Giovanni Vallone

Giovanni Vallone

Giovanni Vallone
Altre idee da Giovanni
Foto

Foto

Foto

Foto

AEROPORTO DI SVALBARD: Infine, c’è l’aeroporto norvegese di Svalbard, che ha la peculiarità di essere costruito in permafrost e ghiaccio. Il rischio è che la pista si sciolga e si trasformi in una pozzanghera: per evitarlo, sono stati progettati dei sistemi di raffreddamento specifici. Certo è che atterrare tra le nevi deve essere fantastico.

AEROPORTO DI SVALBARD: Infine, c’è l’aeroporto norvegese di Svalbard, che ha la peculiarità di essere costruito in permafrost e ghiaccio. Il rischio è che la pista si sciolga e si trasformi in una pozzanghera: per evitarlo, sono stati progettati dei sistemi di raffreddamento specifici. Certo è che atterrare tra le nevi deve essere fantastico.

AEROPORTO di COURCHEVEL in FRANCIA: Di certo, l’aeroporto più pericoloso e spettacolare è quello sulle nevi di Courchevel, in Francia. Ha un dislivello pari al 18.5%, ed è tutto un saliscendi di curve, discese e salite. Ovviamente è destinato solo agli aerei privati e non a quelli di linea. Si trova a una altitudine di quasi 1700 metri.

AEROPORTO di COURCHEVEL in FRANCIA: Di certo, l’aeroporto più pericoloso e spettacolare è quello sulle nevi di Courchevel, in Francia. Ha un dislivello pari al 18.5%, ed è tutto un saliscendi di curve, discese e salite. Ovviamente è destinato solo agli aerei privati e non a quelli di linea. Si trova a una altitudine di quasi 1700 metri.

AEROPORTO INTERNAZIONALE DI GIBILTERRA: Anche l’aeroporto internazionale di Gibilterra regala qualche sussulto, non fosse altro che per il fatto che la pista si interseca addirittura con una strada cittadina: c’è persino un passaggio a livello che blocca il traffico, come se si trattasse dei binari di un treno. Però è anche uno spettacolo, va detto.

AEROPORTO INTERNAZIONALE DI GIBILTERRA: Anche l’aeroporto internazionale di Gibilterra regala qualche sussulto, non fosse altro che per il fatto che la pista si interseca addirittura con una strada cittadina: c’è persino un passaggio a livello che blocca il traffico, come se si trattasse dei binari di un treno. Però è anche uno spettacolo, va detto.

GUSTAF III AIRPORT A SAINT BARTHELEMY. ANTILLE FRANCESI. Anche in questo caso, la sicurezza è un optional, non fosse altro che gli aerei che si apprestano ad atterrare arrivano a sfiorare i turisti della spiaggia lì vicino. Quanta paura per i piloti e per i passeggeri!

GUSTAF III AIRPORT A SAINT BARTHELEMY. ANTILLE FRANCESI. Anche in questo caso, la sicurezza è un optional, non fosse altro che gli aerei che si apprestano ad atterrare arrivano a sfiorare i turisti della spiaggia lì vicino. Quanta paura per i piloti e per i passeggeri!

AEROPORTO di SABA.  Possiede una pista di atterraggio lunga solo 400 metri (è la più corta del mondo), per di più collocata su uno strapiombo che dà direttamente sul mare. Chi vuole atterrare ha un bel coraggio.

AEROPORTO di SABA. Possiede una pista di atterraggio lunga solo 400 metri (è la più corta del mondo), per di più collocata su uno strapiombo che dà direttamente sul mare. Chi vuole atterrare ha un bel coraggio.

Google Italy Blog: Ecco come si presenta il primo prototipo della nostra auto che si guida da sola

Google Italy Blog: Ecco come si presenta il primo prototipo della nostra auto che si guida da sola

Preghiera del Carabiniere - DEDICATA A TUTTI I CADUTI.

Preghiera del Carabiniere - DEDICATA A TUTTI I CADUTI.

Ciao Giovanni, Il giorno in cui hai firmato la tua prima petizione su Change.org sei diventato parte di qualcosa di grande. Ora le persone, dappertutto, stanno cambiando le cose, e tu sei protagonista di tutto questo, perché fai parte di una comunità composta da 3 milioni di persone soltanto in Italia.  Per queste battaglie vinte, ti vorremmo ringraziare con un video. Auguri! Salvatore, Elisa, Luca, Allegra di Change.org P.S. per la prima volta vedrai anche i nostri volti.

Ciao Giovanni, Il giorno in cui hai firmato la tua prima petizione su Change.org sei diventato parte di qualcosa di grande. Ora le persone, dappertutto, stanno cambiando le cose, e tu sei protagonista di tutto questo, perché fai parte di una comunità composta da 3 milioni di persone soltanto in Italia. Per queste battaglie vinte, ti vorremmo ringraziare con un video. Auguri! Salvatore, Elisa, Luca, Allegra di Change.org P.S. per la prima volta vedrai anche i nostri volti.