Nonno Guido

"I miei novant'anni", libro di racconti di mio nonno, traccia uno spaccato di Rimini e dell'Italia lungo tutto il Novecento
18 Pin203 Follower
Passato indenne attraverso due guerre e tante piccole grandi tragedie, ciò che lo ha sempre caratterizzato sono state due cose, principalmente: una fiducia incrollabile nella bontà del destino e un amore quasi adolescenziale per tutto ciò che esiste: la natura, le cose, le persone, il creato.

Passato indenne attraverso due guerre e tante piccole grandi tragedie, ciò che lo ha sempre caratterizzato sono state due cose, principalmente: una fiducia incrollabile nella bontà del destino e un amore quasi adolescenziale per tutto ciò che esiste: la natura, le cose, le persone, il creato.

San Martino in Venti - Questa fotografia era stata inviata in Egitto al corista Albani nonno di Corrado, che si trovava là in tournee a cantare nell’opera Aida. Nella foto gli amici del bel canto, mio babbo è con la bottiglia in mano

San Martino in Venti - Questa fotografia era stata inviata in Egitto al corista Albani nonno di Corrado, che si trovava là in tournee a cantare nell’opera Aida. Nella foto gli amici del bel canto, mio babbo è con la bottiglia in mano

L'incendio della trattoria

L'incendio della trattoria

La fiumana del 1910

La fiumana del 1910

Il tram a cavalli e i fuochi d'artificio

Il tram a cavalli e i fuochi d'artificio

Il terremoto del 1916

Il terremoto del 1916

"Vissi d'arte":  ...l’arte per me è la mediatrice tra natura e uomo. Scrive Delacroix: “La prima virtù di un dipinto è essere una festa per gli occhi”. Un solo pensiero riconoscente innalzato a Dio è la cosa più bella.

"Vissi d'arte": ...l’arte per me è la mediatrice tra natura e uomo. Scrive Delacroix: “La prima virtù di un dipinto è essere una festa per gli occhi”. Un solo pensiero riconoscente innalzato a Dio è la cosa più bella.

L'incendio al Grand Hotel - Il 14 luglio 1920 presero fuoco le due cupole. L'incendio destò l'atto coraggioso e di grande altruismo di Anacleto Ricci, giovane cugino di Nonno Guido, che morì in seguito alle ferite riportate

L'incendio al Grand Hotel - Il 14 luglio 1920 presero fuoco le due cupole. L'incendio destò l'atto coraggioso e di grande altruismo di Anacleto Ricci, giovane cugino di Nonno Guido, che morì in seguito alle ferite riportate

Il bombardamento avvenne in due riprese. Quel giorno avevo appena finito di mangiare che vi fu l’allarme e scappai a tutta velocità, attraversai il palazzo Ghetti e corsi verso la campagna mentre con rombo terribile si avvicinavano i bombardieri. Mi buttai subito a terra e guardando verso l’alto vidi sganciare le bombe che arrivavano a terra con fracasso infernale.

Il bombardamento avvenne in due riprese. Quel giorno avevo appena finito di mangiare che vi fu l’allarme e scappai a tutta velocità, attraversai il palazzo Ghetti e corsi verso la campagna mentre con rombo terribile si avvicinavano i bombardieri. Mi buttai subito a terra e guardando verso l’alto vidi sganciare le bombe che arrivavano a terra con fracasso infernale.

L'amore di mia mamma

L'amore di mia mamma

Pinterest
Cerca