Reggio Emilia Cibi e Ricette #FS4Expo2015

19 Pins76 Followers
Il filetto di maiale all'aceto balsamico è un gustosissimo secondo piatto che appartiene alla gastronomia reggiana. Lasciatevi trasportare dai suoi antichi ed autentici sapori, tesori inalterabili di questa meravigliosa terra.

Il filetto di maiale all'aceto balsamico è un gustosissimo secondo piatto che appartiene alla gastronomia reggiana. Lasciatevi trasportare dai suoi antichi ed autentici sapori, tesori inalterabili di questa meravigliosa terra.

Tortelli d'erbetta:si tratta di una minestra asciutta di involtini di sfoglia all'uovo ripieni di un impasto composto da spinaci o bietole verdi anche in abbinamento con aromi, condimento, formaggio e ricotta. Gli ingredienti di base del pesto possono variare nella proporzione della composizione secondo le tradizioni locali e familiari.

tortelli d'erbetta with butter and parmesan cheese, Italy

La torta di riso è molto diffusa  in Emilia. Ne esistono diverse versioni, più o meno ricche di ingredienti. La ricetta più utilizzata a Reggio Emilia è quella semplice che utilizza solo gli ingredienti base: riso, uova, latte e zucchero, unitamente all'immancabile liquore Sassolino. E' questa semplice torta di riso  che si può acquistare in molti forni artigiani del centro.

La torta di riso è molto diffusa in Emilia. Ne esistono diverse versioni, più o meno ricche di ingredienti. La ricetta più utilizzata a Reggio Emilia è quella semplice che utilizza solo gli ingredienti base: riso, uova, latte e zucchero, unitamente all'immancabile liquore Sassolino. E' questa semplice torta di riso che si può acquistare in molti forni artigiani del centro.

Pizza fritta dolce: un dolce romagnolo tipico del periodo di Carnevale, buonissimo sia freddo che caldo, crea una golosa dipendenza. Un dolce tipico dell'Emilia-Romagna, regione con grandi tradizioni gastronomiche.

Pizza fritta dolce: un dolce romagnolo tipico del periodo di Carnevale, buonissimo sia freddo che caldo, crea una golosa dipendenza. Un dolce tipico dell'Emilia-Romagna, regione con grandi tradizioni gastronomiche.

I garganelli sono un tipo di pasta all’uovo tipico dell’Emilia Romagna, conosciuti ormai in tutto il mondo. Questo formato consiste in quadrati di pasta arrotolati, la cui rigatura permette di raccogliere bene i sughi.

I garganelli sono un tipo di pasta all’uovo tipico dell’Emilia Romagna, conosciuti ormai in tutto il mondo. Questo formato consiste in quadrati di pasta arrotolati, la cui rigatura permette di raccogliere bene i sughi.

Cappelletti:sono il piatto tipico della provincia di Reggio Emilia; la loro forma, che nell'Appennino reggiano è più minuta, tende ad aumentare scendendo dal crinale alla pianura e ad al Po. Vengono cucinati in brodo di cappone o con salse tipiche romagnole

Cappelletti:sono il piatto tipico della provincia di Reggio Emilia; la loro forma, che nell'Appennino reggiano è più minuta, tende ad aumentare scendendo dal crinale alla pianura e ad al Po. Vengono cucinati in brodo di cappone o con salse tipiche romagnole

Bomba di Riso Reggiana:un'antica e tipica ricetta della tradizione emiliana, si pensa che le sue origini provengano dalle montagne Reggiane, dove il freddo e la neve forgiavano le persone di un tempo, ma al tempo stesso si riscaldavano davanti a pietanze, dove la tradizione ha fatto si che arrivassero fino a noi.

Bomba di Riso Reggiana:un'antica e tipica ricetta della tradizione emiliana, si pensa che le sue origini provengano dalle montagne Reggiane, dove il freddo e la neve forgiavano le persone di un tempo, ma al tempo stesso si riscaldavano davanti a pietanze, dove la tradizione ha fatto si che arrivassero fino a noi.

Lo strozzaprete è un tipo di pasta caratteristico dell'Emilia Romagna che solitamente viene abbinato a ragù particolarmente elaborati e sughi molto conditi, per compensare la "povertà" della sua composizione e la semplicità dei suoi ingredienti.

Lo strozzaprete è un tipo di pasta caratteristico dell'Emilia Romagna che solitamente viene abbinato a ragù particolarmente elaborati e sughi molto conditi, per compensare la "povertà" della sua composizione e la semplicità dei suoi ingredienti.

Il cazzagai o cassagai è una pietanza un po’ particolare in quanto si tratta di fagioli borlotti che, una volta lessati, vengono tuffati nella polenta in cottura.La ricetta è tipica di tutto il territorio emiliano, ma quella reggiana si contraddistingue per i fagioli, che devono essere quelli bianchi di Spagna.

Il cazzagai o cassagai è una pietanza un po’ particolare in quanto si tratta di fagioli borlotti che, una volta lessati, vengono tuffati nella polenta in cottura.La ricetta è tipica di tutto il territorio emiliano, ma quella reggiana si contraddistingue per i fagioli, che devono essere quelli bianchi di Spagna.

Il biscione reggiano è un prodotto tipico dell’arte culinaria delle antiche pasticcerie della città di Reggio Emilia. È un dolce tipico del periodo natalizio, infatti a Reggio Emilia è denominato anche “Biscione natalizio”.

Il biscione reggiano è un prodotto tipico dell’arte culinaria delle antiche pasticcerie della città di Reggio Emilia. È un dolce tipico del periodo natalizio, infatti a Reggio Emilia è denominato anche “Biscione natalizio”.

La Spongata è una torta con una base di pasta simile alla pasta brisée riempita con marmellata di mele e pere, frutta candita, pinoli e mandorle, e ricoperta da un secondo strato di sfoglia. Questo viene bucherellato fittamente per facilitare la cottura, in forno, ed infine modellato con uno stampo di legno.

La Spongata è una torta con una base di pasta simile alla pasta brisée riempita con marmellata di mele e pere, frutta candita, pinoli e mandorle, e ricoperta da un secondo strato di sfoglia. Questo viene bucherellato fittamente per facilitare la cottura, in forno, ed infine modellato con uno stampo di legno.

La "Brasadela" reggiana è tuttora un dolce tipico casalingo preparato con ingredienti poveri e presenti in ogni casa. Le ciambelle, derivazione delle antiche brasadele. si trovano anche nei forni di città e provincia.

La "Brasadela" reggiana è tuttora un dolce tipico casalingo preparato con ingredienti poveri e presenti in ogni casa. Le ciambelle, derivazione delle antiche brasadele. si trovano anche nei forni di città e provincia.

Le Chizze:nei primi decenni del secolo si narra che nel ghetto ebraico della città di Reggio Emilia, e precisamente in via dell’Aquila, il fornaio Federico Sacerdoti detto Salamein, facesse delle chizze così buone da meritarsi articoli di giornale. Fatte con la pasta del gnocco fritto, ripiegata a tortello, vengono farcite e guarnite con scaglie di Parmigiano-Reggiano.

Le Chizze:nei primi decenni del secolo si narra che nel ghetto ebraico della città di Reggio Emilia, e precisamente in via dell’Aquila, il fornaio Federico Sacerdoti detto Salamein, facesse delle chizze così buone da meritarsi articoli di giornale. Fatte con la pasta del gnocco fritto, ripiegata a tortello, vengono farcite e guarnite con scaglie di Parmigiano-Reggiano.

Pinterest
Search