Mantecato del Maltese- Agricola Falode.

Mantecato del Maltese- Agricola Falode.

Il Conciato romano, dopo anni di abbandono, sta conoscendo oggi un rinnovato interesse, tanto da essere diventato presidio Slow Food unico della provincia di Caserta ed essere stato incluso nell’elenco regionale dei prodotti tradizionali della Campania

Il Conciato romano, dopo anni di abbandono, sta conoscendo oggi un rinnovato interesse, tanto da essere diventato presidio Slow Food unico della provincia di Caserta ed essere stato incluso nell’elenco regionale dei prodotti tradizionali della Campania

Il Casuforte o Cacioforte è un formaggio caprino stagionato confezionato a Statigliano, una piccola frazione di Roccaromana, comune della provincia di Caserta.

Il Casuforte o Cacioforte è un formaggio caprino stagionato confezionato a Statigliano, una piccola frazione di Roccaromana, comune della provincia di Caserta.

Provola affumicata di bufala.

Provola affumicata di bufala.

Il caso conzato o conciato romano, è un prelibato formaggio dal gusto intenso prodotto da secoli nel Casertano, da antiche aziende della zona di Pontelatone-Castel di Sasso e delle vicine Colline Caiatine. Il suo nome è la deformazione dialettale di "cacio conciato", cioè sottoposto a cure molto laboriose.

Il caso conzato o conciato romano, è un prelibato formaggio dal gusto intenso prodotto da secoli nel Casertano, da antiche aziende della zona di Pontelatone-Castel di Sasso e delle vicine Colline Caiatine. Il suo nome è la deformazione dialettale di "cacio conciato", cioè sottoposto a cure molto laboriose.

Il ricercatissimo Marzolino o Marzellina di Teano, un prelibato formaggio morbido di media stagionatura prodotto nelle frazioni collinari del Comune di Teano.

Il ricercatissimo Marzolino o Marzellina di Teano, un prelibato formaggio morbido di media stagionatura prodotto nelle frazioni collinari del Comune di Teano.

Ricotta di bufala DOP.

Ricotta di bufala DOP.

Cacio peruto: forma variabile dal cilindro al rotondo con un peso che non supero i 4 etti; crosta e pasta sono di colore grigio con odore fortemente aromatico dal gusto piccante. Prodotto da gennaio a luglio nel comune di Sessa Aurunca (CE). Formaggio prodotto fin dai tempi di Plinio; Casu peruto sta per "vizzo, aggrinzito".

Cacio peruto: forma variabile dal cilindro al rotondo con un peso che non supero i 4 etti; crosta e pasta sono di colore grigio con odore fortemente aromatico dal gusto piccante. Prodotto da gennaio a luglio nel comune di Sessa Aurunca (CE). Formaggio prodotto fin dai tempi di Plinio; Casu peruto sta per "vizzo, aggrinzito".

Cacio- Costanzo di Fossa:è un formaggio a pasta filata prodotto con solo latte di bufala, stagionato per circa 3 mesi dal Mini Caseificio Costanzo e poi trasferito nelle fosse dell'Emilia Romagna dove rimane dai primi giorni di agosto fino ai primi giorni di novembre. Conservare a +4° C. Consumare a +15-20° C. Ingredienti: latte di bufala, caglio e sale.

Cacio- Costanzo di Fossa:è un formaggio a pasta filata prodotto con solo latte di bufala, stagionato per circa 3 mesi dal Mini Caseificio Costanzo e poi trasferito nelle fosse dell'Emilia Romagna dove rimane dai primi giorni di agosto fino ai primi giorni di novembre. Conservare a +4° C. Consumare a +15-20° C. Ingredienti: latte di bufala, caglio e sale.

Bianco, rosso e verde: questa è una ricetta di Rosanna Marziale, chef del ristorante Le colonne di Caserta e preziosa testimonial della Mozzarella di Bufala Campana DOP.

Bianco, rosso e verde: questa è una ricetta di Rosanna Marziale, chef del ristorante Le colonne di Caserta e preziosa testimonial della Mozzarella di Bufala Campana DOP.


Altre idee
Bagnare delle freselle integrali rotonde, in genere una a persona, immergendole per qualche secondo in una scodella piena d'acqua fresca; sgocciolarle e disporle su un largo piatto o su piatti individuali ed in ogni modo senza sovrapporle. Condirle con un pizzico di sale, qualche goccia d'aceto, un sottile filo d'olio e lasciarle riposare.

Bagnare delle freselle integrali rotonde, in genere una a persona, immergendole per qualche secondo in una scodella piena d'acqua fresca; sgocciolarle e disporle su un largo piatto o su piatti individuali ed in ogni modo senza sovrapporle. Condirle con un pizzico di sale, qualche goccia d'aceto, un sottile filo d'olio e lasciarle riposare.

