Pinterest • il catalogo mondiale delle idee

Con la scusa del terrorismo ci tolgono i diritti Stefano Rodotà denuncia la deriva europea

Francia e Spagna hanno appena approvato due leggi che limitano la libertà di espressione e autorizzano la vigilanza di massa, mentre il caso Nsa continua a scatenare polemiche. Parla il giurista e già garante della privacy. Che punta il dito contro la politica

1

Google ora ti ascolta e registra la tua voce

Una community di sviluppatori smaschera l'ultimo aggiornamento del browser Chrome, che consente la ricerca vocale. Il motore di ricerca acquisisce un dato biometrico senza il nostro consenso, come prevederebbe il Garante. E scoppia il caso

Giornalismo: l'informazione sempre più controllata da poche aziende multinazionali

Realtà virtuale, notizie intelligenti, social network: lo scenario dell’informazione digitale si frammenta in forme diverse e offre contenitori inediti ed esperienze sempre più ricche. Al centro del cambiamento, le grandi piattaforme della rete. Mentre editori e testate stentano a trovare un'identità

Controlli a distanza: il lavoratore al guinzaglio

Napoli: come sarà la nuova città della Scienza

Si prosegue con la seconda fase della progettazione per ricostruire del polo della scienza distrutto da un incendio nel 2013. Abbiamo incontrato il team d'architettura che farà rinascere Coroglio

Diritto all'oblio, Google dice no all'Europa

Un nuovo caso inglese riporta alla ribalta lo scontro tra il diritto europeo e la realtà economica e transnazionale che governa Internet. Google ha rifiutato di rimuovere alcuni link dal motore di ricerca, mettendo in luce come sia contraddittorio affidare a una società privata il ruolo di arbitro della nostra privacy

Il giornalismo oltre le notizie

C'è un gran parlare, molto rumore, sui pericoli che le piattaforme e le tecnologie costituirebbero per il giornalismo. Fuffa. E vi spiego il perchè.

Basta con i click: al Financial Times si misura il tempo

Le aziende potranno quindi pagare la loro pubblicità sul Financial Times non più sul numero di visualizzazioni che il loro banner ha ricevuto, ma per il tempo che è stato visualizzato, risolvendo quindi quello che era diventato un problema serio nella valutazione della efficacia della pubblicità

Diritto all’oblio: 80 Accademici scrivono una lettera ma sbagliano destinatario

Gli articoli dei giornali direttamente su Facebook: il video