Non raccontare mai troppi pezzi di te agli altri.''Ricorda che,in tempo di invidia,Il cieco incominicia a vedere,il muto a parlare,il sordo a sentire.''

Non raccontare mai troppi pezzi di te agli altri.''Ricorda che,in tempo di invidia,Il cieco incominicia a vedere,il muto a parlare,il sordo a sentire.''

Dal recupero di legni centenari nasce Memento. Un rovere che porta su di sé i segni del tempo, tracce che rendono ogni centimetro unico, irripetibile. Un’essenza che come Tavar Parquet dal 1950 ha molte cose da raccontare.

Dal recupero di legni centenari nasce Memento. Un rovere che porta su di sé i segni del tempo, tracce che rendono ogni centimetro unico, irripetibile. Un’essenza che come Tavar Parquet dal 1950 ha molte cose da raccontare.

"Io preferisco definirmi semplicemente un fotografo. Non amo il fotogiornalismo d’assalto, l’essere dappertutto a fotografare l’istante. Ho bisogno di tempo, di capire dove sono, e come starci. Il mio ruolo, e quindi anche il mio futuro, sarà sempre quello di raccontare la mia esperienza – nonostante i paradossi e le difficoltà che la fotografia si trovi ad affrontare." La nostra intervista al fotografo Giovanni Cocco

"Io preferisco definirmi semplicemente un fotografo. Non amo il fotogiornalismo d’assalto, l’essere dappertutto a fotografare l’istante. Ho bisogno di tempo, di capire dove sono, e come starci. Il mio ruolo, e quindi anche il mio futuro, sarà sempre quello di raccontare la mia esperienza – nonostante i paradossi e le difficoltà che la fotografia si trovi ad affrontare." La nostra intervista al fotografo Giovanni Cocco

Realizzo reportage di Wedding perché credo che ogni matrimonio sia una grande storia da raccontare e come tutte le storie, capace di grandi emozioni che meritano di essere conservate nel tempo nulla può essere trascurato, anche i piccoli dettagli.

Realizzo reportage di Wedding perché credo che ogni matrimonio sia una grande storia da raccontare e come tutte le storie, capace di grandi emozioni che meritano di essere conservate nel tempo nulla può essere trascurato, anche i piccoli dettagli.

Non raccontare mai troppi pezzi di te agli altri.''Ricorda che,in tempo di invidia,Il cieco incominicia a vedere,il muto a parlare,il sordo a sentire.''

Non raccontare mai troppi pezzi di te agli altri.''Ricorda che,in tempo di invidia,Il cieco incominicia a vedere,il muto a parlare,il sordo a sentire.''

"Mi chiamo Ciaiò, quindi, e sono un ROM nato e cresciuto per troppo tempo nell’accampamento di contrada Scordovillo. Un campo pieno zeppo di box e prefabbricati e separato dal resto del mondo da un muro alto tre metri. Un campo temporaneo che è lì da 30 anni.     Sono un ROM che, stasera, ha la possibilità di raccontare ad un Ministro della Repubblica la storia di Ciaiò e di come le cose, a volte, avvengono".

"Mi chiamo Ciaiò, quindi, e sono un ROM nato e cresciuto per troppo tempo nell’accampamento di contrada Scordovillo. Un campo pieno zeppo di box e prefabbricati e separato dal resto del mondo da un muro alto tre metri. Un campo temporaneo che è lì da 30 anni. Sono un ROM che, stasera, ha la possibilità di raccontare ad un Ministro della Repubblica la storia di Ciaiò e di come le cose, a volte, avvengono".

La brillante originalità dello stile, esoprattutto la capacità di raccontare in maniera commovente e acuta le contraddizioni del nostro tempo hanno fatto di David Foster Wallace uno scrittore ammirato dai critici e amatissimo dai lettori.

La brillante originalità dello stile, esoprattutto la capacità di raccontare in maniera commovente e acuta le contraddizioni del nostro tempo hanno fatto di David Foster Wallace uno scrittore ammirato dai critici e amatissimo dai lettori.

Una delle sto­rie più impor­tanti e avvin­centi da racc­con­tare: la Seconda Guerra Mon­diale, dal 1939 al 1945. Uno stu­dente di sto­ria di Oxford, Alwyn Col­lin­son, ha aperto un canale Twit­ter che riporta in ordine cro­no­lo­gico i fatti del secondo con­flitto mon­diale. Più che un elenco di eventi, si assi­ste ad una cro­naca gior­na­li­stica che riscrive il pas­sato in tempo reale, resti­tuendo l’esperienza viva di per­sone e situa­zioni di più di 70 anni fa. #Storytelling

Una delle sto­rie più impor­tanti e avvin­centi da racc­con­tare: la Seconda Guerra Mon­diale, dal 1939 al 1945. Uno stu­dente di sto­ria di Oxford, Alwyn Col­lin­son, ha aperto un canale Twit­ter che riporta in ordine cro­no­lo­gico i fatti del secondo con­flitto mon­diale. Più che un elenco di eventi, si assi­ste ad una cro­naca gior­na­li­stica che riscrive il pas­sato in tempo reale, resti­tuendo l’esperienza viva di per­sone e situa­zioni di più di 70 anni fa. #Storytelling

Pomodorino del Piennolo: tempo di raccontare il disastro

Pomodorino del Piennolo: tempo di raccontare il disastro

i #frantoi, in #Umbria #Italy,per #FrantoiAperti, sono felici di raccontare la loro storia e dedicarvi del tempo per descrivere il nuovo #olio  www.frantoiaperti.net / www.ilnocciolino.it

i #frantoi, in #Umbria #Italy,per #FrantoiAperti, sono felici di raccontare la loro storia e dedicarvi del tempo per descrivere il nuovo #olio www.frantoiaperti.net / www.ilnocciolino.it

Pinterest
Cerca