Il cielo scrisse l'alba del tramonto alla sua stella  Resiliente luce che fa d'un albero le sue radici al vero  Buon Natale :-)

Il cielo scrisse l'alba del tramonto alla sua stella Resiliente luce che fa d'un albero le sue radici al vero Buon Natale :-)

E se così m'ami  come potrei  non arare la sabbia  e farla germogliare di spuma   www.francesconigri.it

E se così m'ami come potrei non arare la sabbia e farla germogliare di spuma www.francesconigri.it

Di orizzontali acque

Di orizzontali acque

​ Ed anche se la notte  ci nasconde l’onde come un manto che  disconosce  terre e cielo attorno il mio fondale respira il tuo salmastro ed il fluirci è spesso alle correnti cos…

Ed anche se la notte

​ Ed anche se la notte ci nasconde l’onde come un manto che disconosce terre e cielo attorno il mio fondale respira il tuo salmastro ed il fluirci è spesso alle correnti cos…

Sento il tuo fondale caldo - Francesco Nigri - SoundCloud

Sento il tuo fondale caldo – Francesco Nigri – SoundCloud

Sento il tuo fondale caldo - Francesco Nigri - SoundCloud

BookCity Milano 2016: dal Venezuela la poesia di Hebe Munoz

BookCity Milano 2016: dal Venezuela la poesia di Hebe Munoz

Esserci essersi  Gocce al mare in mare di gocce  tra respiri di spuma e caldi profondi  profumi di sale e scogli erosi  bagni di rena e guizzi da squame  Esserci essersi  Il cielo è una terra umida possibile risacca d'anime   gocce di mare mare di gocce   francesconigri©22102016

Esserci essersi Gocce al mare in mare di gocce tra respiri di spuma e caldi profondi profumi di sale e scogli erosi bagni di rena e guizzi da squame Esserci essersi Il cielo è una terra umida possibile risacca d'anime gocce di mare mare di gocce francesconigri©22102016

Il poeta italiano rilancia un Blog per una poesia di vita ed amore...

Il poeta italiano rilancia un Blog per una poesia di vita ed amore...

Torna all'acque il succo alle radici di ramo in rena a risperarne i fiori a chiederne le gocce dell'immenso di cielo a quel profondo che s'atterra   E più riscopro il mare alle mie maree e quell'amare che ne erode il grezzo risacca forte l'indorato al vero riaffida il tempo alle sue battigie  francesconigri©10102016

Torna all'acque il succo alle radici di ramo in rena a risperarne i fiori a chiederne le gocce dell'immenso di cielo a quel profondo che s'atterra E più riscopro il mare alle mie maree e quell'amare che ne erode il grezzo risacca forte l'indorato al vero riaffida il tempo alle sue battigie francesconigri©10102016

Ammarasti all'acque ogni declivio  terrazzato di vigne e di borgarci   e il serpentino d'erodersi dell'onde   fu quel ricamo del cielo al mare  che segna d'umido le vene all'infinito  e le palpita d'un cuore che vi nuota  francesconigri©26092016  Manarola, Cinque Terre

Ammarasti all'acque ogni declivio terrazzato di vigne e di borgarci e il serpentino d'erodersi dell'onde fu quel ricamo del cielo al mare che segna d'umido le vene all'infinito e le palpita d'un cuore che vi nuota francesconigri©26092016 Manarola, Cinque Terre

Pinterest
Cerca