Sia per proteggersi dal freddo, sia a scopo cerimoniale, i nativi americani usavano grandi mantelli. Nel subartico orientale erano utilizzate a questo scopo: o pellicce di grandi animali (orso, bisonte americano delle foreste), o di piccoli (lepre, castoro,…) ridotte in stringhe e quindi intrecciate come stuoie e in seguito si diffusero a tale scopo coperte di lana commerciali.

Sia per proteggersi dal freddo, sia a scopo cerimoniale, i nativi americani usavano grandi mantelli. Nel subartico orientale erano utilizzate a questo scopo: o pellicce di grandi animali (orso, bisonte americano delle foreste), o di piccoli (lepre, castoro,…) ridotte in stringhe e quindi intrecciate come stuoie e in seguito si diffusero a tale scopo coperte di lana commerciali.

Sia per proteggersi dal freddo, sia a scopo cerimoniale, i nativi americani usavano grandi mantelli. Nelle woodlands nordorientali erano utilizzate a questo scopo: o pellicce di grandi animali (orso, bisonte americano delle foreste), o di piccoli (lepre, castoro, procione…) cucite insieme o ridotte in stringhe e quindi intrecciate come stuoie. Furono in seguito sostituite da coperte commerciali.

Sia per proteggersi dal freddo, sia a scopo cerimoniale, i nativi americani usavano grandi mantelli. Nelle woodlands nordorientali erano utilizzate a questo scopo: o pellicce di grandi animali (orso, bisonte americano delle foreste), o di piccoli (lepre, castoro, procione…) cucite insieme o ridotte in stringhe e quindi intrecciate come stuoie. Furono in seguito sostituite da coperte commerciali.

La caccia aveva un ruolo di primaria importanza per queste popolazioni che risiedevano in un territorio coperto da ricche foreste al limite della tundra. Si usavano vari tipi di trappole e richiami.

La caccia aveva un ruolo di primaria importanza per queste popolazioni che risiedevano in un territorio coperto da ricche foreste al limite della tundra. Si usavano vari tipi di trappole e richiami.

Per trasportare i propri effetti sulla neve, le popolazioni del subartico, utilizzavano il toboga. Quando un intero gruppo si metteva in marcia, tutti collaboravano al trasporto, anche i cani erano un valido ausilio durante gli spostamenti.

Per trasportare i propri effetti sulla neve, le popolazioni del subartico, utilizzavano il toboga. Quando un intero gruppo si metteva in marcia, tutti collaboravano al trasporto, anche i cani erano un valido ausilio durante gli spostamenti.

In questa vasta area gli abiti tendono a essere via via più elaborati man mano che si procede verso nord. In queste 2 casacche, appartenenti ai Cree, sono evidenti forti influenze delle culture limitrofe (Grandi Laghi, e Praterie). Il taglio, le cuciture e le decorazioni sono molto meno sofisticati degli analoghi capi in uso presso le altre popolazioni Cree e Innu più settentrionali.

In questa vasta area gli abiti tendono a essere via via più elaborati man mano che si procede verso nord. In queste 2 casacche, appartenenti ai Cree, sono evidenti forti influenze delle culture limitrofe (Grandi Laghi, e Praterie). Il taglio, le cuciture e le decorazioni sono molto meno sofisticati degli analoghi capi in uso presso le altre popolazioni Cree e Innu più settentrionali.

Alcuni esempi di gambiere (leggings) usate dagli uomini del subartico. Erano delle lunghe ghette che servivano a proteggere le gambe. Venivano realizzate sia in pelle che con stoffe acquistate dai commercianti di pellicce.

Alcuni esempi di gambiere (leggings) usate dagli uomini del subartico. Erano delle lunghe ghette che servivano a proteggere le gambe. Venivano realizzate sia in pelle che con stoffe acquistate dai commercianti di pellicce.

Abiti femminili, con le maniche separate, erano tipici delle popolazioni del subartico orientale e delle regioni limitrofe. Potevano essere realizzati sia in pelle che confezionati con stoffe di lana commerciale. Nel modello più semplice il Side Fold One Hide Dress (Vestito fatto con una pelle piegata lateralmente ) la parte principale dell'indumento era realizzata utilizzando una sola pelle. Le donne Cree ai limiti delle praterie utilizzavano anche altri modelli d'abito.

Abiti femminili, con le maniche separate, erano tipici delle popolazioni del subartico orientale e delle regioni limitrofe. Potevano essere realizzati sia in pelle che confezionati con stoffe di lana commerciale. Nel modello più semplice il Side Fold One Hide Dress (Vestito fatto con una pelle piegata lateralmente ) la parte principale dell'indumento era realizzata utilizzando una sola pelle. Le donne Cree ai limiti delle praterie utilizzavano anche altri modelli d'abito.

I cappotti aperti anteriormente erano in voga in tutto il nordest e subartico orientale non solo tra i nativi ma anche tra i commercianti e gli esploratori europei. La tipologia dell'indumento potrebbe essere ispirata dalle divise militari. Certamente alcuni capi si sono arricchiti di motivi di origine europea quali: colletti, polsini, spalline

I cappotti aperti anteriormente erano in voga in tutto il nordest e subartico orientale non solo tra i nativi ma anche tra i commercianti e gli esploratori europei. La tipologia dell'indumento potrebbe essere ispirata dalle divise militari. Certamente alcuni capi si sono arricchiti di motivi di origine europea quali: colletti, polsini, spalline

Bambole del subartico orientale in questi manufatti si può notare l'evoluzione dell'abbigliamento presso queste popolazioni dal periodo precontatto a quello postcontatto. Come presso tutti i popoli della terra anche gli Algoquian subartici conoscevano numerosi giochi per passare il tempo. Molti di questi erano simili a quelli in uso presso i popoli limitrofi, altri erano di derivazione europea.

Bambole del subartico orientale in questi manufatti si può notare l'evoluzione dell'abbigliamento presso queste popolazioni dal periodo precontatto a quello postcontatto. Come presso tutti i popoli della terra anche gli Algoquian subartici conoscevano numerosi giochi per passare il tempo. Molti di questi erano simili a quelli in uso presso i popoli limitrofi, altri erano di derivazione europea.

Queste borse chiamate octopussy bag non sono specifiche di una popolazione, sono diffuse infatti su una vasta area del Nord America, probabilmente a opera dei commercianti di pellicce.

Queste borse chiamate octopussy bag non sono specifiche di una popolazione, sono diffuse infatti su una vasta area del Nord America, probabilmente a opera dei commercianti di pellicce.

Pinterest
Cerca