Pinterest • il catalogo mondiale delle idee

MONTASIO DOP il nome deriva dall'omonimo rilievo delle Alpi Giulie, ancora oggi caratterizzato da splendidi e ricchi pascoli sfruttati da tempi remotissimi. La tecnica di produzione di questo formaggio, documentata da scritti dell'epoca, risale alla metà del XIII secolo e viene attribuita ad uno sconosciuto monaco dell'abbazia di Moggio. In quei tempi l'intero territorio delle malghe del Montasio era infatti appannaggio di tale monastero, nei cui terreni era praticato soprattutto…

FORMAI DE MUT DOP - "Nda’ al mut" dicevano i pastori della Val Brembana quando con l’arrivo dell’estate conducevano il bestiame in alpeggio. Lo dicono ancora, per esprimere la volontà di mantenere tradizioni secolari in un formaggio di montagna oggi tutelato con un marchio DOP. Il Formi de Mut è un formaggio grasso a pasta semicotta prodotto con latte vaccino. Ha una pasta compatta di colore avorio con occhiatura diffusa detta occhio di pernice. Il sapore è delicato, non piccante e poco…

Asiago DOP Il luogo di origine di questo famoso formaggio è l'altopiano di Asiago (o dei Sette Comuni)

BAGÒSS DI BAGOLINO - Il nome di questo pregiato e raro formaggio deriva dal luogo di provenienza. "Bagòss" = "di Bagolino", un antico paese della valle del Caffaro, in provincia di Brescia. È un formaggio esclusivo: dal 1500 la qualità e le caratteristiche organolettiche sono rimaste le stesse, la sua fama ha varcato i confini nazionali, ottenendo importanti riconoscimenti e divenendo un efficace mezzo di promozione per tutta la Valle del Caffaro. La materia prima è il latte crudo vaccino…

RICOTTA DI BUFALA CAMPANA DOP - Plinio il Vecchio citava questo latticino nel Naturalis Historia. Della Ricotta di Bufala si parlava anche nella metà del 1800, quando veniva avvolta in piccole pezze di canapa, attraverso gesti umani tramandati di generazione in generazione. Achille Bruni, professore della Regia Università di Napoli, nel 1859, scriveva: “Munto il latte e versato in tinozza, vi si mette il caglio di capretto; e dopo di essersi rappreso con la spatola di legno si taglia a pezzi…

PROVOLONE DEL MONACO DOP - è un formaggio di particolare pregio, con un prezzo di vendita abbastanza elevato, che può variare a seconda della lunghezza dei tempi di affinatura, ma che per le sue particolari caratteristiche riesce a conferire alle pietanze un sapore fuori del comune. Un esempio è dato dalla ricetta della “pasta e patate”, pietanza di origine povera che con l'aggiunta anche di un minimo quantitativo di Provolone del Monaco, sia grattugiato che in sottili scaglie, la fa…

RICOTTA DI BUFALA CAMPANA DOP - Le peculiarità della “Ricotta di Bufala Campana”, sono strettamente determinate dalla qualità delle materie prime: siero, panna fresca di siero e latte di bufala che, soltanto se prodotte nell’areale di produzione, possono vantare caratteristiche superiori rispetto a quelle ottenute in altre zone. Le caratteristiche orografiche, geopedologiche e macroclimatiche dell’area delimitata sono i fattori che più di ogni altro contribuiscono a conferire alle essenze…

TOSELA DEL PRIMiERO - Si tratta di un formaggio fresco (una cagliata) tipico di Primiero, che va consumato entro 2-3 giorni dalla produzione. Viene prodotto con latte vaccino appena munto, in modo che resti intatta tutta la fragranza delle erbe dei pascoli di montagna conservando l’ aroma del latte. La tradizione la propone tagliata a fette alte circa un dito, rosolata nel burro e servita in abbinamento con polenta e lucanica trentina.

PECORINO DEI MONTI DELLA LAGA P.A.T. Formaggio grasso, di media o lunga stagionatura, a pasta dura Formaggio prodotto nella provincia di Rieti con latte di pecora e un’inferiore dose di latte di capra. È presente fin dagli anni Settanta in tutti i negozi della zona che vendono prodotti tipici.

MONTASIO D.O.P. Formaggio grasso, di breve, media o lunga stagionatura, a pasta semidura o dura. Prodotto in due regioni, Friuli Venezia Giulia e Veneto, con latte di vacca. Caratterizzato da quattro tipologie: Fresco, Semistagionato, Stagionato, Stravecchio. Contraddistinto come “prodotto di montagna", presenta intensità aromatiche medio elevate in funzione del periodo di stagionatura.