La loggia delle cariatidi si aggiunge al corpo centrale dell'Eretteo, sul versante meridionale. Ogni cariatide ( "statua femminile, oppure busto di donna terminato inferiormente in erma, o colonna, o prisma e usato a sorreggere architravi) è alta circa 2 m.

La loggia delle cariatidi si aggiunge al corpo centrale dell'Eretteo, sul versante meridionale. Ogni cariatide ( "statua femminile, oppure busto di donna terminato inferiormente in erma, o colonna, o prisma e usato a sorreggere architravi) è alta circa 2 m.

Le cariatidi provenienti dalla loggia dell'Eretteo sono oggi conservate al Museo dell'Acropoli, ad Atene.

Le cariatidi provenienti dalla loggia dell'Eretteo sono oggi conservate al Museo dell'Acropoli, ad Atene.

Mappa che schematizza tutti gli edifici dell'Acropoli Ateniese.

Mappa che schematizza tutti gli edifici dell'Acropoli Ateniese.

E' il tempio di Atena NIke, che si trova presso i Propilei, a pochi metri dall'orlo delle rocce a strapiombo che caratterizzano l'Acropoli. Costruito probabilmente intorno al 425 a.C. in ordine ionico, è un tempietto anfiprostilo tetrastilo (con quattro colonne libere sulla fronte e sul retro) ornato nei fregi di preziosi bassorilievi che narrano vicende di una battaglia fra greci e una fra greci e persiani (probabilmente Maratona).

E' il tempio di Atena NIke, che si trova presso i Propilei, a pochi metri dall'orlo delle rocce a strapiombo che caratterizzano l'Acropoli. Costruito probabilmente intorno al 425 a.C. in ordine ionico, è un tempietto anfiprostilo tetrastilo (con quattro colonne libere sulla fronte e sul retro) ornato nei fregi di preziosi bassorilievi che narrano vicende di una battaglia fra greci e una fra greci e persiani (probabilmente Maratona).

Vista dell'Acropoli di Atene. L'acropoli venne posta su una rocca micenea con attorno una recinzione ciclopica. Non era una residenza reale ma ospitava i santuari della città: era quindi un luogo religioso. Era un simbolo della grande ricchezza di Atene, fu la sede, per decisione di Pericle, del tesoro della Lega Delio-Attica. Ha grandi dimensioni e comprende innumerevoli edifici.

Vista dell'Acropoli di Atene. L'acropoli venne posta su una rocca micenea con attorno una recinzione ciclopica. Non era una residenza reale ma ospitava i santuari della città: era quindi un luogo religioso. Era un simbolo della grande ricchezza di Atene, fu la sede, per decisione di Pericle, del tesoro della Lega Delio-Attica. Ha grandi dimensioni e comprende innumerevoli edifici.

Osservando le colonne del Partenone si può notare un rigonfiamento a 2/3 di ogni colonna e un diametro leggermente maggiore delle colonne d'angolo rispetto alle altre.

Osservando le colonne del Partenone si può notare un rigonfiamento a 2/3 di ogni colonna e un diametro leggermente maggiore delle colonne d'angolo rispetto alle altre.

Vista frontale del Partenone. E' l'edificio di maggiore importanza all'interno dell'acropoli ed è un tempio periptero di ordine dorico. Fu realizzato da  Ictino, Callicrate e Mnesicle, sotto la supervisione di Fidia. E' di marmo Pantelico, suddiviso in rocchi perfettamente incastrati tra loro senza bisogno di stucco. Era la sede della divinità, potevano averne l'accesso solo i sacerdoti, tutti gli altri si dovevano fermare sulla soglia.

Vista frontale del Partenone. E' l'edificio di maggiore importanza all'interno dell'acropoli ed è un tempio periptero di ordine dorico. Fu realizzato da Ictino, Callicrate e Mnesicle, sotto la supervisione di Fidia. E' di marmo Pantelico, suddiviso in rocchi perfettamente incastrati tra loro senza bisogno di stucco. Era la sede della divinità, potevano averne l'accesso solo i sacerdoti, tutti gli altri si dovevano fermare sulla soglia.

Eretteo; V secolo (421-404) a.C.; tempio prostilo esastilo ionico in marmo Pentelico; parte alta dell'acropoli, fu realizzato dall'architetto Filocle. Questo santuario, dedicato alla dea Atena Poliade (protettrice della città), era legato a culti arcaici e alle più antiche memorie della storia leggendaria della città, costituendo il vero nucleo sacro dell'Acropoli e dell'intera città. In questo luogo si sarebbe infatti svolta la disputa tra Atena e Poseidone.

Eretteo; V secolo (421-404) a.C.; tempio prostilo esastilo ionico in marmo Pentelico; parte alta dell'acropoli, fu realizzato dall'architetto Filocle. Questo santuario, dedicato alla dea Atena Poliade (protettrice della città), era legato a culti arcaici e alle più antiche memorie della storia leggendaria della città, costituendo il vero nucleo sacro dell'Acropoli e dell'intera città. In questo luogo si sarebbe infatti svolta la disputa tra Atena e Poseidone.

I Propilei sono l'ingresso monumentale dell'acropoli di Atene. La loro costruzione ebbe inizio nel 437 a.C., ma non furono completati. Si pensa che una volta arrivati davanti a essi ci si fermasse per pulirsi, dato che si stava per entrare in un luogo sacro.

I Propilei sono l'ingresso monumentale dell'acropoli di Atene. La loro costruzione ebbe inizio nel 437 a.C., ma non furono completati. Si pensa che una volta arrivati davanti a essi ci si fermasse per pulirsi, dato che si stava per entrare in un luogo sacro.

Pinterest
Cerca