Roma misteri e leggende #FS4Expo2015

Curiosità, leggende, aneddoti della Roma che non ti aspetti
14 Pins73 Followers
La vista della cupola di San Pietro da via Niccolò Piccolomini è un’esperienza da non perdere. Percorrete la via, osservando la cupola, ed ecco che più vi avvicinate, più il Cupolone si allontana. Se indietreggiate, la cupola vi sembra più grande e più vicina. Un gioco di prospettive che rende affascinante la visuale e suggestivo l’effetto visivo. Si tratta di un curioso effetto ottico, dovuto alla disposizione degli edifici e al punto di osservazione.

The view onto the dome of St. Peter’s from Via Niccolò Piccolomini is an experience not to be missed. From here, in fact, the dome may be seen … from quite a unique perspective.

Una curiosa leggenda è legata alla magnifica Basilica di Santa Maria Maggiore. Nel 358 d.C. la Madonna apparve in sogno a Papa Liberio chiedendogli di costruire una chiesa a lei dedicata. La mattina stessa una nevicata imbiancò proprio il luogo dove ora sorge la Basilica: era il 5 agosto.

Il miracolo della neve a Santa Maria Maggiore -

In passato una delle feste religiose e profane più sentite a Roma era quella di San Giovanni, patrono della città, festeggiato il 24 giugno. La festa cominciava la notte della vigilia, la cosiddetta “notte delle streghe”, durante la quale la tradizione voleva che le streghe andassero in giro a catturare le anime. La gente partiva allora da tutti i rioni di Roma e si concentrava a San Giovanni in Laterano per pregare il santo e per mangiare le lumache nelle osterie e nelle baracche.

Amazing Halloween wallpapers are here to spice up and refresh your desktop on the eve of the coolest holiday. Besides Halloween ico.

La campana della Sperduta. Se vi trovate a piazza Santa Maria Maggiore circa un quarto d'ora prima delle 21, sentirete suonare una campana, che però non è un avviso per un'imminente celebrazione...

Boutique Hotel in the center of Rome, facing the Basilica of Santa Maria Maggiore and just a few minutes walk from the Colosseum.

Questa curiosità ci porta indietro negli anni, esattamente al 1680, quando il marchese Massimiliano Palombara, raffinato letterato, famoso in Roma come appassionato di occultismo e di esoterismo,  fece incidere su una delle porte della sua villa la “ricetta” magica della trasformazione del piombo in oro, che un suo ospite e allievo gli aveva lasciato facendo in seguito perdere le sue tracce.

famous to Romans, in the central district of Piazza Vittorio, inside the Park, the remains of an old Villa reveal a Magic or Alchemist Door, a portal into the real and secretive world of alchemy.

Palazzo Spada, Borromini ed il gioco della prospettiva

This is "la vendetta di virgilio" by etra comunicazione on Vimeo, the home for high quality videos and the people who love them.

Via del Corso si chiama così non perché è il corso principale della città, ma per un motivo ben diverso...

Via del Corso

Museo delle Anime del Purgatorio - Allestito in un locale adiacente alla sacrestia della piccola chiesa neogotica del Sacro Cuore Del Suffragio. Alla fine dell'Ottocento, il missionario francese Victor Jouet, a seguito di un misterioso incendio sviluppatosi all’interno della chiesa appena ultimata nella cappella del Rosario, decise di girare l’Europa alla ricerca di testimonianze dell’esistenza ultraterrena dei defunti e dei loro contatti con i congiunti viventi.

Museo delle Anime del Purgatorio - Allestito in un locale adiacente alla sacrestia della piccola chiesa neogotica del Sacro Cuore Del Suffragio. Alla fine dell'Ottocento, il missionario francese Victor Jouet, a seguito di un misterioso incendio sviluppatosi all’interno della chiesa appena ultimata nella cappella del Rosario, decise di girare l’Europa alla ricerca di testimonianze dell’esistenza ultraterrena dei defunti e dei loro contatti con i congiunti viventi.

Le "statue parlanti" sono sculture in pietra utilizzate in passato dal popolo romano per affiggervi satire clandestine rivolte preferibilmente contro il governo e i suoi rappresentanti.

Le "statue parlanti" sono sculture in pietra utilizzate in passato dal popolo romano per affiggervi satire clandestine rivolte preferibilmente contro il governo e i suoi rappresentanti.

La Sedia del diavolo, che si trova in piazza Elio Callistio (quartiere Africano), in realtà sarebbe il sepolcro di Elio Callistio, un liberto di Adriano. Il sepolcro, anticamente, era un importante monumento a due piani, con decorazioni, statue e pavimenti in mosaico.

La Sedia del diavolo, che si trova in piazza Elio Callistio (quartiere Africano), in realtà sarebbe il sepolcro di Elio Callistio, un liberto di Adriano. Il sepolcro, anticamente, era un importante monumento a due piani, con decorazioni, statue e pavimenti in mosaico.

Un misto di storia e leggenda è racchiuso nelle vicende legate alla rupe Tarpea e alle oche del Campidoglio. Pur essendo il più basso e il meno esteso dei sette colli di Roma, il Campidoglio è forse quello più legato agli avvenimenti storici della città, in quanto fulcro fin dall’antichità delle attività politiche e religiose di Roma.

La rupe Tarpea e le oche del Campidoglio

Sul piazzale prospiciente l'Arco di Costantino al Colosseo, è visibile la planimetria dell'antica fontana detta "Meta Sudans", conosciuta anche come la Torre di Virgilio. conoscete la leggenda della "vendetta di Virgilio"?

This is "la vendetta di virgilio" by etra comunicazione on Vimeo, the home for high quality videos and the people who love them.

Pinterest
Search