"Il guardiano della Torre"  Nascosta in cima alle scale della torre del Ponte Carlo, la statua di V?žnik (il guardiano della torre) è probabilmente la più pregevole tra le molte esistenti a Praga. Rappresenta un uomo anziano con un’enorme gobba che gli è valsa il soprannome di Quasimodo di Praga. Scolpito in pietra arenaria ormai erosa dal tempo, il gobbo in atto di genuflettersi solleva la tunica e scopre la gamba destra. Alla cintura porta un coltello in una guaina. Secondo alcuni…

Meraviglie Art Nouveau e segreti alchemici: alla scoperta di una Praga inedita

"Il guardiano della Torre" Nascosta in cima alle scale della torre del Ponte Carlo, la statua di V?žnik (il guardiano della torre) è probabilmente la più pregevole tra le molte esistenti a Praga. Rappresenta un uomo anziano con un’enorme gobba che gli è valsa il soprannome di Quasimodo di Praga. Scolpito in pietra arenaria ormai erosa dal tempo, il gobbo in atto di genuflettersi solleva la tunica e scopre la gamba destra. Alla cintura porta un coltello in una guaina. Secondo alcuni…

6 - Infine piega il ginocchio destro, sposta il peso in avanti e solleva la gamba sinistra all’altezza del gluteo, tendendola indietro.  Allunga anche le braccia ai lati del capo.  Quindi, prova a distendere la gamba in appoggio.  Dopo 3-5 respiri, torna lentamente in posizione eretta.  Ripeti la sequenza dal primo esercizio, invertendo le gambe.  Per 3-5 volte.

6 - Infine piega il ginocchio destro, sposta il peso in avanti e solleva la gamba sinistra all’altezza del gluteo, tendendola indietro. Allunga anche le braccia ai lati del capo. Quindi, prova a distendere la gamba in appoggio. Dopo 3-5 respiri, torna lentamente in posizione eretta. Ripeti la sequenza dal primo esercizio, invertendo le gambe. Per 3-5 volte.

2 - Poi alzati in piedi, gambe unite, braccia lungo i fianchi, lontane dal busto.  Quindi, fai un ampio passo in avanti con la gamba sinistra e, inspirando, solleva le braccia in alto ai lati del capo, senza irrigidire spalle e collo.  Ruota la punta del piede destro all’interno; espirando piega la gamba sinistra fino ad allineare la coscia. Per 3-5 respiri.

2 - Poi alzati in piedi, gambe unite, braccia lungo i fianchi, lontane dal busto. Quindi, fai un ampio passo in avanti con la gamba sinistra e, inspirando, solleva le braccia in alto ai lati del capo, senza irrigidire spalle e collo. Ruota la punta del piede destro all’interno; espirando piega la gamba sinistra fino ad allineare la coscia. Per 3-5 respiri.

Efebo di Kritios - 480 a.C. - ritrovata ad Atene - marmo - Atene, Museo dell'Acropoli. E' il primo esempio di un cambiamento nella statuaria: il peso del corpo è sulla gamba sinistra arretrata e di conseguenza il fianco spinge in fuori e il bacino si solleva a sinistra. La scultura classica è consapevole che ad ogni movimento del corpo ne corrisponde un altro e cerca il più possibile di rendere questo movimento. L'Efebo appartiene allo Stile Severo, in cui le statue perdono il sorriso…

Efebo di Kritios - 480 a.C. - ritrovata ad Atene - marmo - Atene, Museo dell'Acropoli. E' il primo esempio di un cambiamento nella statuaria: il peso del corpo è sulla gamba sinistra arretrata e di conseguenza il fianco spinge in fuori e il bacino si solleva a sinistra. La scultura classica è consapevole che ad ogni movimento del corpo ne corrisponde un altro e cerca il più possibile di rendere questo movimento. L'Efebo appartiene allo Stile Severo, in cui le statue perdono il sorriso…

A questo punto, puoi iniziare a lavorare su un’altra variante della Posizione della Locusta coinvolgendo gambe e pelvi. Sdraiati sulla pancia. Solleva leggermente la gamba destra e distendila il più possibile e poi riabbassala. Fai lo stesso con la sinistra. Apri le dita dei piedi e premi il collo del piede a terra. Porta la parte anteriore della pelvi al pavimento: ti evita di inarcare la zona dell’osso sacro. Con la fronte sul tappetino, abbandona le braccia lungo il corpo, tenendo i palmi…