Il timballo ripieno è un modo tipico di impiegare gli avanzi di cibo (dai vari tipi di pasta conditi, a formaggi, salumi, verdure etc...) "nobilitandoli" come ripieno tra due strati di pasta sfoglia. Nulla vieta che il ripieno sia comunque preparato espressamente per il timballo

Il timballo ripieno è un modo tipico di impiegare gli avanzi di cibo (dai vari tipi di pasta conditi, a formaggi, salumi, verdure etc...) "nobilitandoli" come ripieno tra due strati di pasta sfoglia. Nulla vieta che il ripieno sia comunque preparato espressamente per il timballo

Sono biscotti da latte dal sapore delicato e non pesanti. Le dosi possono sembrare eccessive ma possono essere conservati per parecchio tempo (in via teorica, ma in pratica non hanno vita lunga una volta .... a portata di mano) in contenitori di latta.

Sono biscotti da latte dal sapore delicato e non pesanti. Le dosi possono sembrare eccessive ma possono essere conservati per parecchio tempo (in via teorica, ma in pratica non hanno vita lunga una volta .... a portata di mano) in contenitori di latta.

La Menesta 'mmaretata è la classica pietanza pasquale che segue il ricco antipasto tradizionale.

La Menesta 'mmaretata è la classica pietanza pasquale che segue il ricco antipasto tradizionale.

Impastare una parte di farina con il lievito sciolto in poca acqua tiepida. Formare una piccola pagnotta. Mettere a crescere per circa mezz'ora. Impastare la pagnotta ottenuta con la rimanente farina, insieme a sugna, pepe, sale ed acqua tiepida, ottenendo una pasta morbida. Riporla in una scodella e metterla a crescere in luogo riparato ed a temperatura costante per un'ora (o un'ora e mezza) finchè non raddoppia di volume...

Impastare una parte di farina con il lievito sciolto in poca acqua tiepida. Formare una piccola pagnotta. Mettere a crescere per circa mezz'ora. Impastare la pagnotta ottenuta con la rimanente farina, insieme a sugna, pepe, sale ed acqua tiepida, ottenendo una pasta morbida. Riporla in una scodella e metterla a crescere in luogo riparato ed a temperatura costante per un'ora (o un'ora e mezza) finchè non raddoppia di volume...

Spesso in casa avanzano pezzetti di pane di varie forme e dimensioni, con bordi irregolari e poco adatti ad essere riutilizzati a tavola,non buttate niente!

Spesso in casa avanzano pezzetti di pane di varie forme e dimensioni, con bordi irregolari e poco adatti ad essere riutilizzati a tavola,non buttate niente!

Pulire le scarole, togliere il torsolo e tagliare le foglie in due o tre pezzi, farle bollire per 2 minuti in acqua già bollente. Scolarle, passarle in acqua fredda e farle sgocciolare bene. Mettere tutto l’olio in una padella, aggiungere le ulive snocciolate, i capperi dissalati e tutti gli altri ingredienti...

Pulire le scarole, togliere il torsolo e tagliare le foglie in due o tre pezzi, farle bollire per 2 minuti in acqua già bollente. Scolarle, passarle in acqua fredda e farle sgocciolare bene. Mettere tutto l’olio in una padella, aggiungere le ulive snocciolate, i capperi dissalati e tutti gli altri ingredienti...

Lessare, sbucciare e schiacciare la patata. Sciogliere il lievito in 2 o 3 cucchiai di acqua tiepida. Fare la fontana con la farina, mettervi il lievito sciolto e tutti gli altri ingredienti e, aggiungendo un po’ alla volta altra acqua tiepida, fare una pasta molto morbida che si lavorerà bene sul tavolo infarinato fino a che sia liscia ed elastica. Farne una palla e metterla a lievitare coperta e lontana da correnti d’aria...

Lessare, sbucciare e schiacciare la patata. Sciogliere il lievito in 2 o 3 cucchiai di acqua tiepida. Fare la fontana con la farina, mettervi il lievito sciolto e tutti gli altri ingredienti e, aggiungendo un po’ alla volta altra acqua tiepida, fare una pasta molto morbida che si lavorerà bene sul tavolo infarinato fino a che sia liscia ed elastica. Farne una palla e metterla a lievitare coperta e lontana da correnti d’aria...

Il Migliaccio, dolce tipico di carnevale al pari delle Chiacchiere, ha numerosissime varianti: con e senza canditi, con e senza uvetta, con e senza ricotta, con e senza latte, con burro o margarina o con lo strutto, dolce e salato..Le Ricette della Cucina Casertana: del Migliaccio dolce

Il Migliaccio, dolce tipico di carnevale al pari delle Chiacchiere, ha numerosissime varianti: con e senza canditi, con e senza uvetta, con e senza ricotta, con e senza latte, con burro o margarina o con lo strutto, dolce e salato..Le Ricette della Cucina Casertana: del Migliaccio dolce

La Pizza Figliata è un dolce tipico dell’alto casertano, un dolce povero e, come spesso avviene, di recupero. Volendo dare una pietra di paragone potremmo paragonarlo ad uno strudel.

La Pizza Figliata è un dolce tipico dell’alto casertano, un dolce povero e, come spesso avviene, di recupero. Volendo dare una pietra di paragone potremmo paragonarlo ad uno strudel.

Pinterest
Cerca