Camorra: i comuni dei Casalesi

Casal di Principe, Castel Volturno, Casapesenna, San Cipriano d'Aversa. Le terre dove i Casalesi sono diventati lo Stato.
Nel pc del boss casalese l'interesse per i politici

Nel pc del boss casalese l'interesse per i politici

Il Principe e la scheda ballerina: ecco tutte le condanne

Il Principe e la scheda ballerina: ecco tutte le condanne

Appalti alla camorra, arrestato il sindaco di Battipaglia

Appalti alla camorra, arrestato il sindaco di Battipaglia

Stanato il camorrista di underworld: arrestato Di Caterino, viveva dietro il box doccia - Il Sole 24 ORE

Stanato il camorrista di underworld: arrestato Di Caterino, viveva dietro il box doccia - Il Sole 24 ORE

A Giugliano i militari Nato abitano (e pagano l’affitto) nelle case della camorra

A Giugliano i militari Nato abitano (e pagano l’affitto) nelle case della camorra

Un'inchiesta dell'antimafia di Napoli svela la facilità con cui i clan del cartello camorristico reclutano nuove leve per rimpiazzare gli arrestati. Il caso del rapinatore che diventa boss e quello del boss che diventa imprenditore. Nuovo arresto per il padrino Carmine Caterino

Un'inchiesta dell'antimafia di Napoli svela la facilità con cui i clan del cartello camorristico reclutano nuove leve per rimpiazzare gli arrestati. Il caso del rapinatore che diventa boss e quello del boss che diventa imprenditore. Nuovo arresto per il padrino Carmine Caterino

In manette Emanuele Libero e Ivanhoe Schiavone, erano a capo del "racket della pubblicità": un gruppo di ventenni che ha imposto ai commercianti di Casal di Principe e dei comuni vicini la sottoscrizione di contratti di acquisto di gadget in occasione delle festività natalizie del 2011. La Finanza di Napoli ha confiscato una villa e beni per un 1,5 milioni di euro ad un altro figlio del boss

Racket su gadget pubblicitari arrestati i figli di "Sandokan" - Napoli - Repubblica.it

In manette Emanuele Libero e Ivanhoe Schiavone, erano a capo del "racket della pubblicità": un gruppo di ventenni che ha imposto ai commercianti di Casal di Principe e dei comuni vicini la sottoscrizione di contratti di acquisto di gadget in occasione delle festività natalizie del 2011. La Finanza di Napoli ha confiscato una villa e beni per un 1,5 milioni di euro ad un altro figlio del boss

la Guardia di finanza di Napoli ha confiscato a Casal di Principe, una villa e beni di Nicola Schiavone, figlio di "Sandokan", per un valore di 1,5 milioni di euro. L'abitazione è classificata come popolare (A/4), mentre nella realtà risulta di tipo signorile (A/1) considerato il lusso delle rifiniture. La residenza si estende su più livelli per una superficie totale di oltre 290 metri quadrati, ed è composta da tre camere da letto, cinque bagni, un grande ambiente destinato a pranzo e…

Racket su gadget pubblicitari arrestati i figli di "Sandokan" - Napoli - Repubblica.it

la Guardia di finanza di Napoli ha confiscato a Casal di Principe, una villa e beni di Nicola Schiavone, figlio di "Sandokan", per un valore di 1,5 milioni di euro. L'abitazione è classificata come popolare (A/4), mentre nella realtà risulta di tipo signorile (A/1) considerato il lusso delle rifiniture. La residenza si estende su più livelli per una superficie totale di oltre 290 metri quadrati, ed è composta da tre camere da letto, cinque bagni, un grande ambiente destinato a pranzo e…

Processo all'ex sindaco di San Cipriano. Martinelli: «Il Pdl mi chiese di restare»

Processo all'ex sindaco di San Cipriano. Martinelli: «Il Pdl mi chiese di restare»

Un patto di ferro tra camorra e politica per spartirsi gli affari a Castelvolturno  Per oltre dieci anni gli amministratotri hanno favorito gli interessi dei boss casalesi. Tra gli indagati anche vigili urbani . In totale sono 42

Un patto di ferro tra camorra e politica per spartirsi gli affari a Castelvolturno Per oltre dieci anni gli amministratotri hanno favorito gli interessi dei boss casalesi. Tra gli indagati anche vigili urbani . In totale sono 42

Pinterest
Cerca