Pinterest

Ricettacoli

8 Pin2 Follower
Per narrare ciò che si beve e che si mangia: ché non è solo la ricetta a fare la tavola. Libri per dare un senso alla gastronomia e alle sue evoluzioni: da un lato l'immaginazione, dall'altro la pratica, dall'altro ancora la storia.
"Quando intralciano i nostri piani e le nostre mappe ordinate del mondo, le piante diventano erbacce", dice l'erborista inglese Richard Mabey. Tuttavia queste erbacce possono rivelarsi molto di più di un intralcio, soprattutto se ci mettiamo a studiarle e a cucinarle. Ecco dunque un manuale, un prontuario, una storia delle piante che nascono spontaneamente dalla terra, e che si raccolgono senza il bisogno di coltivarle.

"Quando intralciano i nostri piani e le nostre mappe ordinate del mondo, le piante diventano erbacce", dice l'erborista inglese Richard Mabey. Tuttavia queste erbacce possono rivelarsi molto di più di un intralcio, soprattutto se ci mettiamo a studiarle e a cucinarle. Ecco dunque un manuale, un prontuario, una storia delle piante che nascono spontaneamente dalla terra, e che si raccolgono senza il bisogno di coltivarle.

Da quando anche i dietologi si sono arresi ai benefici apportati dalla teobromina, i libri sulla storia della cioccolata si sono succeduti a ritmo costante. Ma proviamo a ribaltare la prospettiva: invece di partire dai benefici fisici o dai piaceri del palato, partiamo dalla letteratura, e caliamoci in un immaginario di cioccolata narrata, vissuta, contemplata. Restiamo lì sulla soglia, a osservare, a nutrirci di antologie, prima di andare ad assaggiarla, quella cioccolata.

Da quando anche i dietologi si sono arresi ai benefici apportati dalla teobromina, i libri sulla storia della cioccolata si sono succeduti a ritmo costante. Ma proviamo a ribaltare la prospettiva: invece di partire dai benefici fisici o dai piaceri del palato, partiamo dalla letteratura, e caliamoci in un immaginario di cioccolata narrata, vissuta, contemplata. Restiamo lì sulla soglia, a osservare, a nutrirci di antologie, prima di andare ad assaggiarla, quella cioccolata.

Il Morellino di Scansano, vino ben noto, è bevuto, esportato, celebrato, apprezzato in una buona parte del mondo. Ma cosa si nasconde dietro la sua etichetta, il suo nome, il suo sapore? Che curiosità e che storie l'hanno portato a essere un prodotto così importante? Un'indagine nata sul campo e proseguita sui libri: guidato dal Morellino, l'autore racconta retroscena e avventure, storia antica e recente, mescolata con interviste, curiosità e aneddoti.

Il Morellino di Scansano, vino ben noto, è bevuto, esportato, celebrato, apprezzato in una buona parte del mondo. Ma cosa si nasconde dietro la sua etichetta, il suo nome, il suo sapore? Che curiosità e che storie l'hanno portato a essere un prodotto così importante? Un'indagine nata sul campo e proseguita sui libri: guidato dal Morellino, l'autore racconta retroscena e avventure, storia antica e recente, mescolata con interviste, curiosità e aneddoti.

Carlo Brizzi, marinaio dell'Isola del Giglio, se n'è andato lasciando ai posteri il suo ricettario, un quaderno fatti di appunti di cucina, compilato a mano nel corso degli anni, meticoloso e preciso. Crocevia d’esperienze salmastre, schiaffeggiate dal vento; tra navi da crociera e pescherecci a imparare la vita di mare e quella di cucina, questo quaderno porta in sé ricette che raccontano un uomo e un'isola, un mondo di mare profondo e affascinante.

Carlo Brizzi, marinaio dell'Isola del Giglio, se n'è andato lasciando ai posteri il suo ricettario, un quaderno fatti di appunti di cucina, compilato a mano nel corso degli anni, meticoloso e preciso. Crocevia d’esperienze salmastre, schiaffeggiate dal vento; tra navi da crociera e pescherecci a imparare la vita di mare e quella di cucina, questo quaderno porta in sé ricette che raccontano un uomo e un'isola, un mondo di mare profondo e affascinante.

Come può una raccolta di ricette trasformarsi in un’inchiesta sul campo?  Questo libro indaga un pesce misterioso, poco noto e la cui storia è ricca di risvolti interessanti, diffusissimo in tutta l’Italia eppure sempre meno presente sulle nostre tavole. Per quali motivi? Dalle migrazioni e le metamorfosi dell’anguilla, fino alla lavorazione del prodotto gastronomico, attraverso i racconti di persone che per lavoro o per diletto hanno a che fare con le anguille.

Come può una raccolta di ricette trasformarsi in un’inchiesta sul campo? Questo libro indaga un pesce misterioso, poco noto e la cui storia è ricca di risvolti interessanti, diffusissimo in tutta l’Italia eppure sempre meno presente sulle nostre tavole. Per quali motivi? Dalle migrazioni e le metamorfosi dell’anguilla, fino alla lavorazione del prodotto gastronomico, attraverso i racconti di persone che per lavoro o per diletto hanno a che fare con le anguille.

Le ricette di questo libro sono segrete perché sono state ‘rubate’ dall’autore ai suoi amici maremmani cacciatori e pescatori, alla sua mamma (ottima cuoca), spiata fin da piccolo quando si metteva ai fornelli, e ai suoi parenti siciliani che va a trovare almeno una volta all’anno. Il Moro cucina solo per gli amici, e non è stato facile convincerlo a lasciare alla memoria di tutti un patrimonio che fino a quel momento era stato tramandato soltanto per via orale.

Le ricette di questo libro sono segrete perché sono state ‘rubate’ dall’autore ai suoi amici maremmani cacciatori e pescatori, alla sua mamma (ottima cuoca), spiata fin da piccolo quando si metteva ai fornelli, e ai suoi parenti siciliani che va a trovare almeno una volta all’anno. Il Moro cucina solo per gli amici, e non è stato facile convincerlo a lasciare alla memoria di tutti un patrimonio che fino a quel momento era stato tramandato soltanto per via orale.

Un originale racconto-manuale-ricettario per conoscere davvero tutto sul celebre ungulato che popola le macchie di mezzo mondo. Con illustrazioni realizzate dall’autrice e ricette originali raccolte sul territorio.

Un originale racconto-manuale-ricettario per conoscere davvero tutto sul celebre ungulato che popola le macchie di mezzo mondo. Con illustrazioni realizzate dall’autrice e ricette originali raccolte sul territorio.

Per narrare ciò che si beve e che si mangia: ché non è solo la ricetta a fare la tavola. Libri per dare un senso alla gastronomia e alle sue evoluzioni: da un lato l'immaginazione, dall'altro la pratica, dall'altro ancora la storia.

Per narrare ciò che si beve e che si mangia: ché non è solo la ricetta a fare la tavola. Libri per dare un senso alla gastronomia e alle sue evoluzioni: da un lato l'immaginazione, dall'altro la pratica, dall'altro ancora la storia.