Pinterest • il catalogo mondiale delle idee

La Fine è il mio Inizio - Tiziano Terzani ("The end is my beginning")

5
2

A 3d printed camera with one awesome feature

1

La banalità del male, Hanna Arendt, Feltrinelli

7
1

"la forza del breve romanzo è nell’ampio teatro di rimandi letterari e cinematografici che mette a disposizione: nei riferimenti espliciti e meno espliciti a film e libri e opere (...) nelle tonalità bibliche che accompagnano l’emergenza, dal fiume sotterraneo della coscienza, di fatti e associazioni mentali; la sua energia, infine, è nel miracoloso impasto immaginifico e linguistico che ne consegue. L’impianto drammatico si sposa bene con l’intento ironico alla maniera di Kafka e di…

da La Cultura del Bloggo

Le figlie della crisi: Il Gruppo di Mary McCarthy

L'anno scorso sotto Natale è uscito un film su Hannah Arendt, ambientato nel periodo in cui la filosofa, suggestionata dal processo Eichmann ha scritto “La banalità del male”. Anche nel caso vi fos...

"uno stato di banalità elevata" #essivivono #theylive #carpenter

1

le uniche persone che esistono per me sono i #pazzi, i pazzi di voglia di #vivere, di parole, di salvezza, i pazzi del tutto e subito, quelli che non sbagliano mai e non dicono mai banalità ma bruciano, bruciano come favolosi fuochi d'artificio gialli.. #ipsedixit #ipse #dixit #kerouac #cultstories #cult #stories #beatgeneration #ontheroad #sullastrada Cult Stories

1

Lo sguardo cinico e disincantato di una donna che adotta la ribellione come gesto osceno alla mancanza di amore e alle desolanti prospettive di una vita conforme alle regole della moderna banalità. Con finale a sorpresa.Le riprese sono state realizzate al Teatro "Cometa Off" di Testaccio, Roma, il 23 febbraio e il 10 aprile 2006. 2007 NOHAYBANDA FILM PRODS, ANDREAGATTINONICINEMA

da elasticamente

La casa degli spiriti, Isabel Allende

Barrabàs arrivò in famiglia per via mare, annotò la piccola Clara con la sua delicata calligrafia. Già allora aveva l'abitudine di scrivere le cose importanti e più tardi, quando rimase muta, scriveva anche le banalità, senza sospettare che, cinquant'anni dopo, i suoi quaderni mi sarebbero serviti per riscattare la memoria del passato, e per sopravvire al mio stesso terrore. - La casa degli spiriti (Inc.), Isabel Allende

2