Pinterest • il catalogo mondiale delle idee

Esistono diverse forme di perdita di capelli: nell'uomo, la forma più frequente è l'alopecia androgenetica, che colpisce l’80% degli individui di sesso maschile entro i 60 anni di età. In questo caso a giocare un ruolo determinante nel processo che porta all'alopecia androgenetica vi sono gli ormoni maschili, i cosiddetti androgeni. Leggi di più su: http://www.it.euroclinix.net/perdita-capelli.html

1
1

Sulla scia delle principali tendenze capelli in voga per questo 2016 si vedono trionfare tra i tagli corti i pixie cut ed i caschetti corti con ciocche sfilati. Look androgeni stile mannish e boyis…

CUTE&CAPELLI LOZIONE ANTICADUTA Promuove l’attività di ricrescita. Importanti e preziosi principi attivi naturali agiscono in sinergia contro gli iso-enzimi I e II della “5-alfa- reduttasi”, responsabili della formazione del diidrostestosterone, bloccando i recettori androgeni e stimolando la ricrescita del capello. Non risciacquare e procedere all’ acconciatura abituale

La bellezza dei capelli parte anche dall’alimentazione. Ma quali sono i cibi che fanno bene ai capelli? Inserendo alcuni alimenti nella vostra dieta, sicuramente la vostra chioma ne risentirà positivamente. Scopriamoli insieme! CARNE ROSSA -Secondo alcuni studi evita la calvizie grazie alla presenza di ferro. Va bene anche macinata, ma deve essere presente in tavola almeno una volta a settimana. UOVA – Grazie alla biotina presente al loro interno, favoriscono la crescita del capello…

Tra i sintomi che si manifestano in caso di malattie veneree ve ne sono alcuni molto comuni che possono aiutare nella diagnosi tempestiva della condizione. Leggi di più su: http://www.it.euroclinix.net/sintomi-malattie-veneree.html#ixzz2E5ug39oo

L’aria che respiriamo tra le mura domestiche può arrivare ad essere tre volte più nociva di quella che inaliamo per strada. Questo è quanto emerge da uno studio dell’Università di Sheffield (Gran Bretagna). Complice l’uso di forni, cucina a gas, deodoranti e detersivi, i livelli di monossido di carbonio e altri gas dannosi che a volte possono essere tre volte superiore ai limiti concessi dai governi per l’ambiente esterno.

La ricerca ha dimostrato che gli uomini che sviluppano una dipendenza dal fumo hanno il doppio delle probabilità di sperimentare delle difficoltà di erezione rispetto agli uomini che non fumano.

1

PNEUMOCOCCO: alcune persone sono più a rischio di contrarre infezioni da pneumococco. In particolare risultano più vulnerabili: • Adulti sopra i 65 anni • Bambini nel primo anno di vita • Persone con patologie croniche • Soggetti con sistema immunitario indebolito

1

Probabilmente l'aumento dei casi di #diabete è dovuto, tra le altre cose, anche all'esposizione continua a sostanze chimiche presenti nell'ambiente. In particolare, ad esser posto sotto accusa è il tolifluanide, un fungicida capace di creare insulinoresistenza.