso? >>"Credo la volta che è scomparso il mio grande maestro e amico Walter Rosenblum...L'ultima volta che lo avevo visto eravamo seduti su una panchina a parlare di fotografia. In quei frangenti, mi disse: “ormai ti ho insegnato tutto quello che so, adesso tocca a te continuare, andare avanti e trasmettere agli altri quello che io ho ricevuto da Paul Strand e Lewis Hine e che io ho dato a te"” [dall'intervista di Sonia Bianco a Pierpaolo Mittica | 26-01-10]

'Il discorso in immagini (affrontato da Mittica) si inserisce all'interno di un filone di fotografia di denuncia e di critica politico-sociale che, come dice Rosenblum nel testo tratto dal libro, è parte di una tradizione americana che ha origine negli anni Trenta del secolo scorso, con i fotografi della Farm Security Administration, come Dorothea Lange e Manuel Rivera-Ortiz, ed europea, con August Sander'  [tratto da http://www.domusweb.it/it/notizie/2013/03/26/pierpaolo-mittica.html]

'Il discorso in immagini (affrontato da Mittica) si inserisce all'interno di un filone di fotografia di denuncia e di critica politico-sociale che, come dice Rosenblum nel testo tratto dal libro, è parte di una tradizione americana che ha origine negli anni Trenta del secolo scorso, con i fotografi della Farm Security Administration, come Dorothea Lange e Manuel Rivera-Ortiz, ed europea, con August Sander' [tratto da http://www.domusweb.it/it/notizie/2013/03/26/pierpaolo-mittica.html]

- 4  Fukushima No-Go Zone personale di Pierpaolo Mittica 26 marzo-30 aprile 2013

- 4 Fukushima No-Go Zone personale di Pierpaolo Mittica 26 marzo-30 aprile 2013

Pierpaolo Mittica at Glenda Cinquegrana – The Studio | L

Pierpaolo Mittica at Glenda Cinquegrana – The Studio | L

P.Mittica: >>La paura e il senso di pericolo di solito sono filtrate dalla macchina fotografica, che in qualche modo ti protegge dalla realtà, e che ti fa concentrare solo sul tuo obiettivo che è quello di documentare e di far conoscere la realtà. La paura spesso viene dopo, quando si ritorna a casa e magari si pensa alle situazioni di pericolo che ti sono capitate mentre fotografavi. Ma al momento dello scatto quello che prevale è la voglia di raccontare.

P.Mittica: >>La paura e il senso di pericolo di solito sono filtrate dalla macchina fotografica, che in qualche modo ti protegge dalla realtà, e che ti fa concentrare solo sul tuo obiettivo che è quello di documentare e di far conoscere la realtà. La paura spesso viene dopo, quando si ritorna a casa e magari si pensa alle situazioni di pericolo che ti sono capitate mentre fotografavi. Ma al momento dello scatto quello che prevale è la voglia di raccontare.

"L'oggettività non esiste, la fotografia è sempre il prodotto di quello che il fotografo vede e prova a livello emotivo. [...] Tutto questo permette ad una fotografia non solo di attirare l'attenzione di chi la guarda, ma anche di resistere nel tempo: solo le foto che rappresentano documenti importanti e che sono esteticamente belle vengono ricordate fino ad entrare nella storia." P. Mittica

"L'oggettività non esiste, la fotografia è sempre il prodotto di quello che il fotografo vede e prova a livello emotivo. [...] Tutto questo permette ad una fotografia non solo di attirare l'attenzione di chi la guarda, ma anche di resistere nel tempo: solo le foto che rappresentano documenti importanti e che sono esteticamente belle vengono ricordate fino ad entrare nella storia." P. Mittica

>>Al giorno d'oggi il mestiere del fotogiornalista è in enorme crisi: le riviste si accontentano del documento, purchè sia gratis o a basso prezzo, e non cercano più la foto d'autore...È un circolo vizioso che rischia di portare nel baratro la professione del fotoreporter e il sistema dell'informazione, tutto a discapito dello spettatore. P. Mittica

>>Al giorno d'oggi il mestiere del fotogiornalista è in enorme crisi: le riviste si accontentano del documento, purchè sia gratis o a basso prezzo, e non cercano più la foto d'autore...È un circolo vizioso che rischia di portare nel baratro la professione del fotoreporter e il sistema dell'informazione, tutto a discapito dello spettatore. P. Mittica

La mostra di Pierpaolo Mittica è aperta a partire da oggi.  Vi aspettiamo, fra rovine, dolore e poesia con le immagini dalla No-Go zone di Fuskushima.

La mostra di Pierpaolo Mittica è aperta a partire da oggi. Vi aspettiamo, fra rovine, dolore e poesia con le immagini dalla No-Go zone di Fuskushima.

Pinterest • il catalogo mondiale delle idee
Cerca