A questo punto, puoi iniziare a lavorare su un’altra variante della Posizione della Locusta coinvolgendo gambe e pelvi. Sdraiati sulla pancia. Solleva leggermente la gamba destra e distendila il più possibile e poi riabbassala. Fai lo stesso con la sinistra. Apri le dita dei piedi e premi il collo del piede a terra. Porta la parte anteriore della pelvi al pavimento: ti evita di inarcare la zona dell’osso sacro. Con la fronte sul tappetino, abbandona le braccia lungo il corpo, tenendo i palmi…

Mettiti nella posizione del plank (come se dovessi fare una flessione) e con le spalle perpendicolari ai polsi e le punte dei piedi sulla palla. Solleva la gamba destra e allontanala dalla palla. Con le dita del piede tocca a terra, a destra della palla stessa. Rimetti il piede sulla palla e tocca terra con le punte del piede sinistro, a sinistra della palla. Riporta il piede sulla palla per completare il movimento.

Mettiti nella posizione del plank (come se dovessi fare una flessione) e con le spalle perpendicolari ai polsi e le punte dei piedi sulla palla. Solleva la gamba destra e allontanala dalla palla. Con le dita del piede tocca a terra, a destra della palla stessa. Rimetti il piede sulla palla e tocca terra con le punte del piede sinistro, a sinistra della palla. Riporta il piede sulla palla per completare il movimento.

"Il museo postale"  Con le sue ricche collezioni di francobolli, il Museo postale (Poštovní muzeum) si trova in un antico mulino, l’unico sopravvissuto a Praga, che sfuggì alla distruzione forse grazie agli straordinari interni in stile neo-Rococò. L’edificio, chiamato anche Vávruv mlýn (molino Vávra), ricostruito in stile Barocco e Classico su fondamenta rinascimentali, possiede bellissimi affreschi. Fu il mugnaio V. Michalovic, nel 1847, a chiedere all’amico Josef Návrátil, un celebre…

Meraviglie Art Nouveau e segreti alchemici: alla scoperta di una Praga inedita

"Il museo postale" Con le sue ricche collezioni di francobolli, il Museo postale (Poštovní muzeum) si trova in un antico mulino, l’unico sopravvissuto a Praga, che sfuggì alla distruzione forse grazie agli straordinari interni in stile neo-Rococò. L’edificio, chiamato anche Vávruv mlýn (molino Vávra), ricostruito in stile Barocco e Classico su fondamenta rinascimentali, possiede bellissimi affreschi. Fu il mugnaio V. Michalovic, nel 1847, a chiedere all’amico Josef Návrátil, un celebre…

"Un bar creativo"  Lungo la Moldava, nel quartiere di Trója, un gestore piuttosto creativo ha avuto l’idea brillante di costruire un enorme e sorprendente cavallo di legno, replica del famoso cavallo di Troia, con dentro un bar. All’interno si trova un bistrot che propone una carta dei vini per la maggior parte provenienti dai vigneti locali, ed è anche galleria d’arte.

Meraviglie Art Nouveau e segreti alchemici: alla scoperta di una Praga inedita

"Un bar creativo" Lungo la Moldava, nel quartiere di Trója, un gestore piuttosto creativo ha avuto l’idea brillante di costruire un enorme e sorprendente cavallo di legno, replica del famoso cavallo di Troia, con dentro un bar. All’interno si trova un bistrot che propone una carta dei vini per la maggior parte provenienti dai vigneti locali, ed è anche galleria d’arte.

"Gli affreschi della chiesa di San Gabriele"

Meraviglie Art Nouveau e segreti alchemici: alla scoperta di una Praga inedita

"Gli affreschi della chiesa di San Gabriele"

"L'antico forno da calce"  All’estremità occidentale del villaggio di Velká Chuchle, in direzione di Slivenec, si trovano gli antichi forni da calce costruiti nel 1890 dal professor J. Pacold, rettore dell’Università Tecnica ceca. Questi forni erano tecnicamente straordinari poiché in grado di trattare il calcare non selezionato, estratto da una vicina cava. I forni da calce tradizionali, in effetti, sono circolari e trattano unicamente calcare già selezionato. Prima della Seconda Guerra…

Meraviglie Art Nouveau e segreti alchemici: alla scoperta di una Praga inedita

"L'antico forno da calce" All’estremità occidentale del villaggio di Velká Chuchle, in direzione di Slivenec, si trovano gli antichi forni da calce costruiti nel 1890 dal professor J. Pacold, rettore dell’Università Tecnica ceca. Questi forni erano tecnicamente straordinari poiché in grado di trattare il calcare non selezionato, estratto da una vicina cava. I forni da calce tradizionali, in effetti, sono circolari e trattano unicamente calcare già selezionato. Prima della Seconda Guerra…

Pinterest
Cerca