IV°A Carlo Jucci

IV°A Carlo Jucci

Classe IV°A del Liceo Scientifico Carlo Jucci. Scapigliatura Reatina
IV°A Carlo Jucci
Altre idee da IV°A Carlo Jucci
La Sala di Costantino, quarta e ultima Stanza dell'appartamento, venne commissionata a Raffaello da Leone X nel 1517, come ricorda Vasari nelle vite del Sanzio e di Giovan Francesco Penni. Il maestro però, negli ultimi frenetici anni di vita, fece in tempo solo a preparare i cartoni, morendo nel 1520. L'opera fu ultimata da Giulio Romano nel 1524.

La Sala di Costantino, quarta e ultima Stanza dell'appartamento, venne commissionata a Raffaello da Leone X nel 1517, come ricorda Vasari nelle vite del Sanzio e di Giovan Francesco Penni. Il maestro però, negli ultimi frenetici anni di vita, fece in tempo solo a preparare i cartoni, morendo nel 1520. L'opera fu ultimata da Giulio Romano nel 1524.

Raffaello Sanzio nasce ad Urbino nel 1483.Il suo apprendistato avviene a Perugia.A 21 anni si trasferisce a Firenze.Risale a questo periodo la serie delle Madonne col Bambino,uno dei soggetti a cui Raffaello è molto legato.A 25 anni a Roma affresca le Stanze papali,ispirandosi alle quattro facoltà delle università medievali:teologia,filosofia,poesia e giurisprudenza.Fu un architetto:lavora alla "Basilica di San Pietro".Raffaello muore nel 1520.Il suo corpo è conservato nel Pantheon,a Roma.

Raffaello Sanzio nasce ad Urbino nel 1483.Il suo apprendistato avviene a Perugia.A 21 anni si trasferisce a Firenze.Risale a questo periodo la serie delle Madonne col Bambino,uno dei soggetti a cui Raffaello è molto legato.A 25 anni a Roma affresca le Stanze papali,ispirandosi alle quattro facoltà delle università medievali:teologia,filosofia,poesia e giurisprudenza.Fu un architetto:lavora alla "Basilica di San Pietro".Raffaello muore nel 1520.Il suo corpo è conservato nel Pantheon,a Roma.

Le Stanze Vaticane,o stanze di Raffaello, sono 4 sale in sequenza che fanno parte dei Musei Vaticani. Da ovest a est troviamo la "Stanza dell'Incendio",la"Stanza della Segnatura",la"Stanza di Eliodoro"e la"Sala di Costantino".Questa commissione nacque dal desiderio di Papa Giulio II di abitare altri ambienti dei palazzi vaticani,non volendo usare l'appartamento già utilizzato da papa Alessandro VI. Le prime tre stanze sono coperte da una volta a crociera,la quarta aveva un soffitto di travi.

Le Stanze Vaticane,o stanze di Raffaello, sono 4 sale in sequenza che fanno parte dei Musei Vaticani. Da ovest a est troviamo la "Stanza dell'Incendio",la"Stanza della Segnatura",la"Stanza di Eliodoro"e la"Sala di Costantino".Questa commissione nacque dal desiderio di Papa Giulio II di abitare altri ambienti dei palazzi vaticani,non volendo usare l'appartamento già utilizzato da papa Alessandro VI. Le prime tre stanze sono coperte da una volta a crociera,la quarta aveva un soffitto di travi.

La Stanza dell'Incendio di Borgo fu l'ultima in cui è riscontrabile un intervento diretto di Raffaello. L'esecuzione degli affreschi venne affidata in larghissima parte agli aiuti (Giulio Romano, Giovan Francesco Penni, Giovanni da Udine e altri) poiché il maestro era ormai preso da altre commissioni papali, prime fra tutti gli arazzi della Sistina e l'architettura della Basilica vaticana, dove il Sanzio aveva preso l'incarico di Bramante dopo la sua morte.

La Stanza dell'Incendio di Borgo fu l'ultima in cui è riscontrabile un intervento diretto di Raffaello. L'esecuzione degli affreschi venne affidata in larghissima parte agli aiuti (Giulio Romano, Giovan Francesco Penni, Giovanni da Udine e altri) poiché il maestro era ormai preso da altre commissioni papali, prime fra tutti gli arazzi della Sistina e l'architettura della Basilica vaticana, dove il Sanzio aveva preso l'incarico di Bramante dopo la sua morte.

La Stanza della Segnatura viene dipinta da Raffaello tra il 1508 e il 1511,è la prima stanza delle quattro che formano l'appartamento di Giulio II e di Leone X in Vaticano.L'ambiente prende il nome dal più alto tribunale della Santa Sede,la "Segnatura Gratiae et Iustitiae",presieduto dal pontefice e che usava riunirsi in questa sala.Gli affreschi sulle pareti ci permettono di conoscere il pensiero politico,filosofico e religioso di quell'epoca.

