Italia in Pin Umbria - Corciano

Comune di Corciano / Sindaco: Cristian Betti Comune in amministrazione straordinaria/ Altitudine: 408 m s.l.m. / Superficie: 63,69 km² / Abitanti: 21.088 / Densità: 331,1 ab./km² / Frazioni: Capocavallo, Castelvieto, Chiugiana (con finalità statistiche identificata talvolta come Chiugiana-La Commenda e, nell'uso comune, come Ellera), Mantignana, Migiana, San Mariano, Solomeo/ Comuni confinanti: Magione, Perugia / Cod. postale: 06073 / Nome abitanti: Corcianesi / Patrono: San Michele
8 Pin32 Follower
La toponomastica del centro storico di Corciano ci ricorda ancora oggi la tradizione artigiana, che un tempo animava le strade con botteghe di vario tipo. In Via Fusaiola vi abitavano un tempo filatori e tessitori della lana.

La toponomastica del centro storico di Corciano ci ricorda ancora oggi la tradizione artigiana, che un tempo animava le strade con botteghe di vario tipo. In Via Fusaiola vi abitavano un tempo filatori e tessitori della lana.

La Chiesa di Santa Maria Assunta fu costruita a metà del XIII secolo. Sebbene la ristrutturazione del 1800 abbia lasciato ben poco dello stile originale al suo interno custodisce due importanti tesori: "La Pala dell'Assunta" (1512-1513) considerata tra le migliori opere della tarda produzione de Il Perugino e Il Gonfalone di Benedetto Bonfigli (1472).

La Chiesa di Santa Maria Assunta fu costruita a metà del XIII secolo. Sebbene la ristrutturazione del 1800 abbia lasciato ben poco dello stile originale al suo interno custodisce due importanti tesori: "La Pala dell'Assunta" (1512-1513) considerata tra le migliori opere della tarda produzione de Il Perugino e Il Gonfalone di Benedetto Bonfigli (1472).

Una sorprendente scoperta: la bottega del Prof. Magnini, in Via del Moro. Qui il Prof. ogni giorno fissa nella terracotta un pezzo di storia del borgo: i muri della sua casa-bottega ne sono teppezzati... un modo diverso per conoscere alcune curiosità sul borgo. Vale la pena dare un'occhiata.

Una sorprendente scoperta: la bottega del Prof. Magnini, in Via del Moro. Qui il Prof. ogni giorno fissa nella terracotta un pezzo di storia del borgo: i muri della sua casa-bottega ne sono teppezzati... un modo diverso per conoscere alcune curiosità sul borgo. Vale la pena dare un'occhiata.

Lo direste mai che dietro questa porticina si trova uno dei musei più importanti di Corciano? Al n.16 di Via Tarragone c'è Il Museo della Casa Contadina. Suddiviso in 4 ambienti domestici (cucina, camera, granaio, fondo-stalla) ripropone una fedele ricostruzione dello stile di vita dei Corcianesi prima dell'industrializzazione. Per visitare il museo occorre aspettare le festività o approfittare delle manifestazioni locali, come "La Primavera di Corciano" (quest'anno dal 25 aprile al 4…

Lo direste mai che dietro questa porticina si trova uno dei musei più importanti di Corciano? Al n.16 di Via Tarragone c'è Il Museo della Casa Contadina. Suddiviso in 4 ambienti domestici (cucina, camera, granaio, fondo-stalla) ripropone una fedele ricostruzione dello stile di vita dei Corcianesi prima dell'industrializzazione. Per visitare il museo occorre aspettare le festività o approfittare delle manifestazioni locali, come "La Primavera di Corciano" (quest'anno dal 25 aprile al 4…

Vi ricordate le tre ipotesi sulle origini del nome di Corciano? Bhè, sembrerebbe che i Corcianesi siano più propensi a pensare che la città debba la sua fondazione a Coragino, tanto hanno deciso di dedicargli una piazza. La leggenda vuole che il personaggio omerico, dopo la distruzione di Troia, arrivato in Italia, scoprì un colle ricco d'acqua, selvaggina e vegetazione. Il luogo ideale, insomma, in cui iniziare una nuova vita!

Vi ricordate le tre ipotesi sulle origini del nome di Corciano? Bhè, sembrerebbe che i Corcianesi siano più propensi a pensare che la città debba la sua fondazione a Coragino, tanto hanno deciso di dedicargli una piazza. La leggenda vuole che il personaggio omerico, dopo la distruzione di Troia, arrivato in Italia, scoprì un colle ricco d'acqua, selvaggina e vegetazione. Il luogo ideale, insomma, in cui iniziare una nuova vita!

Coraggio, ancora qualche scalino e sarete ufficialmente entrati dentro Corciano! Se siete arrivati fino a qui, infatti, avete varcato solo la più esterna  (lunga quasi 1 km) delle due cinte murarie che cingono Corciano. La seconda cinta, interna, è stata incorporata via via nei palazzi e nelle case. Questo è uno dei pochi punti in cui è ancora visibile: l'Arco della Vittoria. L'arco prende il nome dalla vittoria ottenuta dall'esercito corcianese e perugino contro Todi nel 1310 a Monte…

Coraggio, ancora qualche scalino e sarete ufficialmente entrati dentro Corciano! Se siete arrivati fino a qui, infatti, avete varcato solo la più esterna (lunga quasi 1 km) delle due cinte murarie che cingono Corciano. La seconda cinta, interna, è stata incorporata via via nei palazzi e nelle case. Questo è uno dei pochi punti in cui è ancora visibile: l'Arco della Vittoria. L'arco prende il nome dalla vittoria ottenuta dall'esercito corcianese e perugino contro Todi nel 1310 a Monte…

Uno degli accessi più suggestivi di Corciano è sicuramente Porta Santa Maria. L'adiacente Torrione del 1482 ci fa capire come la funzione difensiva fosse di strategica importanza per questo borgo medievale. Non lasciatevi intimidire dai numerosi scalini... Corciano merita di essere vista!

Uno degli accessi più suggestivi di Corciano è sicuramente Porta Santa Maria. L'adiacente Torrione del 1482 ci fa capire come la funzione difensiva fosse di strategica importanza per questo borgo medievale. Non lasciatevi intimidire dai numerosi scalini... Corciano merita di essere vista!

Il Comune di Corciano, a 12 km da Perugia, è inserito tra i Borghi più Belli d'Italia. Sull'origine del nome ci sono varie teorie. Narra un'antica leggenda che Corciano sia sorta per opera di Coragino, compagno di Ulisse. Secondo alcuni storici, il nome deriva da Ciano Razzeano, figlio di Giano: da qui la tradizione popolare per cui "Corciano" significhi "cuore di Giano". La terza ipotesi è che il nome sia il risultato della corruzione di un personale romano "Curtius" o "Coricius".

Il Comune di Corciano, a 12 km da Perugia, è inserito tra i Borghi più Belli d'Italia. Sull'origine del nome ci sono varie teorie. Narra un'antica leggenda che Corciano sia sorta per opera di Coragino, compagno di Ulisse. Secondo alcuni storici, il nome deriva da Ciano Razzeano, figlio di Giano: da qui la tradizione popolare per cui "Corciano" significhi "cuore di Giano". La terza ipotesi è che il nome sia il risultato della corruzione di un personale romano "Curtius" o "Coricius".


Altre idee
Pinterest
Cerca