Basta marciapiedi e semafori. Avanti con le strade libere senza strisce pedonali, niente cartelli o spartitraffico. Un pericolo, si dirà: invece no. Rimuovi le barriere tra pedoni e auto e avrai strade più sicure: è l’idea alla base delle «shared streets», le strade condivise. A Londra, Washington, Auckland (Nuova Zelanda), ma anche in piccole città come Drachten in Olanda e Bohmte in Germania stanno spuntando i primi esempi.

Basta marciapiedi e semafori. Avanti con le strade libere senza strisce pedonali, niente cartelli o spartitraffico. Un pericolo, si dirà: invece no. Rimuovi le barriere tra pedoni e auto e avrai strade più sicure: è l’idea alla base delle «shared streets», le strade condivise. A Londra, Washington, Auckland (Nuova Zelanda), ma anche in piccole città come Drachten in Olanda e Bohmte in Germania stanno spuntando i primi esempi.

pin 1
È la prima volta che succede in 40 anni: tra le altre cose c'entrano le nuove politiche sulle energie rinnovabili adottate dalla Cina

È la prima volta che succede in 40 anni: tra le altre cose c'entrano le nuove politiche sulle energie rinnovabili adottate dalla Cina

pin 1
Wired.it ha mappato le chef stellate d’Italia, una specie che la nuova Guida Michelin 2015 certifica come sempre più rara in Italia (solo il 12,2% sono donne!).

Wired.it ha mappato le chef stellate d’Italia, una specie che la nuova Guida Michelin 2015 certifica come sempre più rara in Italia (solo il 12,2% sono donne!).

A Forlì è nato il Fab Lab. Il nome è l’abbreviazione di Fabrication Laboratory. Essenzialmente, un FabLab è un insieme di strumenti e processi, un laboratorio appunto, dove tutto può essere pensato e realizzato.

A Forlì è nato il Fab Lab. Il nome è l’abbreviazione di Fabrication Laboratory. Essenzialmente, un FabLab è un insieme di strumenti e processi, un laboratorio appunto, dove tutto può essere pensato e realizzato.

L’anatomia dello spettatore tv è mutata notevolmente nell’ultimo decennio a causa della crescita eccezionale del video online, e non sembra fermarsi. A livello globale, il traffico video su IP rappresenterà il 79% di tutto il traffico consumer su internet nel 2018, con un aumento del 66% rispetto al 2013.

L’anatomia dello spettatore tv è mutata notevolmente nell’ultimo decennio a causa della crescita eccezionale del video online, e non sembra fermarsi. A livello globale, il traffico video su IP rappresenterà il 79% di tutto il traffico consumer su internet nel 2018, con un aumento del 66% rispetto al 2013.

Sapete quali sono le Parole più cercate su google del 2014?  Ci da la risposta lo stesso google attraverso un'emozionante video che ripercorre il 2014 visto attraverso il motore di ricerca più utilizzato al mondo.

Sapete quali sono le Parole più cercate su google del 2014? Ci da la risposta lo stesso google attraverso un'emozionante video che ripercorre il 2014 visto attraverso il motore di ricerca più utilizzato al mondo.

Gli arrampicatori statunitensi Tommy Caldwell e Kevin Jorgeson sono arrivati in cima alla Dawn Wall, un muro quasi completamente liscio alto più di 900 metri sulla montagna di El Capitan (alta 2307 metri), nel parco nazionale di Yosemite, che molti esperti considerano la scalata più difficile del mondo. La scalata è stata compiuta in 19 giorni: Caldwell e Jorgeson sono partiti il 27 dicembre e sono arrivati alle 15:25 locali di mercoledì 15 gennaio.

Gli arrampicatori statunitensi Tommy Caldwell e Kevin Jorgeson sono arrivati in cima alla Dawn Wall, un muro quasi completamente liscio alto più di 900 metri sulla montagna di El Capitan (alta 2307 metri), nel parco nazionale di Yosemite, che molti esperti considerano la scalata più difficile del mondo. La scalata è stata compiuta in 19 giorni: Caldwell e Jorgeson sono partiti il 27 dicembre e sono arrivati alle 15:25 locali di mercoledì 15 gennaio.

Prenotare ora per essere al centro dei fatti da qui a dicembre. I luoghi e le date che faranno il 2015. Dal reggae all’eclissi, dall'arte allo sport...

Prenotare ora per essere al centro dei fatti da qui a dicembre. I luoghi e le date che faranno il 2015. Dal reggae all’eclissi, dall'arte allo sport...

«Quella che sta per arrivare è molto probabilmente la più grande tempesta di neve della storia di New York, una cosa mai vista». Bill de Blasio, sindaco di New York, mette sull’avviso i suoi concittadini ma li rassicura affermando che tutto è pronto per affrontare il maltempo atteso per le prossime ore.

«Quella che sta per arrivare è molto probabilmente la più grande tempesta di neve della storia di New York, una cosa mai vista». Bill de Blasio, sindaco di New York, mette sull’avviso i suoi concittadini ma li rassicura affermando che tutto è pronto per affrontare il maltempo atteso per le prossime ore.

Nel 1947, poco dopo la fine della Seconda guerra mondiale, un gruppo di scienziati del Bulletin of the Atomic Scientists, una rivista statunitense che si occupa di sicurezza globale e politica internazionale, crea il doomsday clock, l’orologio dell’apocalisse. L’orologio è un simbolo (non esiste veramente, non più almeno) di quanto l’umanità sia vicina all’estinzione. Tanto più le sue lancette sono vicine alla mezzanotte, tanto più siamo a rischio.

Nel 1947, poco dopo la fine della Seconda guerra mondiale, un gruppo di scienziati del Bulletin of the Atomic Scientists, una rivista statunitense che si occupa di sicurezza globale e politica internazionale, crea il doomsday clock, l’orologio dell’apocalisse. L’orologio è un simbolo (non esiste veramente, non più almeno) di quanto l’umanità sia vicina all’estinzione. Tanto più le sue lancette sono vicine alla mezzanotte, tanto più siamo a rischio.

Pinterest • il catalogo mondiale delle idee
Search