La Stanza della Segnatura viene dipinta da Raffaello tra il 1508 e il 1511,è la prima stanza delle quattro che formano l'appartamento di Giulio II e di Leone X in Vaticano.L'ambiente prende il nome dal più alto tribunale della Santa Sede,la "Segnatura Gratiae et Iustitiae",presieduto dal pontefice e che usava riunirsi in questa sala.Gli affreschi sulle pareti ci permettono di conoscere il pensiero politico,filosofico e religioso di quell'epoca.

La Stanza di Eliodoro fu la seconda ad essere decorata. Ha 4 affreschi alle pareti: Cacciata di Eliodoro dal tempio, Messa di Bolsena, Liberazione di san Pietro, Incontro di Leone Magno con Attila. Nel soffitto ci sono 4 episodi biblici. La volta ha al centro un medaglione con lo stemma di Papa Giulio II. Attorno c'è un anello figurato diviso diagonalmente in quattro scomparti. Le scene rappresentate sono il Sacrificio di Isacco, il Roveto ardente,la Scala di Giacobbe,l'Apparizione di Dio a…

La Stanza di Eliodoro fu la seconda ad essere decorata. Ha 4 affreschi alle pareti: Cacciata di Eliodoro dal tempio, Messa di Bolsena, Liberazione di san Pietro, Incontro di Leone Magno con Attila. Nel soffitto ci sono 4 episodi biblici. La volta ha al centro un medaglione con lo stemma di Papa Giulio II. Attorno c'è un anello figurato diviso diagonalmente in quattro scomparti. Le scene rappresentate sono il Sacrificio di Isacco, il Roveto ardente,la Scala di Giacobbe,l'Apparizione di Dio a…

La volta della Stanza della Segnatura è la prima ad essere affrescata, è divisa in 13 scomparti. Al centro c'è un ottagono con putti che reggono lo stemma papale. Attorno ci sono 4 troni con le personificazioni della Teologia,Giustizia,Filosofia e Poesia. Agli angoli ci sono 4 riquadri a finto mosaico con Adamo ed Eva,il Giudizio di Salomone,il Primo moto e Apollo e Marsia. Tra gli ottagoni ci sono scomparti minori con 2 rappresentazioni,la superiore è  monocroma,l'inferiore è policroma.

La volta della Stanza della Segnatura è la prima ad essere affrescata, è divisa in 13 scomparti. Al centro c'è un ottagono con putti che reggono lo stemma papale. Attorno ci sono 4 troni con le personificazioni della Teologia,Giustizia,Filosofia e Poesia. Agli angoli ci sono 4 riquadri a finto mosaico con Adamo ed Eva,il Giudizio di Salomone,il Primo moto e Apollo e Marsia. Tra gli ottagoni ci sono scomparti minori con 2 rappresentazioni,la superiore è monocroma,l'inferiore è policroma.

La Messa di Bolsena (Stanza di Eliodoro) è un affresco. Raffigura il miracolo eucaristico di Bolsena.Questo miracolo avvenne nel 1263, quando un sacerdote boemo, dubitante della transustanziazione, vide sgorgare gocce di sangue da un'ostia. La scena è impostata in masse equilibrate, ma con una simmetria piuttosto libera.

La Messa di Bolsena (Stanza di Eliodoro) è un affresco. Raffigura il miracolo eucaristico di Bolsena.Questo miracolo avvenne nel 1263, quando un sacerdote boemo, dubitante della transustanziazione, vide sgorgare gocce di sangue da un'ostia. La scena è impostata in masse equilibrate, ma con una simmetria piuttosto libera.

La Liberazione di san Pietro (Stanza di Eliodoro) è un affresco. Al centro, avviene l'apparizione radiosa dell'angelo nel carcere;A destra l'angelo conduce l'apostolo fuori dal carcere,in un'atmosfera tra sogno e realtà; A sinistra dei soldati scoprono la fuga, mentre si agitano al chiarore della luna e dei bagliori delle fiaccole, che accendono le loro armature di riflessi.

La Liberazione di san Pietro (Stanza di Eliodoro) è un affresco. Al centro, avviene l'apparizione radiosa dell'angelo nel carcere;A destra l'angelo conduce l'apostolo fuori dal carcere,in un'atmosfera tra sogno e realtà; A sinistra dei soldati scoprono la fuga, mentre si agitano al chiarore della luna e dei bagliori delle fiaccole, che accendono le loro armature di riflessi.

Studio per il monumento equestre a Francesco Sforza (1482-1493)

Studio per il monumento equestre a Francesco Sforza (1482-1493)