Pinterest • il catalogo mondiale delle idee

Sibilla Aleramo

8 Pin8 Follower

Enzo Montano: Psiche, e nulla possedevo, nulla! – Sibilla Aleram...

1

Aggiunto ai Pin da

enzomontano.blogspot.com

Gaudio l’amarti, illimitato gaudio credere al riso dei tuoi occhi, è vertigine ancora la certezza d’esser da te cantata, oh più tardi, negli anni non più miei, or che tremare la vita sento sul ciglio estremo… Sibilla Aleramo

Aggiunto ai Pin da

tiziana-laterradimezzo.tumblr.com

Nasceva oggi ad Alessandria, 14 agosto, nel 1876, la grande scrittrice e poetessa italiana Sibilla Aleramo, pseudonimo di Rina Faccio

Sibilla Aleramo anniversario: le sue frasi più celebri

comemisvesto.it

Jacopo Zucchi - Psiche scopre Amore, olio su tela, Roma Galleria Borghese Psiche, e nulla possedevo, nulla! – Sibilla Aleramo Psiche...

Aggiunto ai Pin da

enzomontano.blogspot.it

Il tuo saluto, la sera, gli occhi nell’ombra - dall’ombra, e taci, mi guardi, un minuto? - ferma ogni vena nel mondo, tacito aduni gli addii della sorte, la sera, con gli occhi nell’ombra, ardi? O piangi, ma forte ma forte un minuto nel cuore ogni vena mi ferma il tuo saluto, la sera. Sibilla Aleramo http://tiziana-laterradimezzo.blogspot.it

La Terra di Mezzo: il tuo saluto, la sera

tiziana-laterradimezzo.blogspot.com

Chiudo il tuo libro, snodo le mie trecce, o cuor selvaggio, musico cuore… con la tua vita intera sei nei miei canti come un addio a me. Smarrivamo gli occhi negli stessi cieli, meravigliati e violenti con stesso ritmo andavamo, liberi singhiozzando, senza mai vederci, né mai saperci, con notturni occhi. Or nei tuoi canti la tua vita intera è come un addio a me. Cuor selvaggio, musico cuore, chiudo il tuo libro, le mie trecce snodo. (Sibilla Aleramo a Dino Campana, Mugello)

Aggiunto ai Pin da

got-blogger.com

adorarvi non vale a possedervi, ardenti vertici vivi! Sibilla Aleramo http://tiziana-laterradimezzo.blogspot.it/

La Terra di Mezzo

tiziana-laterradimezzo.blogspot.it

Silenzio, tienmi le mani. Nessuno m’ha detto mai, da bimba, una favola bella. Guardavo le stelle, come te. Stanotte non ci saranno. Ci saremo noi, favole, stelle, cose lontane, irraggiungibili. Nessuno mai più ci coglierà, anche se crederà vederci, sentirci. Stelle. Tremo, mi guardo intorno, non vieni ancora, l’acqua scorreva… Sibilla Aleramo

Salvato da

Cri Maggio