Pinterest • il catalogo mondiale delle idee

Diane Cook “Un orto sul tetto” - maggio 2009 – Chicago // Nonostante la sua ormai lunga esperienza nel settore, Diane si innervosisce ancora al momento di sottoporre il suo lavoro ai photo editor. Ma recentemente si è sentita rinfrancata dall’applauso unanime di un’intera sala gremita di redattori, dopo la presentazione del servizio fotografico sui giardini notturni, realizzato con Len Jenshel e pubblicato su National Geographic nel 2013.

Aggiunto ai Pin da

organicauthority.com

.Mahatma Gandhi

Salvato da

Cri Maggio

Stephanie Sinclair “Troppo giovani per dire sì” - giugno 2011 – Hajjah, Yemen // La Sinclair ha riscosso un grande successo di critica per il suo lavoro sulle spose bambine e su altri temi legati ai diritti umani. «Anche davanti a una storia straziante – ha detto – dobbiamo mettere da parte il nostro ego e capire che la fotografia non riguarda noi e i nostri sentimenti in quanto fotografi, ma ciò che il soggetto sta vivendo.»

Aggiunto ai Pin da

huffingtonpost.com

Jodi Cobb “Amore” - febbraio 2006 – Firenze // Malgrado il successo di tanti suoi reportage, Jodi Cobb ha dovuto fare i conti con il fatto di essere una delle poche donne fotografe di National Geographic. «Ogni fibra del mio essere era infastidita da quella parola in più che mi identificava: donna. Era come se, oltre al mio lavoro, ne avessi da fare un altro: difendere il genere femminile.»

Aggiunto ai Pin da

huffingtonpost.com

Jodi Cobb “Un mondo di schiavi” - settembre 2003 – Mumbai // Nel 2003, Jodi Cobb ottiene ampi riconoscimenti con «Un mondo di schiavi», un reportage per National Geographic sul commercio di esseri umani. «Mi ci è voluto un anno per realizzarlo», racconta. «E un altro anno per riprendermi.»

Aggiunto ai Pin da

huffingtonpost.com

Beverly Joubert “Lezioni di caccia” - aprile 2007 - Chiefs Islands, delta dell’Okavango, Botswana // «L’Africa ha perso tra il 90 e il 95 per cento dei suoi leopard. Il nostro obiettivo è creare una consapevolezza che arresti il declino delle specie e contribuisca a ricreare zone di wilderness.» Molte delle sue immagini ritraggono l’aspetto rilassato dei predatori, che può essere colto solo se la fotografa ne conquista la fiducia.

Aggiunto ai Pin da

rd.com

Amy Toensing “ZIP USA: 07756” - agosto 2001 – Ocean Grove, New Jersey // Amy Toensing non ha mai smesso di gettare luce sull’umanità dei luoghi più diversi, dall’Australia alla Papuasia, dalla Nuova Guinea alla costa del New Jersey. Si prepara leggendo romanzi e prende contatto con i potenziali soggetti. Tutto il resto è puramente intuitivo. «Quello che riesco a pianificare in anticipo non è più del 10 per cento del mio lavoro. Il restante 90 per cento dipende dalla fortuna e dal caso.»

Salvato da

Cri Maggio

Amy Toensing “Quale colore? Vento di protesta a Portorico” - marzo 2003 – Utuado, Portorico // «L’essenza della fotografia è riversare nell’immagine ciò che hai nel cuore.» Quando cerca le immagini da riprendere, Amy Toensing pensa essenzialmente a tre cose: le relazioni, la storia e un elemento di bellezza. Poi aggiunge: «Per me il fattore tempo ha un ruolo importantissimo: tempo da trascorrere con le persone, tempo da dedicare alla storia.»

Aggiunto ai Pin da

huffingtonpost.com

Carolyn Drake “Un altro Tibet” - dicembre 2009 - Hotan, Xinjiang, Cina // Dal 2006 Drake si trasferisce a Istanbul e viaggia in Asia centrale, dove passa sei anni lavorando a un progetto che documenta le trasformazioni fisiche e sociali dell’area circostante due fiumi che, secondo la tradizione islamica, simboleggiano il paradiso.

Aggiunto ai Pin da

huffingtonpost.com

Carolyn Drake “Il ritorno degli sciamani” - dicembre 2012 - Talas, Kirghizistan // Con un’illustre carriera – che include premi Guggenheim e Fulbright – Carolyn Drake si sente in parte artista e in parte giornalista. «Faccio fotografie perché è un modo di imparare attraverso l’esperienza. Quando è qualcosa di fisico ed emotivo imparo di più.»

Aggiunto ai Pin da

pbs.org