Pinterest • il catalogo mondiale delle idee

“Lo spazio che ‘possediamo’…una ‘casa’ nella casa”

"..i bambini, desiderano crearsi mondi in cui riconoscersi, esprimere la loro interiorità e la volontà di essere ed esistere...i bambini voglio possedere uno spazio, nel cuore delle persone come nei luoghi fisici che vivono...Creano i loro spazi esperenziali, di apprendimento e creatività, di socializzazione e di esclusività, sede di contatto con i fatti e gli eventi di ogni giorno, uno spazio dove tutto può essere osservato, toccato e sperimentato.."
4 Pin39 Follower

In un angolo di mondo In un giorno come questo Cammino per le strade Dove alla tarda ora mi confondo. Ascolto ed osservo il risveglio Di un chiasso urbano al profumo di lavanda di un orto lontano. Distanti campi assolati, di terre bagnate Ristagnano dell’acqua di ieri. Lucidi fiori, di rami ancora infreddoliti Chiacchierano, essiccati al sole. Lunghe strade ritorte, deserte e silenziose, portano al monte, dove alla luce inclinata del mezzogiorno talvolta mi raccolgo, in un angolo di mondo…

Salvato da

Alessandra Fanì

“Lo spazio che ‘possediamo’…una ‘casa’ nella casa”: Attraverso la loro “casa” si confrontano con le personali emozioni, in un luogo dell’immaginazione e della realtà in cui vengono a contatto con gli amici e gli adulti. “Uno spazio per l’anima”, fatto di fantasia, in cui sono anche soli, a volte, ma di una “solitudine che dà risposte sulla vita”.

“Lo spazio che ‘possediamo’…una ‘casa’ nella casa”

archilovers.com

“Lo spazio che ‘possediamo’…una ‘casa’ nella casa”: “trascendere i confini di tempo e spazio immediati e rappresentare diversi eventi simultaneamente”. Questo inizia quando “le azioni di routine e gli oggetti sono distaccati dai loro ruoli tipici e dalle loro funzioni ed usati in maniera a tipica, giocosa”.(Piaget)

“Lo spazio che ‘possediamo’…una ‘casa’ nella casa”

archilovers.com

“ La differenza tra il pensiero del bambino e quello dell’adulto è di tipo qualitativo ( il bambino non è un adulto in miniatura ma un individuo dotato di struttura propria) (…) che il concetto di intelligenza è strettamente legato al concetto di ‘adattamento all’ambiente’. L’intelligenza non è che un prolungamento del nostro adattamento biologico all’ambiente (…) la conoscenza del bambino si basa sull’interazione pratica del soggetto con l’oggetto”. (Piaget)

“Lo spazio che ‘possediamo’…una ‘casa’ nella casa”

archilovers.com